Può essere osservata, a occhio nudo o con un binocolo, verso le 22:30, guardando in direzione Nord – Ovest

Tempo di lettura: 4 minuti

Oggi, 23 luglio, l’astro chiomato C/2020 F3 NEOWISE è alla minima distanza dal nostro pianeta. Ce ne parla Giovanni Bonini, ingegnere che ha ricoperto il ruolo di Transition/Project Manager presso il centro per le operazioni dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e che, proprio oggi, ha terminato il suo nuovo libro: “NEOWISELa grande cometa del 2020Come l’abbiamo vista” (L’Onda; ISBN: 979-12-80185-02-0; 14,00 euro: prezzo della versione cartacea tradizionale di 80 pagine).

Osservo comete dal 1987 e ho ideato e curato la rubrica “L’Angolo delle Comete” per il mensile “nuovo ORIONE”. È indubbio che questo sia stato uno degli astri chiomati più belli e interessanti degli ultimi anni, con due code, una di gas e una di polveri, che sono state riprese per oltre 30°. Basti pensare che la Luna ha un diametro apparente di circa 0,5°. Soprattutto fino a metà mese, la cometa C/2020 F3 NEOWISE è stata luminosissima, per poi affievolirsi un po’, a mano a mano che si allontanava dal Sole”.

Tradizionalmente, oggetti di questo tipo sono associati a sventure e pestilenze. Per un curioso scherzo del destino, pare che la tradizione popolare sia stata rispettata, visto che questa grande cometa è stata scoperta e osservata in un anno che non dimenticheremo facilmente: quello del COVID-19.

La cometa ci ha ricordato quanto meravigliosa sia la Natura che ci circonda e di cui facciamo parte, una bellezza che va assolutamente condivisa. Per questo, ho voluto rendere disponibile al più basso prezzo possibile – appena 14,00 euro – una sorta di Souvenir spaziale, un libro scritto a tempo di Record e accolto con favore anche oltreoceano, visto che ieri sono stato intervistato da una radio di New York e da un quotidiano statunitense, interessati ai temi dei miei libri, incluso questo. Proprio in un’ottica di condivisione, nel Capitolo 4, sono pubblicate le fotografie di alcuni nomi leggendari, con ogni probabilità fra i migliori al mondo nella ripresa di questo genere di oggetti. L’opera è impreziosita dalla Prefazione di Andrea Accomazzo, Flight Director di Rosetta, la più celebre missione spaziale diretta verso una cometa e uno dei principali successi europei”.

Bonini, può dirci dove possiamo trovare il libro e, soprattutto, avvistare l’astro chiomato? Nei prossimi giorni, infatti, la sua luce si affievolirà, per cui non ci resterà che ammirarlo fra le pagine del libro. La prossima volta, tornerà a farci visita poco prima dell’anno 8.900: noi non ci saremo.

Il libro sarà disponibile, nei prossimi giorni, nei siti di Editoriale Delfino (https://www.editorialedelfino.it/ e https://londabooks.com/) e ordinabile in libreria. Attualmente, la cometa si trova nella costellazione dell’Orsa Maggiore. Quindi, può essere osservata, a occhio nudo o con un binocolo, verso le 22:30, guardando in direzione Nord – Ovest, possibilmente lontano dal fastidio arrecato dalle luci di paesi e città”.

Come è stato possibile scrivere un libro del genere in così poco tempo? In fin dei conti, la cometa è passata al perielio, che è il punto dell’orbita più vicino al Sole, a inizio luglio.

L’intero progetto editoriale si è esteso dal 6 luglio al pomeriggio di oggi. Nel 2018, quando scrissi il mio primo libro, sviluppai la metodologia di Project Management da me chiamata “Quick Delivery”, dedicata alla gestione efficace ed efficiente dei progetti editoriali con Stakeholder multipli, anche a livello internazionale. Questo approccio innovativo è stato ulteriormente perfezionato nel corso dell’anno, incorporando le Lesson Learned e le Best Practice che mi hanno portato a scrivere tre nuovi libri in rapida successione: prima “COVID-19, 16 passi per uscire dalla crisi” (in Italiano), poi “EXITING from the crisis” (in Inglese), infine “NEOWISE – La grande cometa del 2020 – Come l’abbiamo vista” (Quick Delivery 4). Questa celerità ha sconcertato più di qualcuno, tanto che molti pensano che “EXITING from the crisis” sia la semplice traduzione di “COVID-19, 16 passi per uscire dalla crisi”. In realtà, si tratta di un libro nuovo di zecca, che affianca e integra quello in Italiano. Più che essere una sorta di Record, direi che a importare e fare la differenza dovrebbe essere il messaggio, veicolato dalla concretezza delle realizzazioni: anche in Italia, per progetti di successo, non servono tempi biblici. Volere è potere e, se veramente lo vogliamo, uscire dalla crisi, più che una remota possibilità, è un’assoluta certezza. Occorre, però, agire e lavorare bene (più che tanto: è la qualità a fare la vera differenza, non la quantità!), smettendola di campare di assistenzialismo. Non c’è lavoro? Createlo!”.