Home Bitmat Guida più sicura con Jaguar Land Rover

Guida più sicura con Jaguar Land Rover

-

Tempo di lettura: 2 minuti

I laboratori di ricerca della nota casa automobilistica Jaguar Land Rover, sono impegnati nello studio di un progetto, denominato MIND SENSE, volto a verificare se una vettura sia in grado di leggere efficacemente le onde cerebrali del pilota per controllarne lo stato di attenzione o rilevarne un’eventuale sonnolenza. Monitorando costantemente quale sia la condizione dominante, un computer di bordo potrebbe potenzialmente stabilire se il pilota è concentrato, distratto, assonnato o stia sognando ad occhi aperti.

Alla NASA stanno già impiegando un sistema per sviluppare le capacità di concentrazione dei piloti e ripreso anche, per lo stesso motivo, dalla squadra USA di bob. Secondo lo studio di Jaguar Land Rover attraverso dei sensori posti sul volante, le onde celebrali vengono rilevate tramite le mani del pilota.  Poiché i segnali sono captati a notevole distanza dal capo, vengono opportunamente amplificati e filtrati per ottenere un’onda cerebrale pulita dai rumori di fondo.

Jaguar Land Rover sta sottoponendo il sistema a test su fruitori per raccogliere il maggior numero di informazioni sui diversi tipi di onde rilevate dai sensori sul volante; i risultati verranno poi sottoposti al vaglio di importanti neuroscienziati.

E’ in fase di sviluppo, invece, un sensore medicale posto nel sedile di una Jaguar XJ in grado di rilevare vibrazioni del battito cardiaco e della respirazione del pilota. In caso di improvvisa indisposizione del pilota il veicolo potrebbe contribuire a ridurre lo stress, ad esempio, variando il volume dell’audio, la climatizzazione, l’illuminazione. 

Allo studio anche un sistema per ridurre la distrazione alla guida minimizzando il tempo in cui lo sguardo del pilota è rivolto allo schermo. Nuovi touchscreen, che predicono quale pulsante verrà premuto senza necessità del contatto delle dita, potrebbe rappresentare la soluzione e proprio tale innovazione è allo studio nei laboratori Jaguar Land Rover.

Le sensazioni tattili potrebbero anche essere impiegate tramite l‘acceleratore per comunicare con il guidatore, abbreviandone i tempi di risposta ed assicurando che venga intrapresa l’azione più opportuna.

Per creare queste sensazioni tramite l’acceleratore, viene posto sulla sommità della leva pedale un attuatore che trasmette impulsi o vibrazioni al piede del pilota. Questa tecnologia impiega anche la coppia di un motore elettrico per creare una “resistenza” al pedale.

Questa resistenza potrebbe essere usata per informare chi guida che sta accelerando oltre il limite di velocità. In alternativa, nel traffico incolonnato, un tempestivo avvertimento dato tramite l’acceleratore, potrebbe impedire un tamponamento.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    CheckMe: controlla gratis la sicurezza della tua connessione

    CheckMe: controlla gratuitamente online la sicurezza della tua connessione

    Lo strumento ideato da Almaviva utilizza dati circa gli indirizzi IP riconducibili a malware
    HORIZON 2020: Kaspersky presenta CitySCAPE

    HORIZON 2020: Kaspersky presenta CitySCAPE

    I due progetti pilota per la protezione dell’ecosistema dei trasporti multimodali a Genova e Tallinn
    Guerra informatica: per 7 CISO su 10 è una minaccia imminente

    Guerra informatica: per 7 CISO su 10 è una minaccia imminente

    Secondo gli esperti del settore nei prossimi mesi e anni occorreranno interventi concreti per debellare la criminalità informatica
    Work 2035: Il lavoro di domani? Più intelligente

    Work 2035: Il lavoro di domani? Più intelligente

    L'introduzione dell'AI porterà nuove figure professionali, dipendenti più motivati e produttivi, innovazione e crescita
    Pensiero sistemico: dati real time per un approccio olistico alla gestione

    Pensiero sistemico: dati real time per un approccio olistico alla gestione

    Ogni parte di un’organizzazione, inclusi partner e clienti, deve utilizzare dati di alta qualità e affidabilità