Home Vertical FinanceTech Online banking: gli italiani lo ritengono poco sicuro

Online banking: gli italiani lo ritengono poco sicuro

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Quasi la metà (42%) degli utenti Internet italiani crede che le attività bancarie tradizionali siano più sicure di quelle online. Nonostante questi timori, la maggior parte degli intervistati in un recente sondaggio realizzato da Kaspersky Lab e B2B International, effettua alcuni pagamenti online senza prendere neppure le misure di sicurezza di base, mettendo i propri soldi e la reputazione delle banche a rischio.

Uno dei modi più semplici per i criminali di accedere ai conti bancari online è quello di fingere di essere il proprietario dell’account. Questo può essere fatto ottenendo informazioni sul conto, creando una pagina di phishing in cui gli utenti inconsapevolmente comunicano il loro nome utente e password o intercettando username e password utilizzando un Trojan bancario quando gli utenti accedono alle pagine legittime della banca. I computer tradizionali e i dispositivi mobile sono entrambi vulnerabili a questi attacchi.

Dall’indagine è emerso che un numero significativo di utenti italiani (55%) si sente vulnerabile quando effettua transazioni finanziarie online. Inoltre, quasi la metà (36%) ha riferito che crede che i pagamenti offline siano più affidabili di quelli online e il 42% ritiene che le attività bancarie effettuate allo sportello della propria filiale siano più sicure di quelle eseguite tramite online banking.

Quando è stato chiesto quale fosse l’attività che svolgono regolarmente in rete, gli utenti italiani intervistati hanno confermato il loro timore ad effettuare pagamenti online, infatti, solo il 10% degli intervistati effettua transazioni online e per farlo utilizza PC e laptop, l’8% usa il tablet, il 7% utilizza lo smartphone. E’ un pò più alta la percentuale di chi, invece, effettua pagamenti online utilizzando una Smart-TV (20%). Guardando ai risultati a livello europeo è emersa una tendenza decisamente opposta a quella italiana. A livello europeo, infatti, le percentuali di chi effettua pagamenti online tramite PC e Laptop (76%), Smarphone (30%) e Tablet (22%) sono decisamente più alte mentre solo il 12% effettua operazioni di pagamento tramite Smart-Tv.

“Il fatto che i clienti scelgano le attività bancarie tradizionali per paura di incorrere in frodi su Internet, ostacolerà l’adozione dei sistemi di pagamento online e mobile così come i profitti che deriverebbero da queste attività. Questo costringerà le banche a investire un numero più alto di risorse in rami con margini più bassi. Per coloro che invece effettuano pagamenti online e mobile, persiste il problema della sicurezza legata alle transazioni online che mette a rischio non solo i propri soldi ma anche la reputazione della banca. Ecco perché oggi è di vitale importanza che le banche investano in tecnologia per garantire un ambiente sicuro per i propri clienti. Questo approccio non solo rassicurerebbe i clienti che preferiscono svolgere le proprie attività finanziarie direttamente presso le filiali e li indurrebbe a pensare che le attività di banking online e mobile sono altrettanto sicure, ma ridurrebbe i rischi in cui incorrono i clienti, che a causa della loro negligenza, potrebbero perdere importanti dati finanziari”, ha dichiarato Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Gruppo IMQ

    Il Gruppo IMQ acquisisce Intuity e Minded Security

    Prosegue la crescita del Gruppo IMQ, che si rafforza divenendo uno tra i riferimenti del settore
    Italia in vetta alle classifiche mondiali per malware e ransomware

    Italia in vetta alle classifiche mondiali per attacchi malware e ransomware

    Il nostro Paese è l’ottavo al mondo più colpito dai malware e l’undicesimo per attacchi ransomware
    L'importanza dei dati per le decisioni strategiche

    L’importanza dei dati per le decisioni strategiche

    L'automazione robotizzata dei processi (RPA) consente un'acquisizione rapida ed efficiente dei dati
    Human augmentation: gli italiani i più entusiasti

    Human augmentation: gli italiani i più entusiasti

    Molti credono che sia riservata ai ricchi e temono che il corpo possa diventare bersaglio dei criminali informatici
    Bolzoni sceglie il Corporate Performance Management di Talentia

    Bolzoni SpA sceglie il Corporate Performance Management di Talentia

    Il sistema gestionale ottimizza e integra i processi di pianificazione finanziaria, budget e reporting