La società di marketing trevigiana, è specializzata nella comunicazione web omnichannel integrando tutti i fronti allo scopo di trovare clienti on line per le PMI italiane

Apocalisse del retail: da Velvet Media il marketplace per le PMI

Per una larga parte dei consumatori, gli acquisti online sono ormai una routine. Le vendite online sono in ascesa verticale, e iniziano a coinvolgere non solo i big del settore, ma anche le PMI: in Europa il 68% degli utenti fa acquisti online, il 74% delle aziende italiane ha un piano di investimento per vendere sul web entro l’anno. Si registrano inoltre crescite a doppia cifra per i marketplace online, e gli acquisti col telefonino continuano ad aumentare: in Italia hanno superato il 30%. Gli scenari che si stanno delineando negli Usa parlano di una apocalisse del retail: i negozi del futuro sono on line, quelli fisici stanno chiudendo a ritmi vertiginosi.

Di fatto, però, solo i giganti del web, i marketplace come Amazon o eBay dove ci sono moltissimi venditori in concorrenza tra loro, guadagnano realmente in queste transazioni. Le piccole e medie aziende, fino ad oggi, non avevano infatti la possibilità di monetizzare negli e-store. I motivi? Difficoltà nel comunicare l’esistenza nel proprio negozio on line agli utenti, complicazioni nel scegliere il marketplace più corretto e nel creare gli annunci, problemi nel trasferire o aggiornare centinaia di articoli da un marketplace all’altro.

“Per avventurarsi nella vendita on line serve essere dei professionisti, i pericoli nel web sono moltissimi”. A dirlo è Bassel Bakdounes, titolare di Velvet Media, società di marketing di Castelfranco Veneto, nel Trevigiano, che ha fatto della gestione professionale dei social network una missione. Oggi ha centocinquanta dipendenti e si è specializzata nella comunicazione web omnichannel integrando tutti i fronti: dal sito a google, passando per Facebook, tutto è direzionato con l’obiettivo di trovare clienti on line per le PMI italiane. “Il commercio sul web è il punto focale in cui si combatterà la battaglia delle vendite nei prossimi anni”, incalza Bakdounes. “La gestione professionale delle vendite online è l’arma con cui un’azienda potrà conquistare fette di mercato, mantenere la sua leadership o correre per raggiungerla. Il centri commerciali on line come Amazon o eBay sono il futuro della vendita online, ma la vittoria arriva solo attraverso siti di e-commerce che integrano e automatizzano le funzioni di caricamento nei vari marketplace.”

L’occasione delle sue dichiarazioni è il lancio di un nuovo servizio di Velvet Media, quello degli e-commerce integrati con l’intelligenza artificiale e capaci di vendere anche su tutti i marketplace esistenti, con caricamento di tutti gli articoli in automatico. Dall’unione tra i negozi virtuali più diffusi in Italia, progettati da Storeden; l’intelligenza artificiale che sa guidare in tempo reale un utente nell’acquisto di SystemEvo e la capacità di far marketing on line di Velvet Media è nato così un distretto dell’e-commerce tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, un vero e proprio polo delle eccellenze che pone l’attenzione mondiale sulla nuova Silicon Valley italiana, quella che sta diffondendo i primi e-store intelligenti del web. Il Nordest, come sempre, tiene il passo con l’innovazione: la proposta è quella di siti fatti su misura e pagabili con un abbonamento mensile, sempre aggiornati e integrati coi marketplace di riferimento.

“Il web ha molti lati oscuti e il rischio di perdere occasioni di vendita o di sperperare denaro in soluzioni fallaci è alle porte”, conclude Bakdounes. “Per questo supportiamo le aziende in questa storica ed enorme opportunità, garantendo un servizio totale, lavorando su tutte le piattaforme, dai social ai motori di ricerca. Non bastano un buon sito o un post con tanti like. Per vendere davvero online bisogna anzitutto fare del vero marketing e tradurlo in azioni efficaci. Abbiamo creato il distretto veneto dell’online selling, marketplace e ecommerce sono il futuro. Ci sono nuove regole del vendere su web: oggi i conti si fanno con i marketplace.”