Cento studenti, ottanta docenti divisi in quattro classi. Tutti motivati, entusiasti e curiosi. Questa è la realtà, e il risultato, della sperimentazione iniziata lo scorso febbraio a Caivano (Napoli), riguardo il progetto di Microsoft e MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) sulla Scuola digitale, in cui tutti i componenti scolastici sono protagonisti della nuova èra informatica e didattica che verrà presto sviluppata negli istituti scolastici nazionali.

 

L’esempio di Caivano conferma che la capacità di lavorare in gruppo, attraverso le ricerche sul web, le presentazioni in PowerPoint, e i testi su Word e i grafici di Excel, possono rendere lo studio un’attività affascinante. Grazie all’utilizzo quotidiano di lavagne interattive, durante questi quattro mesi di sperimentazione, la percentuale di partecipazione e apprendimento sono state più rapide e, perché no, divertenti. Con KitXKids, l’applicazione tutta italiana che prevede una versione ad hoc per bambini e ragazzi del pacchetto Office di Microsoft, insegnanti e ragazzi hanno collaborato in sinergia creando nuovi progetti didattici.

 

Alessandro Paolucci, Direttore della Divisione Education di Microsoft Italia, afferma che “Microsoft è da sempre attenta al mondo della scuola, come dimostrano i diversi progetti a sostegno del processo di modernizzazione del sistema educativo. E KitXKids è una applicazione tutta italiana che abbiamo ideato e realizzato per aiutare gli studenti ad avvicinarsi al mondo del computer. I risultati in termini di motivazione, partecipazione e interesse dimostrano che abbiamo trovato la giusta chiave per permettere ai ragazzi di usare la tecnologia, non soltanto come strumento di gioco, ma anche e soprattutto come strumento di studio”.

 

Questa sperimentazione si inserisce in quella più ampia per le scuole di I e II grado in collaborazione con il MIUR (Ministero dell’Istruzione, della Ricerca e dell’Università), che è pronta ad espandere questa nuova realtà in ogni aree geografica d’Italia.