Home Portale BitMat Portale Evidenza Come rendere sicure le piattaforme e-learning

Come rendere sicure le piattaforme e-learning

-

Tempo di lettura: 2 minuti

L’impatto del coronavirus sull’istruzione italiana, in cui è in corso una sperimentazione di metodi di didattica online, sarà profondo. L’e-learning si basa su tre concetti chiave: Interattività, Dinamicità, Modularità, e prevede l’utilizzo di piattaforme e-learning note come learning management system (LMS), in cui vengono diffusi i contenuti e dove si incontrano virtualmente le persone che partecipano al programma.

In Italia siamo ancora lontani da questo livello: l’Ocse ha infatti bocciato il Bel Paese sulla didattica online in quanto mancherebbero le basi stesse di un’educazione al digitale. Tuttavia, varie sono le piattaforme e i programmi di didattica virtuale attualmente in uso da docenti e studenti in tutta la nazione.

Trattandosi di soluzioni tecnologiche relativamente nuove, gli sforzi degli sviluppatori si sono concentrati sulle funzionalità e sull’elaborazione di interfacce semplici da usare. Qui il monito di Panda Security a non tralasciare un aspetto molto importante: la cybersicurezza.

I principali problemi di sicurezza delle piattaforme possono essere gli stessi che attanagliano tutti i servizi online come malware, violazioni legate al furto dei dati, oppure problematiche create da BYOD o da semplici errori di sistema o umani.

È necessario dunque, sia come utenti sia come fornitori di servizi, agire su più fronti per integrare in maniera più efficiente le tecnologie digitali nell’istruzione e per renderle più sicure. Panda Security ha elaborato alcuni consigli per limitare i rischi delle piattaforme e-learning:

  • Stabilire norme di utilizzo e governance
  • Utilizzare firewall
  • Fornire un software antivirus agli utenti con un tutorial per le impostazioni
  • Fornire credenziali di accesso alla piattaforma per creare password molto più resistenti
  • Limitare le forme di upload degli utenti
  • Mantenere aggiornati i sistemi

Inoltre, è necessario preparare adeguatamente docenti e studenti all’utilizzo delle tecnologie di e-learning e al cambio di mentalità richiesto dai nuovi metodi di apprendimento, oltre che ad un loro uso in totale sicurezza.

Qui un approfondimento di questo tema.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Diagrammi di flusso: cosa sono e come fare per realizzarli

    Se abbiamo la necessità di mettere nero su bianco concetti complessi in maniera semplificata attraverso uno schema, la risposta proviene dai diagrammi di flusso....
    massimo mazzocchini

    Massimo Mazzocchini nominato Deputy General Manager di Huawei Italia

    Avrà la responsabilità di sviluppare il business di Huawei Italia tramite le relazioni con il mercato e le sinergie tra le diverse Business Unit
    Comparto ICT: occorre spingere sugli investimenti in R&S&I

    Comparto ICT: occorre spingere sugli investimenti in R&S&I

    Comparto ICT: occorre spingere sugli investimenti in R&S&I
    Customer experience: i trend da seguire nel 2020?

    Customer experience sempre più fondamentale per le imprese

    La customer experience è stato l'elemento cardine dell'ultimo evento di SAP che ha contivolto i maggiori esperti del settore
    L'Università Federico II di Napoli sceglie Eaton

    L’Università Federico II di Napoli sceglie Eaton

    L'ateneo ha modernizzato la propria infrastruttura IT con importanti risultati in termini di miglioramento della continuità operativa