Transport Trends

Indra ha recentemente pubblicato il suo nuovo report Transport Trends, che analizza il contesto geopolitico, normativo, sociale, organizzativo e tecnologico del settore, nonché le principali sfide e gli obiettivi dei protagonisti della trasformazione nell’ambito della mobilità.

Secondo quanto emerge, Intelligenza Artificiale, Cloud, Big Data, IoT, Realtà Aumentata e Machine Learning faranno da traino alle nuove tendenze del settore, tra cui la “mobilità as a service”, l’intermodalità, la guida autonoma e la manutenzione predittiva.

Secondo il documento, le tecnologie digitali segneranno il futuro della mobilità, che sarà più personalizzata, integrata, sicura e sostenibile. Questo comporterà importanti vantaggi per utenti, manager, operatori e Amministrazioni che beneficeranno di costi inferiori, di maggior sicurezza alla guida e della riduzione dell’impatto ambientale.

Sempre secondo il report, gli utenti vogliono avere il controllo dei loro viaggi e presto usufruiranno di un trasporto ottimizzato, più economico e senza barriere tecnologiche, con informazioni in tempo reale adattate alle loro preferenze ed esigenze.

Tutto ciò sarà possibile grazie alle tecnologie che stanno abilitando la cosiddetta shared economy; ai big data e alle soluzioni per l’inter-modalità urbana e interurbana. Ad esempio, da una singola applicazione, l’utente può configurare il proprio profilo, scegliere i diversi mezzi di trasporto e pagare alla fine del mese in base all’utilizzo, oltre a beneficiare di “premi” per le scelte più sostenibili.

Per quanto riguarda gli operatori dei trasporti, questa nuova realtà consentirà di svolgere una gestione più intelligente, intermodale e ottimizzata dei loro servizi. Secondo l’Indra Transportation Trends Report, gli operatori di autobus, metropolitane e treni, avranno a disposizione un sistema di gestione integrata dei loro percorsi, centralizzato e connesso con le informazioni dei viaggiatori e del traffico, in cui l’apprendimento automatico e i big data renderanno più facile ridimensionare i percorsi in tempo reale e creare percorsi personalizzati per gli utenti di altri mezzi di trasporto.

I gestori del traffico e i concessionari autostradali si evolveranno verso un modello di mobility-as-a-service (MaaS) per gli utenti di auto, che includerà soluzioni per l’accesso a determinate rotte, prezzi modulari e pagamenti in base alle condizioni della strada, al giorno, orario e occupazione. Inoltre, l’auto connessa e / o autonoma, sviluppata grazie all’IoT e alle nuove comunicazioni mobile sicure, cambierà radicalmente l’esperienza dell’utente, che potrà accedere a tutte le informazioni e i servizi di assistenza disponibili per una guida più sicura.

L’impatto sul trasporto delle merci e la manutenzione

L’ottimizzazione dei costi nella manutenzione delle infrastrutture, la tracciabilità delle merci e l’ottimizzazione del cosiddetto “ultimo miglio” e della consegna finale, rappresentano le principali sfide indicate rispettivamente daiproprietari delle infrastrutture e dagli operatori logistici. Questi ultimi avranno a disposizione in futuro piattaforme integrate di gestione delle merci con tracciabilità totale, basata su blockchain e smart contracts, connessi ai dati del traffico in tempo reale. In questo modo sarà semplificata la distribuzione, che avrà un minore impatto ambientale ottimizzando il carico su treni e camion.

Secondo il rapporto poi, la manutenzione delle infrastrutture di trasporto sarà sempre più predittiva, a partire dalla stessa progettazione dell’infrastruttura in BIM (Building Information Model), fino alla raccolta dei dati rilevanti attraverso i big data per stabilire indicatori e modelli che, supportati dall’intelligenza artificiale, faciliteranno il processo decisionale. La revisione attraverso i veicoli senza pilota (UAV), l’uso della realtà aumentata per la formazione degli operatori e l’assistenza da remoto trasformeranno infine anche questi servizi.

Leadership di Indra nella smart mobility a livello globale

Il rapporto sulle tendenze nel settore dei trasporti è il risultato di un’analisi approfondita realizzata da Indra e volta a riconfigurare la propria offerta innovativa per il settore, includendo anche interviste con clienti ed alcuni degli attori più rilevanti del settore.

Il Report infatti riflette anche l’esperienza maturata dalla società, attraverso la propria unit Indra Mova Solutions alla guida di alcune delle principali iniziative di innovazione europee nell’ambito della digitalizzazione dei trasporti e dell’utilizzo delle nuove soluzioni intelligenti basate su IoT, Intelligenza Artificiale, Big Data o Cloud Computing. La società fa parte del più alto organo di governo di Shif2Rail, la principale iniziativa europea per la ricerca e l’innovazione nel settore del trasporto ferroviario, che svilupperà la nuova generazione di soluzioni. Guida i progetti Transforming Transport, che utilizza i big data per migliorare la mobilità, e Harmony, che sviluppa tecnologie che consentono l’integrazione in tempo reale di dati provenienti da diversi operatori e mezzi di trasporto. Un altro esempio della leadership della società è il progetto AUTOCITS, che sta testando la guida autonoma sulle strade di Lisbona, Madrid e Parigi per adattare regolamenti, centri di controllo e infrastrutture all’automobile connessa e autonoma.

Insieme a Greenrail, start up dell’anno in Italia, Indra sta sviluppando un modello innovativo di traversa sostenibile e smart, in grado di raccogliere, elaborare e inviare in tempo reale dati sulla situazione dei binari e dei treni ai centri di controllo del traffico ferroviario.