Home News Smart working: come proteggere i dati dall'emergenza Coronavirus

Smart working: come proteggere i dati dall’emergenza Coronavirus

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Da anni si parla di smart working, a volte in maniera impropria, ma i recenti fatti legati alla necessità di contenimento dei contagi da Coronavirus hanno reso necessario accelerare i tempi, facendo di necessità virtù.

“Occorre però precisare che il telelavoro a volte non è smart working: se il primo obbliga il lavoratore a legarsi a un luogo fisico unico, lo smart worker può lavorare da ogni luogo, sia esso il proprio soggiorno, un parco o un pub – dice Alberto Zannol, CEO di Mobisec, azienda trevigiana che dal 2015 lavora per portare le metodologie classiche di cyber security in ambito mobile. Questo aumenta in maniera sensibile i rischi alle properties ed agli asset aziendali”.

Come difendere allora i dati delle aziende quando si lavora da casa? A seguire alcuni consigli e raccomandazioni cui attenersi secondo Zannol.

  1. DEVICE – Usa solo il computer aziendale per fare smart working. Se la tua azienda non te ne fornisce uno, usa il tuo personale e crea un’utenza apposita. In questo modo si potranno separare files e programmi che usiamo personalmente da quelli utilizzati per il lavoro. Ciò permette di continuare ad utilizzare in libertà il nostro “utente privato”, e di limitare l’utente che lavora con risorse aziendali solamente alle attività strettamente necessarie per il lavoro stesso.
  2. ANTIVIRUS – Tutti i device devono ora essere completamente indipendenti in fatto di sicurezza vista la maggiore esposizione ai rischi della rete. Un buon antivirus è il primo passo per assicurarsi che un device infetto non colpisca anche la rete aziendale.
  3. CONTENTS – L’azienda deve essere predisposta allo smart working attraverso l’adozione di servizi in cloud accreditati (Google, Microsoft SharePoint, …), in alternativa i contenuti aziendali dovrebbero essere accessibili da remoto SOLO tramite connessioni VPN point-to-point configurate per esporre lo stretto necessario. Nessuno vuole una porta aperta sul web senza un controllo sicuro degli accessi.
  4. NETWORK – Collégati solo alle reti Wi-Fi che consideri sicure (casa, ufficio personale) ed evita quelle pubbliche (ristoranti, aeroporti, …). Se sei in mobilità, usa il tuo smartphone per fare da hotspot; assicurati inoltre di aver impostato una password.
  5. CHANNELS – Usa solo canali aziendali scelti per lo scambio di informazioni (Microsoft Teams, Skype for Business, …). Evita canali non ufficiali (Discord, WhatsApp, …) e non usare utenze private per le informazioni dell’azienda (es: indirizzo mail personale).
  6. SHARE – Questo non è propriamente un suggerimento di sicurezza, ma è sicuramente utile. Lavorando da remoto i colleghi non hanno riscontro diretto delle tue attività semplicemente “alzando lo sguardo”, quindi assicurati di segnare a calendario tutti gli impegni e di utilizzare gli strumenti a disposizione per renderli partecipi delle tue attività, ad esempio impostando su “Occupato” lo stato della chat o configurando il cellulare in modo che durante le telefonate risulti su “Do not Disturb”.
Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Save the date: il 14 ottobre arriva WE CONNECT

    Save the date: il 14 ottobre arriva WE CONNECT

    8 aziende leader mondiali danno vita a un forum tecnologico con 33 presentazioni live
    SEMrush

    SEMrush acquisisce Prowly

    Prowly continuerà ad operare come brand indipendente, ma sarà strettamente inserito nell'ecosistema SEMrush, beneficiando del vasto patrimonio della sua banca dati.
    Abbonamenti mobile in aumento nel secondo trimestre 2020

    Abbonamenti mobile in aumento nel secondo trimestre 2020

    Arriva a quasi 8 miliardi il numero di abbonamenti, e a 6 miliardi quello dei titolari di almeno una SIM
    C-level, in Italia le retribuzioni più basse dopo la Cina

    C-level, in Italia le retribuzioni più basse

    Meno pagati solo i cinesi. I paesi europei che retribuiscono meglio Ceo e C-Level sono Germania e Svizzera
    Physics for Technologies and Innovation: ML alla Cattolica di Brescia

    Physics for Technologies and Innovation: Machine Learning alla Cattolica di Brescia

    Il percorso di studi è erogato in inglese con un’ampia scelta di corsi nei campi di Innovation Management e Data Science