Home Tecnologie Analytics Data Literacy: conta l'esperienza, non il titolo di studio

Data Literacy: conta l’esperienza, non il titolo di studio

-

Tempo di lettura: 5 minuti

Secondo una ricerca globale tra i responsabili delle decisioni aziendali – commissionato da Qlik nell’ambito del Data Literacy Project – a breve le persone in cerca di lavoro con esperienza nel trattare i dati potrebbero superare nelle selezioni i candidati con un titolo di studio specializzato in Scienze dei dati.

Quasi due terzi (59%) degli intervistati hanno classificato una precedente esperienza lavorativa o il superamento di un test in cui il candidato deve risolvere un problema aziendale per dimostrare le proprie capacità con i dati, come indicatore principale del livello di alfabetizzazione dei dati. Al contrario, solo il 18% considera una laurea o un master in scienze dei dati – o addirittura un dottorato di ricerca – come elemento decisivo per l’assunzione.

Ciò significa che le migliori prospettive di carriera associate all’alfabetizzazione dei dati non sono limitate a coloro che hanno alle spalle un percorso di studi specifico. Questo testimonia la tendenza identificata da Glassdoor secondo la quale un numero crescente di aziende tecnologiche non si fa più influenzare dalla laurea nella scelta dei candidati.

La maggior parte delle aziende (63%) è in grado di offrire buone opportunità ed è attivamente alla ricerca di persone in grado di dimostrare le proprie competenze nell’utilizzare, lavorare e analizzare i dati. In effetti, secondo IBM i candidati capaci di analisi dei dati rappresenteranno un terzo del mercato del lavoro, con 110.000 posizioni aperte entro il 2020 e un aumento del 14% dal 2015.

Questo certo non sorprende, data la grande opportunità di crescita per le aziende con esperienza nella gestione dei dati: secondo il Data Literacy Index queste hanno un valore aziendale superiore del 3-5% ($ 320- $ 534 milioni).

Ma la posizioni nell’area DSA (Data Science and Analytics) – che include data scientist, analisti di dati, analisti aziendali e responsabili del marketing esperti di dati – sono tra le più difficili da coprire, e rimangono “aperte” generalmente per 45 giorni.

Solo il 24% degli intervistati si sente sicuro delle proprie capacità di trattare i dati: la ricerca da parte delle aziende di queste figure le rende quindi preziose e appetibili per chi deve assumere, offrendo la possibilità a questi candidati di “rivendersi” bene sul mercato.

Mentre non tutti i leader aziendali intervistati erano a conoscenza di come la loro azienda remunerasse i dipendenti esperti di dati, il sondaggio di Qlik ha rivelato che il 75% di coloro che erano in grado di accelerare la politica della propria azienda ha riferito di pagare salari più alti ai dipendenti con la capacità di leggere, analizzare e discutere con i dati.

Pur riconoscendo il valore dell’esperienza sul posto di lavoro e le certificazioni in ambito dati, il 50% delle aziende ha dichiarato di non fornire formazione sull’alfabetizzazione dei dati ai propri dipendenti, con solo il 34% dei decisori che dichiarano di avere programmi in atto. Ciò nonostante, il 78% dei dipendenti globali afferma che sarebbero disposti a investire più tempo ed energie per migliorare il proprio set di competenze sui dati.

Le persone motivate a migliorarsi hanno l’opportunità di potenziare la propria carriera e sbloccare nuove opportunità, dal momento che i dati stanno diventando sempre più importanti per tutte le aziende.

Solo il 18% dei responsabili delle decisioni aziendali ha affermato che una certificazione delle competenze sui dati – qualcosa che può essere acquisita dopo il college – rappresenta il miglior indicatore del livello di alfabetizzazione dei dati di un candidato e ha dimostrato le effettive capacità di utilizzare le tecniche di anali più richieste.

Ciò significa che chiunque investa nel miglioramento delle proprie competenze sui dati, indipendentemente dalle qualifiche esistenti, può accedere a maggiori opportunità di carriera associate all’alfabetizzazione dei dati.

