La ricerca di IDC per SAP Italia indaga il livello di intelligenza delle imprese rispetto a cinque scenari: Piattaforme Tecnologiche, Customer Experience, Smart Manufacturing, Smart HR e Smart Procurement

Radar PMI: come trasformarsi in Intelligent Enterprise

Le aziende del terzo millennio dovranno affrontare sfide sempre nuove: essere competitive, saper analizzare i trend di mercato, capire le preferenze dei clienti e usare i dati per essere più efficienti e innovative. SAP ha quindi commissionato ad IDC Radar PMI, una ricerca – che ha visto coinvolte da marzo in poi 224 aziende italiane – per aiutare le aziende a capire quali sono le misure e le soluzioni da adottare per trasformarsi in Intelligent Enterprise e conoscerne il livello di intelligenza rispetto a cinque scenari: Piattaforme Tecnologiche, Customer Experience, Smart Manufacturing, Smart HR e Smart Procurement.

“Per stimolare e supportare le PMI in un percorso di trasformazione verso l’intelligent enterprise, sfruttando le tecnologie innovative, abbiamo voluto promuovere l’iniziativa “PMI intelligenti”, insieme ad alcuni dei nostri più importanti partner, ha commentato Adriano Ceccherini, Direttore Mercato PMI di SAP Italia. Come dimostra lo studio condotto da IDC, non vi è dubbio che sia sempre più urgente per le nostre PMI la necessità di adottare nuovi modelli di fruizione della tecnologia, il cloud, per una gestione del business più veloce e flessibile. Un altro risultato interessante è la crescente consapevolezza che le aziende di successo saranno quelle in grado di capire come i dati di customer experience (X-data) e i dati operativi (O-data) operano insieme per raccontare la storia di quello che accade in un’organizzazione, perché sta avvenendo e di come agire in tempo reale per ottenere migliori risultati di business.”

Le aziende italiane si rivelano e si confrontano con i loro pari

Promossa da SAP Italia, IDC ha condotto lo scorso marzo un’indagine in su 224 imprese di medie dimensioni, appartenenti ai settori manifatturiero e servizi.

“Nel corso dell’indagine abbiamo cercato di misurare una dimensione profondamente intangibile, il grado di “intelligenza” di un’organizzazione, declinando tale concetto in modo molto circonstanziato: la capacità di impiegare le tecnologie ICT per gestire in modo nuovo qualsiasi funzione aziendale, non soltanto i sistemi informativi”, sottolinea Giancarlo Vercellino, associate research director di IDC Italia.

In questo senso, avvalendosi delle tecnologie digitali, un’impresa “intelligente” è capace di introdurre nuove prassi gestionali, nuovi modelli operativi e nuovi indicatori di misurazione delle performance. In particolare, lo studio ha focalizzato l’attenzione su cinque dimensioni: Piattaforme Tecnologiche, Customer Experience, Smart Manufacturing, Smart HR e Smart Procurement, andando a investigare in modo intrecciato sia la sensibilità rispetto alle nuove soluzioni tecnologiche (dal Cloud ai Big Data agli High Performance Analytics), sia le prassi manageriali che le imprese intendono disegnare sopra tali piattaforme (dal Customer Journey all’Industry 4.0 fino al Talent Management).

“L’indagine ha coinvolto 224 medie realtà italiane che ci hanno raccontato come questi nuovi modelli sia tecnologici che organizzativi abbiano cominciato a introdursi nella pianificazione strategica delle imprese. Dall’analisi emerse un quadro di grande pragmatismo e disponibilità al cambiamento, le imprese comprendono l’importanza della trasformazione digitale e stanno cercando di capire come impiegare le tecnologie per interpretarla al meglio”, commenta Vercellino.

È per esempio emerso che il Cloud rappresenta una leva di trasformazione digitale per le medie imprese soprattutto se abilita la semplificazione e la scalabilità. Il 40% del campione guarda infatti al Cloud per espandere le infrastrutture IT e il 35% per disegnare processi di business più semplici, flessibili e integrati. Anche la Customer Experience è importante per le aziende: il 54% delle imprese ritiene strategico poter analizzare i dati per definire la propria strategia CX.

Palcoscenico di eccezione per presentare i risultati della ricerca è stato il Teatro Gerolamo dove si è svolto l’incontro Destinazione Impresa Intelligente, appuntamento che rientra nell’iniziativa PMI Intelligenti e che ha visto tra i protagonisti importanti realtà produttive nazionali, come Caffè Moak, Olio Farchioni, Fiorini Packaging, GPack, Omet Group. I clienti sono stati coinvolti in un confronto sull’opportunità di sviluppare all’interno delle proprie organizzazioni una cultura dell’innovazione come fattore competitivo, cambiare l’approccio di business e ripensare tecnologie e processi in una prospettiva sempre più digitale.

PMI Intelligenti, un percorso di confronto con le aziende, per le aziende

Da sempre attenta e vicina alle esigenze delle piccole e medie imprese in Italia, SAP ha creato l’iniziativa PMI Intelligenti in collaborazione con alcuni dei suoi più importanti partner, tra cui Altea UP, Derga, Exprivia, ICM.S, Intel e Techedge in qualità di Diamond partner, Engineering, Horsa, IT-Link, Present e SIDI come Platinum partner. La prima fase di PMI Intelligenti ha voluto puntare sullo sviluppo dello studio e sull’offerta di un assessment creato in esclusiva da IDC. I dati così raccolti permettono infatti alle imprese che hanno partecipato allo studio di misurare il proprio posizionamento rispetto alle altre aziende del campione, simili per dimensione, ricevendo il profilo della propria organizzazione rispetto ai fattori indispensabili per crescere in futuro, ai punti di forza e di debolezza della propria organizzazione, con un’indicazione finale su quali sono le iniziative da intraprendere per rafforzare le competenze tecnologiche.

Se altre aziende volessero prenderne parte, l’assessment offerto da IDC sarà disponibile fino alla prima settimana di giugno. Per candidarsi è sufficiente fare riferimento qui.

Per conoscere tutti i partner che hanno sostenuto la realizzazione del programma PMI Intelligenti è possibile visitare questa pagina.