Home Portale BitMat Portale Evidenza World Password Day: superare PIN e password con la biometria

World Password Day: superare PIN e password con la biometria

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Oggi, 2 maggio, è il World Password Day: l’occasione perfetta per riflettere sul ruolo dei PIN e delle password, e prendere in esame i limiti di questi strumenti quando si tratta di proteggere informazioni finanziarie e personali. Per l’occasione Nuance Communications – pioniera e leader nelle innovazioni di intelligenza artificiale conversazionale – ha condotto uno studio a livello europeo per scoprire il percepito delle persone rispetto alle password tradizionali e alle potenzialità delle nuove tecnologie progettate per salvaguardare i dati e ridurre le frodi informatiche.

Le password creano vere e proprie frustrazioni

Le password rappresentano ancora una grande sfida per i consumatori. Infatti, l’indagine ha rilevato che ogni consumatore gestisce in media undici account online (tra cui email, servizi bancari, piattaforme per acquisti online o per la fatturazione, siti web di intrattenimento, ecc.) e per accedervi devono ricordare circa nove password diverse.

Una persona su quattro dimentica queste password almeno una volta al mese, con quasi un terzo (28%) che contatta il servizio clienti ogni tre mesi per reimpostare le credenziali di accesso. Negli Stati Uniti, addirittura, un consumatore su dieci effettua questa chiamata più di una volta a settimana.

Le frodi informatiche continuano a colpire duramente i consumatori

Oltre a causare frustrazione, le password tradizionali non sono sicure. Basti pensare che negli ultimi dodici mesi quasi un cittadino su quattro (24%) in tutto il mondo è stato vittima di frodi informatiche, perdendo in media circa 2000 dollari a causa della scarsa protezione dell’account. Gli utenti negli Stati Uniti sono stati i più colpiti, con quasi due consumatori su cinque (38%) che hanno subito una frode nell’ultimo anno.

Tuttavia, i consumatori sono rapidi a reagire a un attacco, con quasi due terzi (62%) degli intervistati dichiarano l’intenzione di cambiare fornitori di servizi qualora cadessero vittima di frodi informatiche attraverso i servizi dei quali fruiscono. Nonostante questo, alla prova dei fatti più di un quarto (27%) delle vittime non ha modificato le password dei propri account in seguito ad attività fraudolente, lasciandole esposte a ulteriori attività criminali, come accade negli attacchi di Account Takeover (ATO).

La soluzione: prepararsi a prevenire le frodi

Man mano che i PIN e le password falliscono e gli hacker e le violazioni aumentano, sempre più organizzazioni stanno implementando la biometria per consentire ai clienti di convalidare la propria identità e accedere ai servizi in modo più semplice e sicuro. La sua adozione sta crescendo rapidamente: basti pensare che oltre 400 milioni di consumatori in tutto il mondo generano già più di otto miliardi di autenticazioni biometriche con successo ogni anno. Proprio di recente HSBC ha annunciato che il suo sistema di biometria vocale innovativo – VoiceID – ha impedito che oltre 300 milioni di sterline cadessero nelle mani di truffatori telefonici. Da quando è stata lanciata nel 2016, i clienti HSBC hanno utilizzato questa tecnologia 15 milioni di volte. Ogni mese i clienti risparmiano circa 50 settimane o 8.400 ore di tempo che avrebbero altrimenti perso a reimpostare le password ola sicurezza manuale.

Secondo i dati emersi dall’indagine i consumatori si sentono sempre più a proprio agio ad utilizzare la biometria – che autentica gli individui in base alle loro caratteristiche fisiche e comportamentali – con oltre due terzi (68%) dei consumatori a livello globale e il 78% negli Stati Uniti che usa tranquillamente questa tecnologia.

Quasi un intervistato su tre (30%) utilizza già la tecnologia biometrica, come impronte digitali o biometria facciale, molte volte al giorno, per sbloccare, ad esempio il proprio smartphone. I consumatori di età compresa tra i 18 e i 24 anni sono quelli maggiormente abituati all’uso della biometria per questo scopo, con quasi due terzi (59%), rispetto a circa un consumatore su cinque (22%) di età pari o superiore ai 55 anni.

“Il World Password Day di quest’anno arriva nel mondo della sicurezza in un momento interessante, poiché da un lato le strategie di hacking dei truffatori continuano ad evolvere e dall’altro i consumatori richiedono un accesso più semplificato ai loro account. La biometria si distingue da PIN e password non sicuri e noiosi e pone l’accento sulle proprie caratteristiche personali, rendendo l’autenticazione non solo più sicura, ma molto più semplice da utilizzare” commenta Brett Beranek, General Manager, Security Business, Nuance Enterprise.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Assicurazioni: 12 best practices per un'architettura digital-oriented

    Assicurazioni: 12 best practices per un’architettura digital-oriented

    Reinventare il business, introdurre l'innovazione e garantire la continuità operativa
    pallone_volley_getty FIPAV

    FIPAV: quando lo sport è pioniere della digitalizzazione

    Per velocizzare e snellire le pratiche di affiliazione e tesseramento, la Federazione si affida a InfoCert
    qboxmail_zoom

    Qboxmail si integra con Zoom

    Pianificare un video meeting, anche con persone esterne all’azienda, è semplice e immediato grazie all’integrazione di Zoom all’interno della Webmail di Qboxmail
    L'Università Federico II di Napoli sceglie Eaton

    L’Università Federico II di Napoli sceglie Eaton

    L'ateneo ha modernizzato la propria infrastruttura IT con importanti risultati in termini di miglioramento della continuità operativa