Home News Italia ultima in Europa per utilizzo dell'eGovernment

Italia ultima in Europa per utilizzo dell’eGovernment

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Secondo l’eGovernment Benchmark Report 2020 della Commissione Europea – alla cui elaborazione per il sesto anno consecutivo ha contribuito il Politecnico di Milano – tutti i Paesi europei stanno migliorando l’offerta di servizi digitali, supportando cittadini e imprese nella transizione al digitale.

Il nostro Paese si posiziona 18esimo per capacità della PA di sfruttare le potenzialità offerte dall’ICT con un valore (71%) in linea con la media europea (72% in EU27, 68% allargando a EU27+) e in crescita rispetto agli anni passati. Nonostante ciò, l’Italia si colloca all’ultimo posto in Europa per utilizzo dell’eGovernment: solo il 25% dei cittadini utilizza servizi digitali per interagire con la Pubblica Amministrazione, contro una media europea del 60%. È quest’ultimo, l’indicatore più utile per capire la diffusione dei servizi di eGovernment nel Paese che, come anche recentemente rappresentato dal rapporto della Corte dei Conti, presenta differenze importanti a seconda della dimensione degli Enti e della loro localizzazione geografica.

Il contributo del Politecnico di Milano all’eGovernment Benchmark risiede nel modello benchlearning, sviluppato per cercare di dare una spiegazione a questi risultati, partendo dall’evidenza che le prestazioni in eGovernment di un Paese possono essere fortemente influenzate dalle sue specifiche caratteristiche in termini di tipologia di utenza, caratteristiche della PA e propensione al digitale del Paese. Le performance vengono misurate attraverso due indicatori: Penetration, che misura il grado di diffusione del canale online tra gli utenti che hanno la necessità di utilizzare i servizi pubblici, e Digitisation, la capacità della PA di sfruttare adeguatamente le potenzialità offerte dall’ICT. Dopodiché vengono individuati e pesati i fattori di contesto che possono condizionare lo sviluppo dell’eGovernment in un Paese, utilizzando in modo importante gli indicatori del DESI. Le performance ottenute posizionano il nostro Paese nella categoria “Non-consolidated eGov”, tra quegli Stati cioè che devono ancora lavorare per adottare in modo efficace l’ICT e ottenere performance paragonabili a quelle dei migliori.

“L’obiettivo non è quello di trovare delle giustificazioni a performance mediocri di alcuni Paesi ma abilitare un confronto tra le strategie di eGovernment di Paesi con caratteristiche simili” spiega Michele Benedetti, responsabile della ricerca per il Politecnico di Milano. Ad esempio, guardando al contesto italiano, si rileva un buon livello di apertura dei dati e informazioni (indicatore Openness) e di digitalizzazione delle imprese (Digital in private sector), la diffusione della banda larga (Connectivity) sono in linea con la media europea. Ma emergono alcuni fattori che potrebbero rallentare l’efficacia delle azioni di eGovernment. Come già noto dal DESI, l’Italia è caratterizzata da un basso livello di Digital Skill della popolazione e da uno scarso utilizzo di internet. Inoltre, l’efficacia percepita dell’azione della PA (Quality) da parte della popolazione è ancora molto bassa, questo potrebbe anche valere per la qualità dei servizi digitali offerti e quindi contribuire a rallentare la diffusione dell’eGovernment nel nostro Paese.

Dall’analisi di “benchlearning” l’Italia risulta posizionata peggio rispetto ad altri Paesi con caratteristiche simili, a dimostrazione del fatto che c’è un margine per migliorare. Guardando alle strategie di altri Paesi meglio posizionati, alcuni dei principali gap riguardano l’automazione dei processi e l’interoperabilità delle applicazioni che permettono una riduzione sostanziale degli adempimenti a carico dei cittadini. In questi Paesi la strategia di diffusione dell’eGovernment sembra concentrarsi maggiormente nel cercare di limitare le interazioni tra la PA e il cittadino ai servizi con maggior valore aggiunto.

Il Report 2020 introduce la presentazione di buone pratiche da parte dei differenti Stati Membri e per l’Italia vengono citati i casi successo di PagoPA, App IO e Fascicolo Sanitario Elettronico.

“Alcuni fattori di contesto rappresentano senz’altro un freno per chi è deputato a governare la trasformazione al digitale del nostro Paese ed è importante orientare gli investimenti per colmare questi Gap, ma non possono essere presi come unica scusante commenta Giuliano Noci, Prorettore del Politecnico di Milano e responsabile del gruppo di ricerca sull’eGovernment della School of Management del Politecnico di Milano. È necessario lavorare per rendere sempre più semplici e funzionali i servizi digitali della PA e per mettere in condizioni tutti gli enti, anche i più piccoli, di poterli offrire ai propri cittadini”.

Clicca qui per maggiori informazioni e per scaricare il report.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    BPER Banca: customer experience innovativa grazie a Salesforce

    BPER Banca: customer experience innovativa grazie a Salesforce

    L'accordo di collaborazione pluriennale mette l'innovazione digitale al servizio del cliente
    webinar webgate400 R.9

    Webgate400 R.9: webinar gratuito il 27 ottobre

    Applicazioni gestionali RPG per IBM i potenziate e accessibili da browser HTML5: come trasformarle con semplicità.
    Lavoro flessibile, adottare una infrastruttura IT ibrida

    Lavoro flessibile, adottare una infrastruttura IT ibrida

    L’Hybrid Cloud consente di sfruttare tutti i vantaggi di un modello ancora poco diffuso
    Comparto ICT: occorre spingere sugli investimenti in R&S&I

    Comparto ICT: occorre spingere sugli investimenti in R&S&I

    Comparto ICT: occorre spingere sugli investimenti in R&S&I
    Firma Digitale: la chiave per la digitalizzazione documentale

    Firma Digitale: la chiave per la digitalizzazione documentale

    Arrivano a 3,1 miliardi le firme generate nel corso dell’ultimo anno, con una crescita del 55%