Buona Spesa è la nuova Prepagata Mastercard che consentirà l’acquisto di generi alimentari alle famiglie italiane in difficoltà

Buoni Spesa per l’Emergenza Coronavirus
Tempo di lettura: 1 minuto

Facendo seguito al Decreto per la distribuzione dei buoni spesa alle famiglie in difficoltà emanato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, Il Gruppo Epipoli scende in campo con la Prepagata Mastercard Buona Spesa per supportare i circa 8.000 Comuni italiani nella distribuzione di buoni spesa per l’emergenza Coronavirus destinati alle famiglie in difficoltà.

Buona Spesa sarà spendibile non solo nei punti vendita della GDO ma anche all’interno di tutti i negozi di alimentari, panifici, negozi di latticini, drogherie, macellerie, discount, minimarket e negozi di prossimità di generi alimentari presenti sul territorio e facilmente raggiungibili.

La carta per i buoni spesa per l’Emergenza Coronavirusnon permette di essere utilizzata sulle altre tipologie di punti vendita né prelevare contati dagli ATM o essere convertita in denaro.

Tutti i Comuni italiani potranno quindi richiedere una semplice carta prepagata Mastercard – Buona Spesa, che verrà distribuita in tagli variabili da 25 fino a 400 euro alle famiglie in difficoltà e che potrà essere utilizzata come sistema di pagamento.

“Epipoli ha deciso di mettere a disposizione dei Comuni italiani la propria esperienza nel campo degli strumenti di pagamento. Abbiamo creato l’innovativa Carta Prepagata Buona Spesa per rispondere all’Emergenza Alimentare. La Carta consente libertà di scelta e capillarità di utilizzo per avvantaggiare al massimo chi la riceve: dai Grandi Supermercati e Discount ai negozi tradizionali che illuminano i centri delle città italiane. Epipoli nel corso degli anni ha sviluppato un assortimento completo di soluzioni digitali o attraverso le carte per trasferire fondi a dipendenti, consumatori, aziende o, come in questo caso, alle famiglie.” ha spiegato Gaetano Giannetto, Fondatore e Presidente di Epipoli

L’iniziativa dell’azienda italiana contribuisce quindi alla distribuzione dei buoni spesa per l’Emergenza Coronavirus