Home Internet Cybercrime: le minacce informatiche del 2015

Cybercrime: le minacce informatiche del 2015

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Non è necessario che una minaccia informatica sia popolare come il recente attacco alla Sony o la diffusone online di parte dell’ultimo album di Madonna: il 2014 è stato caratterizzato da un’attività intensa dei cracker, che hanno diversificato le loro tecniche per colpire i loro bersagli.

La prima tendenza rilevata da ESET, azienda specializzata in sicurezza informatica, è infatti la crescita di attacchi precisi: gli APT, Advanced Persistent Threats, che selezionano accuratamente il target e colpiscono con discrezione, potendo appunto persistere nel tempo. Se nel 2010 si erano registrati solo tre episodi simili, nel 2014 la cifra raggiunta è stata di 54 attacchi. Tra i più celebri ricordiamo l’operazione Windigo, rivolta ai sistemi Linux, o la campagna BlackEnergy, che ha colpito alcuni grandi sistemi di controllo industriale.

Altrettanto importante è la vulnerabilità dei sistemi di pagamento online. Dogevault, uno tra i principali sistemi per creare wallet virtuali, ha subito furti per 121 milioni di Dogecoins, pari a 56 mila dollari.
Neanche i PoS sono stati risparmiati dai cyber-criminali: il malware Win32/BrutPOS ha permesso loro di accedere ai sistemi tramite le password più utilizzate. I ransomware, invece, puntano ai portafogli degli utenti in modo diverso: esigono un riscatto per sbloccare gli hard disk dei computer che bloccano, ma nulla assicura che a una prima richiesta non ne segua un’altra e un’altra ancora. Persino aziende come Yahoo o AOL sono state colpite da richieste illecite, come ha evidenziato il panel “Cybercrime 2020: The Future of Online Crime and Investigations”. Il ransomware potrebbe proliferare senza difficoltà, vista la propensione dei consumatori a pagare per tornare in possesso di ciò che è loro. Va comunque ricordato che dei comportamenti responsabili – scegliere password complicate, fare attenzione ad annunci sospetti o allarmi poco verosimili – possono ridurre il rischio di subire attacchi come questi.

Altro settore pieno di possibilità, positive e negative, è l’Internet of Things: i sistemi di apertura delle automobili, i router, le smart tv o i Google glass sono soggetti a minacce talvolta non facili da prevenire. La frequenza non è ancora molto alta, sebbene potrebbe salire nei prossimi anni.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Le cause di rifiuto delle fatture elettroniche da parte della PA

    Fatture elettroniche: le cause di rifiuto da parte della PA

    Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell'economia e delle finanze
    Addio password: nuova normalità e riconoscimento biometrico

    Addio password, nuova normalità basata sul riconoscimento biometrico

    La digitalizzazione forzata ha fatto aumentare gli attacchi hacker del 700% nei primi 6 mesi del 2020
    Nuova normalità, lavoro remoto e protocolli di sicurezza

    Nuova normalità, lavoro remoto e protocolli di sicurezza

    Gli MSP devono aiutare i clienti a superare la pandemia e prepararsi al futuro
    Immobiliare.it sceglie il datacenter di SUPERNAP Italia

    Immobiliare.it sceglie il datacenter di SUPERNAP Italia

    Obiettivo: ampliare l’infrastruttura tecnologica e attivare una business continuity di livello superiore
    gestione del rischio di terze parti

    White Paper gratuito: ottimizzare la gestione del rischio di terzi

    La gestione del rischio di terze parti (TRRM, Third-Party Risk Management) non è un concetto nuovo, tuttavia, gli eventi recenti hanno portato la disciplina in primo...