Home News I vincitori del progetto "Le avventure dei Cyberkid"

I vincitori del progetto “Le avventure dei Cyberkid”

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Acer for Education, in collaborazione con Neways, azienda specializzata in progetti educativi, e con la supervisione di Andip (Associazione Nazionale per la Difesa della Privacy), ha supportato la seconda edizione del progetto Le avventure dei Cyberkid per l’anno scolastico 2018-2019.

Rivolto principalmente alle classi Secondarie di Primo Grado, il progetto si è posto l’obiettivo di sviluppare, nei ragazzi e negli adulti, una maggiore consapevolezza tecnologica che vede nel web e nei dispositivi informatici degli strumenti importanti al nostro servizio e non da temere o evitare.

Solo promuovendo l’uso corretto delle nuove tecnologie, sin dalla giovane età, la navigazione in rete può diventare una risorsa ed un’opportunità straordinaria, contrastando così il fenomeno sempre più in espansione del cyberbullismo.

Il progetto, integrativo al percorso didattico di prevenzione del fenomeno, è stato portato avanti utilizzando un metodo ludico e creativo. La seconda edizione del progetto ha coinvolto circa 1.500 classi, 37.000 alunni con le relative famiglie.

A conclusione del percorso educativo gli alunni hanno realizzato un video che è stato occasione di stimolo creativo ma anche di analisi di aspetti importanti e delicati con la supervisione degli insegnanti. Il video, che poteva essere recitato o in versione musicale, aveva come tema Trasformiamoci anche noi nei Cyberkid per vincere il bullismo.

Tutte le classi aderenti hanno partecipato ad un contest finale con in palio o una postazione Mixed (due notebook gaming Nitro e due visori Windows Mixed Reality) o una dotazione laboratorio (tre notebook TravelMate, tre monitor 27” e un proiettore) oppure una dotazioneclasse composta da sei notebook Acer TravelMate 14”. Tra le diverse possibilità, le classi vincitrici hanno tutte scelto la dotazione tecnologica vincendo così sei notebook TravelMate 14”.

Gli elaborati vincitori sono stati realizzati dai ragazzi delle seguenti scuole:

  • Cancella il cyberbullismo: Scuola Secondaria di 1° Grado Mozzecane, Verona, Classe 2° D – Insegnanti Simone Mantovani e Desiree Bove;
  • RegolaMente: Scuola Secondaria di 1° Grado IV IC.G.Galilei, Acireale, Classe 2° F – Insegnante Gaetana Trecarichi Paro;
  • Il peso delle parole: Scuola Secondaria di 1° Grado Cardinale G.Massaia, Napoli, Classe 2° F – Insegnante Rosanna Scala.

Acer premierà gli elaborati degli studenti vincitori direttamente presso le scuole. I video sono pubblicati sul sito dedicato.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Prepararsi all'era Phygital con le tecnologie di collaborazione

    Prepararsi all’era Phygital con le tecnologie di collaborazione

    In ascesa i software di collaborazione “all-in-one” per far convergere informazioni e sistemi in tutte le fasi della filiera
    Ransomware: il nemico numero uno del Made in Italy

    Ransomware e minacce cyber: il nemico numero uno del Made in Italy

    Dipendenti fermi, linee produttive bloccate, turni saltati: guasti informatici che richiedono veri e propri riscatti
    10 motivi per adottare un programma di ITM

    10 motivi per adottare un programma di Insider Threat Management

    Il forte aumento delle minacce interne negli ultimi anni richiede un approccio del tutto nuovo
    Spam e phishing: utenti sotto attacco nella prima metà del 2020

    Spam e phishing: utenti sotto attacco nella prima metà del 2020

    Tre quarti degli allegati alle email a tema COVID contenevano infostealer
    Fake news: come smascherare la disinformazione sui social?

    Fake news: come smascherare la disinformazione sui social?

    Facebook ha rilevato 2 miliardi di profili falsi e 50 milioni di contenuti inattendibili sull’emergenza COVID-19