Il PC cala sul mercato europeo

Mercato_PC_Europa_Gartner_slide

di Dario Martucci

Secondo l’indagine di Gartner, nel primo trimestre del 2012 sono stati venduti solo 15 milioni e mezzo di pezzi (-3,1% rispetto al 2011). L’Italia tra i Paesi con i peggiori risultati. HP è sempre il leader

Un dato per nulla incoraggiante quello registrato nella vendita di personal computer sul mercato europeo. E’ quanto risulta dall’indagine realizzata da Gartner che ha rilevato per il primo trimestre di quest’anno una diminuzione di unità acquistate del 3,1% rispetto allo stesso periodo del 2011.

 

Sono stati solo 15,5 milioni le unità vendute e tra i risultati peggiori si registra anche quello inerente al mercato italiano, in compagnia di Grecia, Portogallo e Spagna. Negli altri Paesi si segnalano la Francia, con un meno 3,9% e 2,7 milioni di consegne, mentre la Germania è uscita dal tunnel durato sei semestri, con un risultato positivo assestato al 7,1% con 3,3 milioni di unità consegnate.

 

Facendo una panoramica generale della tipologia di computer, l’unica nota positiva si è verificata nella leggera crescita nel segmento dei pc professionali, spinto dalle sostituzioni dovute dalla diffusione di Windows 7. Ma per il resto è black-out. Il segmento consumer si è fermato a meno 3,8%, e peggio ancora per i portatili che hanno sono calati del 5,1%.

 

Nulla di invariato, invece, per HP che ha incrementato la vendita di pc professionali confermandosi leader del mercato europeo con una fetta del 20,9%. A seguire Acer (14,6%), Asus, Dell e Lenovo, con quest’ultima che ha realizzato il record di crescita in un anno. Per concludere il mercato in Europa ha registrato un +2,4% delle consegne (3 milioni di pezzi) in ripresa dopo il calo complessivo del 16% registrato nel 2011.

© Riproduzione Riservata

I commenti per questo articolo non sono disponibili

I miei articoli

Seguici       •             |      Registrati