Home Mercato Mercati Maticmind acquisisce Zeta srl ed entra nel mercato 5G e fibra ottica

Maticmind acquisisce Zeta srl ed entra nel mercato 5G e fibra ottica

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Maticmind, System Integrator italiano operante nel settore ICT con un fatturato di 296 milioni di euro nel 2019, ha acquisito il 100% di Zeta srl, società italiana attiva nell’ambito della progettazione ingegneristica di infrastrutture per collegamenti in fibra ottica e 5G.

Maticmind che progetta, integra e gestisce soluzioni tecnologiche innovative in ambito Networking, Cybersecurity, Datacenter & Cloud, aggiunge così al suo portafoglio una nuova offerta di servizi consulenziali, ampliando le proprie competenze in ambito ingegneristico, 5G e infrastrutture in fibra ottica.

Nata nel 1992, Zeta ha fatto segnare nel 2019 ricavi superiori a 5,5 milioni di euro e collabora con i più importanti operatori di telecomunicazioni del panorama italiano attivi nello sviluppo delle reti ultra broadband e 5G.

Siamo entusiasti di questa operazione – dichiara Carmine Saladino, presidente e azionista di maggioranza di Maticmind – che ci permette di entrare in un settore in grande crescita, quale quello del 5G, rafforzando al tempo stesso le nostre capacità in ambito consulenziale e le nostre competenze ingegneristiche, importanti per noi per approcciare in modo diverso progetti, non solo in ambito infrastrutturale, legati ad esempio alle coperture 5G di campus o alla realizzazione di datacenter green, ma anche in ambito IOT. Proseguiamo nel nostro percorso di crescita che mira alla valorizzazione dell’eccellenza italiana nell’ICT, settore che, troppo spesso, invece tende alla delocalizzazione.”

Zeta, che cambierà nome in Fibermind, ha in cantiere un piano di forte crescita nel 2020, che la porterà a ricavi poco sotto i 10M€. A seguito dell’acquisizione, infatti, potrà implementare economie di scala, espandere la propria presenza sul territorio italiano e contare sulla solidità finanziaria di Maticmind, che negli ultimi mesi ha proseguito nel piano di accrescimento delle proprie capacità in ogni settore della Digital Transformation, con particolare attenzione all’ambito della Security, collezionando anche importanti certificazioni.

Maticmind acquisisce il 100% delle azioni di Zeta srl, che continuerà a mantenere la propria autonomia operativa. Carmine Saladino rivestirà la carica di Presidente e Luciano Zamuner di CEO.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    ATON IT

    ATON IT avvia un corso di formazione gratuito in Cyber Security per disoccupati e...

    Sviluppato con Regione Lazio e FSE (Fondi Sociali Europei), il progetto nasce con l’intento di favorire il reinserimento nel mondo del lavoro di residenti disoccupati/inoccupati del territorio
    GPAI, il Partenariato Globale sull'Intelligenza artificiale

    Webinar: Intelligenza artificiale e responsabilità dell’ingengere

    L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano e UNI Ente Italiano di Normazione ti invitano martedì 29 settembre 2020 dalle ore 16.00 alle ore 19.00 al webinar
    eGovernment Benchmark: migliorano i servizi pubblici digitali

    eGovernment Benchmark: migliorano i servizi pubblici digitali

    La pandemia ha mostrato l'importanza di servizi incentrati sull’utente, trasparenti e senza soluzione di continuità
    Guerra informatica: per 7 CISO su 10 è una minaccia imminente

    Guerra informatica: per 7 CISO su 10 è una minaccia imminente

    Secondo gli esperti del settore nei prossimi mesi e anni occorreranno interventi concreti per debellare la criminalità informatica
    Italia in vetta alle classifiche mondiali per malware e ransomware

    Italia in vetta alle classifiche mondiali per attacchi malware e ransomware

    Il nostro Paese è l’ottavo al mondo più colpito dai malware e l’undicesimo per attacchi ransomware