Home News Earth Overshoot Day: la sostenibilità favorisce il business

Earth Overshoot Day: la sostenibilità favorisce il business

-

Tempo di lettura: 5 minuti

Quest’anno, l’Earth Overshoot Day cade il 29 luglio. Schneider Electric coglie questa occasione per annunciare il suo impegno per promuovere la compatibilità con le risorse del nostro pianeta come modello a cui adeguarsi necessariamente per assicurare alle aziende un successo nel lungo termine.

Il 22 luglio, Schneider Electric renderà pubblico un White Paper in cui si descrivono in modo dettagliato questo approccio e le metriche che permettono di misurare la compatibilità del consumo di risorse e la diffusione della prosperità. Il White Paper è stato sviluppato in collaborazione con Global Footprint Network, l’organizzazione internazionale dedicata alla sostenibilità, che per prima ha introdotto il concetto di Impronta Ecologica.

Le aziende con modelli di business che migliorano il benessere delle persone e la sicurezza delle risorse hanno più possibilità di avere successo nel lungo periodo

L’Earth Overshoot Day indica il giorno dell’anno in cui la domanda umana di cibo, fibre, legno e assorbimento di anidride carbonica (l’impronta ecologica globale) supera l’ammontare di risorse biologiche che gli ecosistemi della terra sono in grado di rinnovare in un anno (biocapacità globale). Quest’anno la data cade ancora prima, il 29 luglio, secondo quanto comunicato da Global Footprint Network.

Di fatto, l’umanità sta utilizzando le risorse biologiche 1,75 volte più velocemente rispetto alla capacità della natura di rinnovarle, peggiorando il “deficit ecologico” di quattro mesi dell’anno consumando il capitale naturale della Terra.

Si dice quindi che l’umanità “usa” quasi due volte (1,75) il nostro pianeta. Le emissioni di anidride carbonica rappresentano il 60% dell’impronta ecologica totale.

Da quando il mondo ha iniziato ad avere questo problema, nei primi anni 70, la data dell’Earth Overshoot Day continua a cadere sempre prima. Trent’anni fa era in ottobre, vent’anni fa verso la fine di settembre. Dopo un rallentamento in anni recenti, c’è stata negli ultimi due anni una nuova accelerazione dovuta all’aumento delle emissioni di anidride carbonica.

Il trend è reversibile

La compatibilità con le risorse del nostro Pianeta richiede di spostare la data dell’Earth Overshoot al 31 dicembre, o dopo. Decarbonizzare l’economia è un potente strumento per “spostare la data” (#MoveTheDate, come dice l’hasthag mondiale). Tagliare le emissioni di gas serra globali della metà sposterebbe in avanti la data di ben tre mesi, secondo Global Footprint Network.

Negli ultimi due anni, Schneider Electric ha lavorato con Global Footprint Network per cercare delle soluzioni. L’attività di ricerca portata avanti dalle due organizzazioni indica che se il 100% degli edifici e delle infrastrutture industriali esistenti fossero dotate delle tecnologie per l’efficienza energetica e per l’uso delle rinnovabili che Schneider Electric e i suoi partner mettono già a disposizione – in assenza di cambiamenti nelle abitudini umane – il mondo potrebbe spostare la data di almeno 21 giorni. Questo significa che la sola riqualificazione energetica potrebbe fare la differenza di ben tre settimane.

Per capire il valore di questo dato, basti pensare che se riuscissimo a spostare di cinque giorni ogni anno la data dell’Earth Overshoot Day, torneremmo a una situazione di compatibilità con le risorse del nostro pianeta prima del 2050: in linea con quanto previsto dagli accordi sul clima di Parigi.

“Un’azienda leader come Schneider Electric, la cui strategia è incentrata sul promuovere l’efficienza energetica e delle risorse, adotta un modello di business destinato al successo, perché si basa sull’obiettivo di eliminare l’eccesso di consumo di risorse da parte dell’umanità” ha commentato il fondatore di Global Footprint Network, Mathis Wackernagel.

