Sicurezza aziendale: le figure più richieste nel mondo del lavoro

1016

Al via la selezione dei primi cadetti della prima Accademia Europea Tutela Privata al mondo: agevolazioni e job placement per formare i leader del futuro

In ogni impresa è richiesta la figura di un manager per la sicurezza, responsabile del servizio prevenzione e protezione. Oltre l’80% delle aziende considera il risk management un fattore chiave a livello competitivo (fonte RiskGovernance-Anra-Confapi Industria) ma, a fronte dell’esigenza sempre più consistente di professionisti come Risk&Security Manager e IT Security Specialist, è finora mancata un’offerta adeguata per l’assenza di Istituti di formazione specializzati in questo ambito.

Da questa necessità, nasce l’AETP – Accademia Europea di Tutela Privata – il primo polo internazionale multidisciplinare a formare capi della sicurezza aziendale, da Risk Manager a Security Manager e Cybersecurity Manager esperti anche in ruoli collaterali come la protezione del patrimonio e la gestione di rischi finanziari.

“Attualmente i capi della sicurezza vengono impiegati principalmente per proteggere il patrimonio, in tema di antintrusione e videosorveglianza ma un Security Manager deve avere anche competenze tecniche e abilità strategiche per relazionarsi con una serie di professionalità all’interno e all’esterno dell’azienda – spiega Diego Coco, Presidente AETP e del Consorzio Internazionale Intrasecur. Grazie ad una formazione completa che prevede l’acquisizione di competenze di varia natura, le imprese possono contare su una figura preparata a 360°, capace di interagire con i dipartimenti aziendali, dall’IT alle risorse umane e preparata. La partecipazione agli Open Days è stata massima, il survey che abbiamo condotto sui presenti e le richieste di iscrizione hanno dimostrato un forte interesse verso questo settore, continua Coco.”

Il percorso accademico, della durata biennale, inizia a settembre ed è rivolto a tutti i cittadini della Comunità Europea con diploma di scuola media superiore. Il percorso didattico è aperto a 58 allievi vincitori di concorso e i primi 5 in graduatoria potranno beneficiare di una borsa di studio a copertura completa dei due anni di Accademia, uno stimolo in più per affrontare il percorso con motivazione e determinazione.

Il bando per accedere all’Accademia è stato scaricato da oltre 1500 persone e sono state inoltrate circa 360 domande per aggiudicarsi uno degli ambiti 58 posti disponibili in Accademia.

Per agevolare anche chi versa in condizioni economiche più disagiate ma è motivato a riscattarsi, AETP offre la possibilità di chiedere un’agevolazione che consente di versare un contributo simbolico per i primi tre anni e pagare a rate la quota rimanente dal quarto anno in poi.

L’Accademia ha il grande obiettivo di formare i leader di domani con una preparazione specifica, integrata e multidisciplinare, con un’impostazione militare ma in un’ottica di formazione per il mondo del lavoro. Un accordo con la società di head hunting Articolo 1 Spa del Gruppo Idea Lavoro e specializzata in servizi HR, permetterà di allocare i cadetti uscenti nei vari dipartimenti di multinazionali operanti in molteplici settori in cui è urgentemente richiesta la figura del Security Risk Manager.

Oltre a molteplici materie fra cui intelligence, psicologia dell’emergenza, sicurezza sui luoghi di lavoro, processi cognitivo-decisionali, negoziazione e medicina, il corso prevede anche un percorso addestrativo fisico-pratico. Durante il percorso formativo, i cadetti saranno inoltre autori di contenuti su Rischio Zero, la rivista scientifica bimestrale digitale di AETP, pensata per dare informazioni dal campus con approfondimenti da parte di manager aziendali, docenti ed esperti di settore.

Tra i docenti dell’AETP professionisti, militari e manager aziendali tra cui il Trainer Claudio Belotti, Coach Internazionale in Programmazione Neuro-Linguistica (PNL), il Generale Maio Mori, la Dott.ssa Laura Volpini, criminologa e psicologa forense presso l’Università La Sapienza, il Rev. Prof. Salvatore Vitiello della Università Cattolica di Roma, la Dott.ssa Laura Mondino, docente in neuroscienze e scienze comportamentali.