Sette città del meridione diventeranno smart city grazie ad oltre 1 miliardo di investimenti

Le città del sud Italia diventeranno Smart City. Un obiettivo fattibile grazie al sostegno dell’Europa:

Del miliardo di euro previsto dai fondi europei 2014-2020 dei Pon metro, ben 750 milioni sono riservati a sette città metropolitane del meridione. A questi fondi vanno aggiunti quelli previsti dai Pon europei destinati alle agenzie digitali e quelli indicati per l’ambiente e la mobilità, ma ci saranno anche i fondi dei Por regionali”. Queste le parole di Carlo Mochi Sismondi, presidente del Forum PA in occasione della seconda edizione di Smart City Med, svoltasi a Napoli.

Ed è proprio la città partenopea ad essere la capofila del progetto, con Palermo, Catania, Reggio Calabria, Cagliari, Bari e Messina che compongono il gruppo delle altre città coinvolte dall’iniziativa.

Le risorse dei circa 100 milioni di euro destinati a Napoli, in gran parte, servirà all’attivazione di progetti per l’efficienza energetica e la mobilità, da utilizzare grazie ad una rete di collaborazione tra pubblico e privati. – ha spiegato Tommaso Sodano, vicesindaco della città.

L’obbiettivo è riuscire a ricalcare le orme di Barcellona, esempio di successo di come diversi progetti possono trasformare la città e renderla più efficiente. Sistemi per la gestione intelligente della luce nell’area metropolitana hanno permesso di risparmiare 37 milioni di dollari l’anno, un sistema di gestione delle acque ha invece contribuito ad un risparmio per la città di 58 milioni. E ancora: l’implementazione di un sistema smart ha determinato la crescita del fatturato relativo ai parcheggi di 50 milioni di dollari, ma anche l’introduzione di cassonetti intelligenti che “dicono” quando sono pieni ha permesso alla nettezza urbana di essere più efficiente. Gli interventi effettuati hanno garantito la nascita di 50 mila nuovi posti di lavoro grazie alle nuove attività legate alla gestione della smart city.