Home Tecnologie Cloud Public cloud: chi risponde della sicurezza dei dati?

Public cloud: chi risponde della sicurezza dei dati?

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Secondo una recente inchiesta di Palo Alto Networks, gli utenti non hanno le idee chiare circa le responsabilità relative alla sicurezza cyber nel public cloud: quasi un terzo degli intervistati ritiene infatti erroneamente che sia il cloud service provider il responsabile principale della sicurezza dei dati delle aziende che risiedono in un’infrastruttura public cloud. Tuttavia, se il modello di responsabilità condivisa impone ai service provider di rispondere in merito all’infrastruttura cloud, le imprese restano del tutto responsabili dei loro dati e applicazioni.

Alcuni dei risultati salienti sono:

  • La maggioranza (83%) dei professionisti della cybersecurity hanno espresso fiducia completa nei propri cloud service provider relativa all’infrastruttura.
  • Tuttavia, solo il 51% conferma di essere a conoscenza del modello di responsabilità condivisa
  • Uno su dieci ritiene erroneamente che tale modello faccia riferimento a cloud provider differenti che condividono l’onere della security

Anche se le responsabilità circa la sicurezza di dati e infrastrutture nel cloud non è chiara, non ci sono esitazioni relative all’utilizzo di molteplici ambienti cloud service provider contemporaneamente. La maggior parte degli intervistati ha infatti riferito che la loro organizzazione si avvale di due cloud provider e circa il 44% ne ha tre o più.

Altri risultati confermano che i professionisti della cybersecurity desidererebbero maggiore visibilità sulle competenze di sicurezza dei cloud service provider. Tuttavia, oltre la metà (52%) ritiene che la propria azienda non abbia svolto sufficiente due diligence circa I requisiti di cybersecurity nella scelta di un cloud provider, suggerendo che questo aspetto potrebbe non essere stato valutato in maniera appropriata.

Greg Day, VP e CSO, EMEA, Palo Alto Networks, dichiara, “Il sondaggio evidenzia una chiara anomalia: i professionisti della sicurezza si fidano dei cloud service provider, ma non sono certi circa le loro responsabilità in termini di protezione di dati e applicazioni. I team non possono assumere che il livello di sicurezza offerto dai public cloud vendor fornisca una protezione coerente e olistica. Oggi vediamo che solo un professionista su dieci ritiene di avere le capacità per mantenere policy di sicurezza coerenti nell’intero ambiente IT, anche dove ci sono diversi cloud; una situazione che deve migliorare in modo significativo.”

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Smartworking: come gestire efficacemente le risorse

    Smartworking: come gestire efficacemente le risorse

    Nella nuova normalità il tele-lavoro sarà parte integrante dell'organizzazione del lavoro
    Open Innovation Outlook Italy 2021: è tempo di agire

    Open Innovation Outlook Italy 2021: è tempo di agire

    Le aziende italiane devono accelerare significativamente, adottando approcci più ambiziosi con una visione meno locale e più internazionale
    Credential stuffing: colpiti i programmi fedeltà

    Credential stuffing: colpiti i programmi fedeltà

    Tra luglio 2018 e giugno 2020, colpiti i settori retail, travel e hospitality con attacchi di vario tipo e dimensione
    Save the date: in partenza Huawei Smart City Tour 2020

    Save the date: in partenza Huawei Smart City Tour 2020

    Dal 27 ottobre al 17 novembre, il tour ha l'obiettivo di promuovere in Italia un ecosistema di città intelligenti aperto, innovativo e collaborativo
    Team Faire.ai

    Nasce faire.ai, la piattaforma di credit automation che sfida i colossi del fintech

    La startup, che ha appena chiuso un round di finanziamento da 1,5 milioni di euro da Banca Progetto, sfrutta l’open banking (PSD2) come fonte e utilizzo dei dati, machine learning e AI per stimare il credit score dei consumatori e offrire finanziamenti istantanei