Home Internet e-commerce cross device? Ritorni più elevati!

e-commerce cross device? Ritorni più elevati!

-

Tempo di lettura: 4 minuti

Una recente analisi realizzata da Criteo mette in evidenza le abitudini di acquisto dei consumatori e indica le previsioni relative al commercio cross-device a livello globale, fornendo anche interessanti informazioni sul nostro paese. 

Misurazione Cross-Device per investimenti più intelligenti e ritorni più elevati

E’ ormai un dato di fatto che i consumatori continuano a utilizzare più dispositivi lungo il percorso di acquisto, per questo diventa fondamentale per marketer dotarsi di una misurazione accurata e scalabile, per evitare sprechi legati agli annunci. Gli strumenti di analisi tradizionali studiano le attività dispositivo per dispositivo, fornendo una visione limitata e in silos del percorso multi-dispositivo dei clienti. Il passaggio a una vista user-centric che sfrutta strumenti di misurazione cross-device avanzati consente di identificare con precisione i consumatori e fotografare un quadro completo della loro esperienza di shopping. Questo approccio si allinea con i comportamenti di acquisto e l’intenzione di attribuire in modo più accurato le transazioni. I benefici di una corretta misurazione, identificazione e attribuzione cross-device è chiaro e può essere riassunto in questi punti:

  • Senza una misurazione cross-device quasi 1 transazione su 3 può essere attribuita erroneamente.
  • I tassi di conversione derivanti da una misurazione cross-device sono fino al 40% più elevati rispetto a una visione per singolo dispositivo.
  • I percorsi di acquisto sono fino al 41% più lunghi se tracciati utilizzando una misurazione cross-device rispetto a quanto i modelli con una visione parziale indicano.

In Italia

  • Con una misurazione user-centric e cross-device, i retailer possono monitorare con maggiore precisione la conversione e ottimizzare le spese di marketing; in Italia i tassi di conversione sono 1,6 volte più alti rispetto a quello che emerge attraverso un approccio device-centric.
  • In Italia il 46% di tutte le transazioni, dalla prima visita al sito web fino all’acquisto, ha coinvolto due o più dispositivi.

Il Mobile continuerà a essere una forza dominante

Il customer journey rimane dinamico attraverso più dispositivi, ma il mobile sta mostrando un tasso di transazione più elevato e una dimensione media maggiore del valore degli ordini. I dati chiave relativi alla crescita del mobile per il quarto trimestre del 2016 includono:

  • Il 36% di tutti gli acquisti online negli Stati Uniti sono stati completati su mobile, con un aumento anno su anno del 20%.
  • Il valore degli ordini su smartphone e tablet è in crescita. La spesa da smartphone è aumentata del 7% anno su anno, mentre i tablet stanno raggiungendo la parità con i desktop per valore di transazioni.
  • Al 55% rispetto al 45%, le app mobile hanno catturato più transazioni dei browser mobile, una tendenza notata la prima volta nel report di Criteo relativo alla prima metà del 2016.
  • Con il 41%, il settore Fashion & Luxury ha mantenuto la quota maggiore di transazioni mobili.
  • Il settore degli articoli sportivi ha guadagnato il secondo posto in classifica, grazie alla crescita da mobile anno su anno più elevata, un impressionante +30%.

In Italia

  • Con una crescita del 26% su base annua, i mass merchant hanno ormai la più grande quota di transazioni mobile in Italia. Health & Beauty si attesta al secondo posto, con un aumento del 28% su base annua. Entrambi i settori scavalcano Fashion & Luxury.
  • Anche la categoria relativa agli articoli sportivi ha mostrato una forte crescita: 31% su base annua.

Smartphone, dispositivo chiave per gli acquisti cross-device

L’adagio “si naviga su smartphone, si acquista sul desktop” è ufficialmente morto. I consumatori ora utilizzano gli smartphone sia per la ricerca che per l’acquisto, il che rende ancora più importante per i retailer fornire un’esperienza sincronizzata fra desktop e mobile:

  • Quasi 1/3 di tutti le transazioni cross-device negli Stati Uniti iniziano con uno smartphone.
  • Per i top retailer negli Stati Uniti, nella seconda parte del 2016 le transazioni da smartphone hanno rappresentato il 25% del totale delle vendite online, con un incremento del 41% anno su anno.
  • Gli acquirenti cross-device sono equamente rappresentati nei tre principali dispositivi di acquisto: smartphone (28%), tablet (36%) e desktop (31%).

I numeri in Italia

  • Nel nostro paese il 20% di tutte le transazioni cross-device completate su desktop sono iniziate su uno smartphone e il 36% di quelle completate su uno smartphone hanno avuto inizio su un desktop. E, indipendentemente dal dispositivo di acquisto, circa una transazione cross-device su quattro inizia con uno smartphone.
  • Le quote di transazioni eCommerce cross-device per dispositivo sono così rappresentate: smartphone (45%), tablet (50%) e desktop (46%).
  • In Italia, quasi un terzo degli acquisti online è completato sullo smartphone, con un incremento anno su anno (YoY) dell’11%.
  • Gli acquisti da smartphone rappresentano un quinto di tutte le vendite al dettaglio online in Italia, con un incremento su base annua del 24%, mentre quelli da tablet continuano a diminuire.
  • Le transazioni effettuate su iPhone stanno rapidamente recuperando su Android con una forte crescita del 50% su base annua – 2,5 volte superiore a quella di Android.

I marketer non possono più permettersi una vista in silos dei comportamenti di acquisto dei loro clienti. I retailer più consapevoli offrono una user experience coerente su tutti i dispositivi per catturare gli acquisti ovunque si svolgono – e, con una visione cross-device del percorso di acquisto degli utenti, spendono i budget di marketing in maniera più ponderata.

Il report completo State of Cross Device di Criteo è disponibile qui.

 

 

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Unicoop Tirreno ha scelto la fatturazione digitale di Siav

    Unicoop Tirreno ha scelto la fatturazione digitale di Siav

    Il modulo Task on Demand permette alla cooperativa di seguire da remoto ogni fase del ciclo di fatturazione passiva
    GoSign Grapho: firme grafometriche raccolte via tabletm infocert

    InfoCert acquisisce il 16,7% della tedesca Authada

    InfoCert firma un accordo strategico per acquisire il 16,7% di Authada, identity provider tedesco all'avanguardia
    Digital twin e supply chain: la frontiera della logistica

    Digital twin e supply chain: la frontiera della logistica

    Designer e project planner possono visualizzare ciò che il cambiamento di una variabile comporta per l'output
    FINIX Technology Solution S.p.A.

    FINIX Technology Solutions cambia sede e sceglie l’home office

    L'HUB tecnologico segue il modello di innovazione delle principali aziende tech mondiali e sposta i propri uffici di Milano nel CoWorking Space di WeWork, incentivando lo smart working e l’home office per i propri dipendenti

    Cyber Threat Intelligence: decisioni proattive grazie alla data analytics

    Analisti esperti in intelligence devono prendere decisioni sulla base di dati in real time, selezionati e processati