Atos cresce nel 2018 del 4,2% e lancia nuovo piano triennale di sviluppo fino al 2021

Atos, azienda attiva nella trasformazione digitale, ha presentato in occasione dell’Investor Day, nella sede centrale di Bezons in Francia, i risultati del 2018 con ricavi pari a € 12.258 milioni di euro, +4,2% a cambi costanti, e +1,2% organicamente, guidati soprattutto dalla Atos Digital Transformation Factory – focalizzata su soluzioni di Orchestrated Hybrid Cloud, Big Data, Business Applications e Digital Workplace – che ha rappresentato il 30% dei ricavi del 2018 (23% nel 2017) beneficiando della forte domanda delle grandi organizzazioni che implementano la trasformazione digitale. Il margine operativo è stato di € 1.260 milioni di euro, pari al 10,3% dei ricavi, rispetto al 10,8% del 2017 a perimetro e cambio costanti.

Nel corso dell’evento è stato lanciato il piano triennale ADVANCE 2021. Le recenti acquisizioni di Syntel, società da 900 milioni di euro di fatturato nel mercato dei servizi digitali, e SIX Payment Services, società da 500 milioni di euro di fatturato nel settore dei pagamenti elettronici, avvenute nel corso del 2018, hanno portato Atos a sviluppare un piano triennale, denominato ADVANCE 2021, con l’obiettivo di rafforzare il Gruppo come leader nel settore digitale e raggiungere una crescita organica dei ricavi CAGR tra il +3% e il +4% nei prossimi tre anni, una redditività di circa il 13% nel 2021 e un free cash flow che raggiunga 1,2-1,3 miliardi di euro.

È stata inoltre proposta agli azionisti di Atos la distribuzione del 23,4% del capitale azionario di Worldline, società di cui detiene attualmente il 50,8%. L’operazione è finalizzata a concentrare gli obiettivi dei due player mondiali nei rispettivi settori di competenza: Atos nel mercato della trasformazione digitale e Worldine nel settore dei pagamenti.

La collaborazione industriale e commerciale tra i due gruppi rimarrà forte e saranno mantenute tutte le partnership esistenti attraverso la creazione della Atos-Worldline Alliance. Tale alleanza comprende in particolare una strategia comune di “go-to-market” e la cooperazione in materia di R&S, combinando l’innovazione nei servizi digitali e di pagamento.

“Nel 2018 Atos ha rafforzato le sue competenze nei servizi digitali con l’acquisizione di Syntel e ha contribuito al posizionamento di Worldline quale leader europeo nel settore dei pagamenti, acquisendo Six Payment Service.  Il progetto di distribuzione del 23,4% del capitale azionario di Worldline porterà ad una maggiore flessibilità strategica e finanziaria, nonché al potenziamento di entrambe le società. Con ADVANCE 2021, il nostro nuovo piano triennale, Atos accresce il supporto ai propri clienti nelle sfide legate a digital disruption, sicurezza e gestione dei dati, al fine di creare nuove opportunità di business. Atos rafforzerà la centralità del cliente attraverso un go-to-market verticale, facendo leva su tutte le capacità di Atos e mobilitando le competenze e i talenti dei suoi dipendenti”, ha dichiarato Thierry Breton, Presidente e CEO di Atos.

“Le nuove strategie rafforzano la leadership di Atos e la nostra capacità di offrire, in Italia e in Europa, soluzioni avanzate volte ad aumentare la produttività in ogni settore industriale. La maggiore centralità del cliente ci aiuta a cogliere le reali necessità e a sviluppare soluzioni sempre più competitive e innovative”, ha affermato Giuseppe Di Franco, CEO Central Eastern Europe & Italy.