Qualche suggerimento da Mozilla per preservare l’incolumità degli utenti mobile

Sicurezza mobile
Tempo di lettura: 2 minuti

Se l’installazione dell’anti-virus sul pc è la prima azione che si compie subito dopo l’acquisto, per lo smartphone non si può dire lo stesso quando invece i rischi connessi sono altrettanto pericolosi.

Ecco qui di seguito alcuni suggerimenti di Mozilla, il progetto non-profit che ha realizzato il browser Firefox per Windows, Mac e Android.

1.       Scegliere il browser

Molti utilizzatori di smartphone navigano con il browser preinstallato senza essersi mai posti domande sui rischi e sulle possibili alternative. Esistono diversi browser per navigare in Internet, come ad esempio Firefox per Android di Mozilla, che si possono utilizzare anche sui dispositivi mobili e che offrono una protezione maggiore grazie ai componenti aggiuntivi (add-on). Ad esempio, se si vuole prestare lo smartphone ad un amico, Firefox offre sessioni ospite che consentono di proteggere contenuti web privati come cronologia, segnalibri e password.

2.       Decidere consapevolmente di quali dati vogliamo rimanga traccia.

Ogni volta che scarichiamo nuove applicazioni e comunichiamo i diritti di accesso, ogni volta che inseriamo una parola in un motore di ricerca e nelle pagine che visitiamo lasciamo delle informazioni personali. Firefox possiede una funzione denominata “Do Not Track” grazie alla quale l’utente può comunicare che il suo comportamento di navigazione non deve essere registrato e che i suoi dati non devono essere raccolti.

3.       Prestare attenzione quando si installa un’applicazione

Gli utenti dovrebbero riflettere bene sulla modalità di utilizzo delle app, in quanto queste accedono a dati personali. Prima dell’installazione occorre quindi verificare i diritti di accesso. È buona pratica accertare sempre la fonte di provenienza e controllare il numero di utenti prima di installare l’app. È consigliabile caricare solo le app provenienti da un app store ufficiale e verificare sempre le autorizzazioni richieste in caso di aggiornamenti. Infine, quando le vecchie app non servono più, è preferibile cancellarle.                                              

4.       Proteggere i propri dati sullo smartphone

Se non si utilizzano funzioni come Bluetooth, WLAN o GPS è opportuno disattivarle, in quanto ogni canale in uscita dal cellulare rappresenta anche una via di ingresso. È preferibile non memorizzare password sul cellulare, ma se proprio occorre farlo, Firefox offre “Mobile Password Manager”, l’add-on che protegge i dati con una master password contro l’accesso di terzi: con questa funzione le password vengono sbloccate e inserite nelle pagine e, una volta terminata la navigazione in Internet, con la chiusura di Firefox il nome utente e la password vengono nuovamente bloccati.