Home News Automazione: come sfruttarla per migliorare l'esperienza dei dipendenti

Automazione: come sfruttarla per migliorare l’esperienza dei dipendenti

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Una grande esperienza dipendente è fondamentale per il successo a lungo termine di ogni organizzazione. Ottenere una esperienza positiva per i dipendenti comporta una serie di sfide però, a causa soprattutto dalla velocità con la quale cambiano le aspettative del personale. Ogni nuovo ingresso dei dipendenti porta la propria lista di richieste, che obbigano a rivedere l’offerta aziendale. Un asso nella manica per gestire questa situazione in perenne mutamento però esiste, ed è l’automazione.

Durante la giornata lavorativa si perde molto tempo nel compiere attività di routine, ad esempio. Attraverso la digitalizzazione delle attività time-consuming è possibile semplificare sistemi IT complessi e i processi quotidiani. Il tempo risparmiato può essere poi investito per focalizzarsi su attività più soddisfacenti e di valore, liberando il potenziale di crescita delle persone e dell’organizzazione.

È il momento di amare l’automazione

I personal computer, le applicazioni, internet e la mobilità hanno dato il via a enormi cambiamenti di paradigma sul luogo di lavoro. Un pensiero comune però è che quelle tecnologie che avrebbero dovuto renderci la vita più facile, come la posta elettronica sul telefono cellulare ad esempio, ci fanno perdere più tempo di quanto siano di supporto.

L’enterprise IT dovrebbe risolvere questa criticità mettendo l’automazione nelle mani dei dipendenti. Ma cosa significa “automazione” nel lavoro di tutti i giorni? Significa approvare ordini di acquisto dal telefono o interagire fluentemente con un chatbot su un sito. In pratica vuol dire ottenerere ciò che voglio più velocemente o con meno sforzo. E questo rende inevitabilmente la vita più semplice. Nel momento in cui l’automazione digitale dei processi lavorativi ripetitivi diventerà più vasta, ci saranno miglioramenti generali dell’esperienza dei dipendenti.

Il fattore personale dell’automazione

Storicamente l’IT ha sempre privilegiato un approccio focalizzato sul business e sulla tecnologia. L’automazione dei luoghi di lavoro richiede un approccio più focalizzato sulle persone e sul modo di pensare dei dipendenti. La maggior parte dei dipendenti vuole completare i propri task velocemente e l’automazione rimuove o gestisce le complessità.

La fine delle attività ripetitive

Le organizzazioni che utilizzano l’automazione per gestire le operazioni in maniera più efficiente e trasformare l’esperienza dei dipendenti hanno un vantaggio competitivo. I business leader iniziano a comprendere i vantaggi dell’automazione e l’attitudine nei confronti di questa tecnologia sta cambiando. Vediamo la tecnologia gestire in maniera sempre maggiore attività come l’on-boarding, il patching dei software, la gestione della strumentazione etc. E chatbot potenziati dal machine learning e dall’intelligenza artificiale renderanno il lavoro più semplice ed efficiente, spigendo al contempo l’innovazione nelle aziende di ogni dimensione. Dando un’occhiata ora alla propria organizzazione, è importante pensare quali sono i progetti che sono stati intrapresi per alleggerire i dipendenti dalle attività di routine più dispendiose, permettendo loro di poter svolgere attività più gratificanti e creative che abbiano bisogno di pensieri complessi. È il momento di semplificare la gestione operativa per consentire ai dipendenti di concentrarsi sul lavoro che si divertono a fare, permettendo all’intera organizzazione di raggiungere in maniera più efficiente gli obiettivi di business.

A cura di Antonio Rizzi, Senior Manager Solution Consulting ServiceNow

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Numeri record per la PEC: attive 11.5 milioni di caselle

    Numeri record per la PEC: attive 11.5 milioni di caselle

    Sempre più utenti hanno compreso che PEC e firma digitale sono strumenti semplici, utili ed economici
    Apre a Milano la sede italiana di QuantumBlack

    Apre a Milano la sede italiana di QuantumBlack

    La società di advanced analytics e intelligenza artificiale, acquisita da McKinsey nel 2015, conta ora 13 uffici nel mondo
    Skebby.it: SMS marketing & service per i commercialisti

    Skebby lancia l’avanzata funzionalità SMS Link Analytics

    Questa funzionalità consente di aggiungere un link tracciabile agli SMS per misurare l’engagement e ottenere diverse informazioni utili a pianificare al meglio le successive attività in base alle interazioni del destinatario.
    Italia ultima in Europa per utilizzo dell'eGovernment

    Italia ultima in Europa per utilizzo dell’eGovernment

    Solo il 25% dei cittadini utilizza servizi digitali per interagire con la PA, contro una media europea del 60%
    Top Startups Italia 2020: le 10 migliori startup italiane

    Top Startups Italia 2020: le 10 migliori startup italiane

    LinkedIn presenta la prima classifica annuale per il nostro paese delle migliori startup emergenti