“Ciò che cerchiamo sono persone curiose, appassionate di fare la cosa giusta e disponibili a utilizzare i dati per trovare intuizioni che supportino migliori risultati aziendali, ha affermato Lee Raybould, Chief Data Officer presso Nationwide Building Society. Il volume e la varietà di dati è in costante crescita e le intuizioni che consentono alle aziende di avere più successo sono incredibili. Ma occorre poter contare su persone che siano pronte a interagire con i dati e a comprendere come utilizzarli e interpretarli per supportare il processo decisionale, indipendentemente dal loro ruolo lavorativo. Questo è il motivo per cui, a mio avviso, la democratizzazione dei dati in un modo facilmente consumabile e l’incoraggiamento delle persone in tutte le parti della vostra azienda a migliorare e sentirsi a proprio agio con i dati, saranno fondamentali per il successo futuro.”

“Prendere decisioni sui dati giusti e al momento giusto è fondamentale per fornire i giusti programmi di assistenza e garantire a tutti i nostri pazienti lo stesso standard e la stessa qualità di trattamento, ha dichiarato Rishi Muchhala, Manager of Enterprise Intelligence del Nemours Children’s Health System. Abbiamo bisogno che i nostri medici, infermieri e dirigenti ospedalieri siano tutti in grado di utilizzare i dati per prendere decisioni – e certamente non potevamo aspettarci che tutti avessero una laurea in scienze dei dati in cima alle loro qualifiche mediche. Siamo quindi alla ricerca di persone con precedenti esperienze con i dati o il desiderio di capire come l’utilizzo di questi potrebbe aiutarli. Con il nostro programma Citizen Developer and Analyst, che include sessioni di formazione su Data Swagger, possiamo supportarli nello sviluppo e nell’applicazione di tali competenze.”

“I risultati dello studio sono inequivocabili: i benefici per la carriera associati all’alfabetizzazione dei dati sono un’opportunità universale, sostiene Jordan Morrow, Head of Data Literacy di Qlik e Presidente del Data Literacy Project. Le organizzazioni stanno comprendendo sempre di più che il vantaggio non sta nell’avere dati, ma nel trasformarli in valore per prendere decisioni migliori – il che si traduce in maggiori opportunità per gli individui alfabetizzati. La nostra speranza è che queste scoperte incoraggino le persone, in ogni fase della loro carriera, a intraprendere l’apprendimento o il miglioramento delle proprie capacità di dati.”

Proprio per supportare le persone desiderose di migliorare le loro abilità con i dati, Qlik offre un programma accademico per guidare gli studenti prima che entrino nel mondo del lavoro. Qlik ha anche recentemente lanciato un programma di e-learning unico nel suo genere per i non esperti che rilascia una certificazione per l’alfabetizzazione dei dati.

Qlik ha reso disponibili gratuitamente gli elementi chiave di questo programma tramite il Data Literacy Project, la community globale per approfondire e sviluppare temi e strumenti necessari per dare forma a una società alfabetizzata sicura e di successo.

Qui un sommario del Data Literacy Index.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Dispositivi ricondizionati: 8 miti da sfatare

    Dispositivi ricondizionati: 8 miti da sfatare

    Si parla molto di dispositivi rigenerati, ma siamo sicuri di sapere di cosa si tratta?
    smart working

    Smart working: NFON sostiene le imprese italiane

    Le soluzioni dell'azienda tedesca sono cloud ready, facilmente scalabili e adatte a qualunque tipologia di azienda
    C-level, in Italia le retribuzioni più basse dopo la Cina

    C-level, in Italia le retribuzioni più basse

    Meno pagati solo i cinesi. I paesi europei che retribuiscono meglio Ceo e C-Level sono Germania e Svizzera
    Work 2035: Il lavoro di domani? Più intelligente

    Work 2035: Il lavoro di domani? Più intelligente

    L'introduzione dell'AI porterà nuove figure professionali, dipendenti più motivati e produttivi, innovazione e crescita
    Save the date: il 14 ottobre arriva WE CONNECT

    Save the date: il 14 ottobre arriva WE CONNECT

    8 aziende leader mondiali danno vita a un forum tecnologico con 33 presentazioni live