Sicurezza informatica: il pericolo viene dall’interno delle aziende!

624

Il rischio maggiore per le imprese riguarda la perdita dei dati accidentale ad opera dei dipendenti

Un’indagine condotta dai laboratori Kaspersky denuncia che, nel corso degli ultimi 12 mesi, il 27% delle aziende ha subito perdite di dati sensibili per il proprio business dall’interno dell’azienda stessa. La causa principale, diversamente da quanto rilevato nel 2011 – quando per la prima volta sono state rilevate minacce simili – è la condivisione accidentale di informazioni da parte dei dipendenti.

kaspersky-grafico

La ricerca, infatti, dimostra come le denunce di vulnerabilità software siano calate del 9% dal 2011 al 2014 relativamente alle grandi imprese. Sono rimaste invece immutate quelle relative alle fughe involontarie di informazioni causate da dipendenti, ma questo tipo di incidenti è aumentato del 2%. Tali dati suggeriscono che, se da una parte si riesce ad arginare una perdita, dall’altra si rischia di rimanere scoperti su più fronti. Lo smarrimento dei dispositivi o le falle nella sicurezza di un provider esterno sono tanto dannosi quando i bug nei programmi di difesa.
Un dato allarmante, in particolare, riguarda la frequenza con cui si verificano questi episodi. Solo nell’ultimo anno il 40% delle aziende del settore dell’energia ha segnalato difetti software. La percentuale si abbassa di poco nelle telecomunicazioni (35%), che però si distingue per le fughe di notizie causate dai dipendenti (42%).