“La compatibilità con le risorse del nostro Pianeta deve diventare la nuova unità per misurare quanto una determinata strategia di business contribuisca o meno a spostare la data dell’Earth Overshoot Day, ha detto Xavier Houot, Senior Vice President Global Safety, Environment, Real Estate. Una metrica di questo tipo costringe ad adottare un punto di vista esterno, per analizzarsi e farsi delle domande. La nostra azienda opera rispettando i limiti delle risorse disponibili nel nostro pianeta? La nostra offerta aiuta in modo tangibile i clienti a evitare il sovraccarico ecologico? Se le risposte sono positive, è molto più probabile attendersi prosperità nel lungo termine. Essere parte della soluzione, e non del problema, è un aspetto sempre più importante agli occhi degli investitori, dei mercati e delle nuove generazioni.”

Le conseguenze per il business

Nel 2019, Schneider Electric e Global Footprint Network hanno unito le forze per invitare i leader delle aziende mondiali a valutare il modo in cui strategie basate sulla compatibilità con le risorse del pianeta possano creare differenziazione e valore sul mercato.

Le aziende “one planet” sono quelle i cui beni e servizi contribuiscono a mantenere l’equilibrio tra ciò che l’uomo chiede alla Natura e ciò che gli ecosistemi della terra possono offrire.

Più in specifico, queste aziende – che hanno modelli di business che migliorano il benessere delle persone e la sicurezza delle risorse – hanno molta più probabilità di ottenere successo economico nel lungo termine rispetto a quelle che non agiscono in modo compatibile con le risorse del pianeta, destinate inevitabilmente a confrontarsi con una riduzione della domanda e un aumento dei rischi.

La prosperità misurata sulle risorse del Pianeta è un modo semplice per valutare le strategie aziendali facendosi due domande essenziali. Opero rispettando i limiti delle risorse del Pianeta? Ciò che offro aiuta i clienti a evitare l’overhsoot ecologico? Questo è quanto indicato nel White Paper che sarà diffuso il 29 luglio. Il documento si intitola “The business case for one-planet prosperity” e contiene strategie che possono aiutare a creare valore nel lungo termine, che prendono spunto da quanto fatto da molte aziende di diversi settori quali energia, alimentare, sanità, riciclo dei rifiuti.

Il White Paper sarà presentato il giorno 22 luglio, alle 16.00, in una Tweet Chat aperta gestita da Schneider Electric e Global Footprint Network, a cui si può partecipare cercando l’hasthag #SEMoveTheDate

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    MOL Group digitalizza gli acquisti globali con SAP Ariba

    MOL Group digitalizza gli acquisti globali con SAP Ariba

    Gestione centralizzata dei subappaltatori e tempi di approvvigionamento ridotti per migliorare trasparenza e affidabilità
    Giunti Editore sceglie la struttura iperconvergente di Nutanix

    Giunti Editore sceglie la struttura iperconvergente di Nutanix

    Obiettivo: rinnovamento e trasformazione dei data center all'insegna di agilità e semplicità di gestione
    Lavoro flessibile, adottare una infrastruttura IT ibrida

    Lavoro flessibile, adottare una infrastruttura IT ibrida

    L’Hybrid Cloud consente di sfruttare tutti i vantaggi di un modello ancora poco diffuso
    Organizzazione 2020: le imprese rischiano un'involuzione?

    Organizzazione 2020: le imprese rischiano un’involuzione?

    Struttura, cultura organizzativa, processi e pratiche manageriali che renderanno vincenti le aziende nei prossimi anni
    EIT Awards 2020: le innovazioni verdi, digitali e sane

    EIT Awards 2020: le innovazioni verdi, digitali e sane

    Prodotti e servizi all'avanguardia che accelerano la transizione dell'Europa verso un futuro più sostenibile