Home News AI e recruiting: i candidati preferiscono il contatto umano

AI e recruiting: i candidati preferiscono il contatto umano

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Monster.it ha recentemente pubblicato sulla sua homepage, e rilanciato sul suo profilo twitter, un sondaggio riguardante l’AI e il recruiting. Alla domanda alla domanda: L’intelligenza artificiale finirà col sostituire l’elemento umano del processo di selezione?, il 45% dei partecipanti ha indicato la risposta più conservatrice, tra le quattro possibili: Assolutamente no, un robot non potrà mai valutare una persona meglio di un essere umano.

La pensa però in maniera diversa il 26% degli aderenti alla survey. Ai quali, evidentemente, la prospettiva di un robot recruiter che si occuperà in futuro della loro selezione, e non un recruiter in carne e ossa, impensierisce appena. Per quasi un terzo dei coinvolti da Monster.it, infatti, ben venga l’innovazione tecnologica – in tutte le sue derivazioni – a favorire un primo contatto tra candidati e aziende, ma guai, per queste ultime, a rinunciare all’aspetto umano della faccenda. La seconda risposta per numero di preferenze è stata, infatti: Sì, ma le aziende non dovranno rinunciare a un contatto umano diretto col candidato.

Ad essere invece dell’avviso che un algoritmo difficilmente potrà mai valutare l’idoneità di un candidato, pur attestandosi come alleato sempre più prezioso al servizio delle divisioni HR aziendali, è la quota di partecipanti, pari al 23%, che, tra le quattro alternative, ha indicato la risposta: No, l’intelligenza artificiale potrà aiutare solo nella fase di valutazione dei curriculum. Il lavoro “sporco”, insomma.

Infine, certi del fatto che l’attendibilità (e, chissà, magari anche la sensibilità) dell’intelligenza artificiale sarà in futuro sempre maggiore, fino a spazzare via del tutto ogni traccia di umanità dal processo di selezione e ricerca lavoro, sono quei partecipanti alla survey (il 6% del totale) che hanno preferito la risposta: Sì, gli algoritmi saranno talmente precisi e attendibili da poter sostituire gli umani.

“La maggioranza di chi cerca lavoro dimostra insomma di pensarla come la maggioranza di chi il lavoro lo offre – ha commentato Nicola Rossi, Country Manager di Monster Italia. L’idea che l’intelligenza artificiale sia in futuro di sempre maggiore aiuto alle divisioni HR, senza per questo sostituirsi all’uomo nei processi che implichino sensibilità squisitamente umane, come la selezione e il recruiting, domina il pensiero comune nel mondo del lavoro e costituisce tra l’altro anche la conclusione di quasi ogni dibattito sul tema “Intelligenza artificiale VS intelligenza vera e propria”. L’errore, a mio avviso, sarebbe quello di considerare l’intelligenza artificiale come un sostituto dell’uomo per l’intera gamma delle sue attività – ha concluso Rossi – quando, invece, scopo degli algoritmi dovrebbe essere quello di ogni altro tipo di innovazione: semplificare. Che in questo caso vuol dire snellire, velocizzare e liberare i responsabili delle risorse umane di quei compiti routinari che incidono sulla qualità del loro lavoro e dell’intera divisione.”

 

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Eleonora Faina

    Eleonora Faina è il nuovo Direttore Generale di Anitec-Assinform

    Con la nomina della dottoressa Faina, l’associazione intende rafforzare il proprio contributo alla definizione delle politiche e azioni - nazionali ed europee - in materia di digitalizzazione del Paese
    EnGenius presenta Cloud To-Go per il Networking delle PMI

    EnGenius presenta Cloud To-Go, la App per il Networking delle PMI

    Registrato il dispositivo tramite QR code, il WiFi si configura facilmente con SSID Wizard per essere connessi in pochi minuti
    Documenti aziendali: 1 italiano su 3 accede dal dispositivo personale

    Documenti aziendali: un italiano su tre accede con il dispositivo personale

    La diffusione del lavoro remoto a seguito della pandemia obbliga a rivedere le policy di sicurezza
    Arriva il 23 settembre l'hackathon BTicino per la smart home

    Arriva il 23 settembre l’hackathon BTicino per la smart home

    L'evento mette in palio 1.000 euro in buoni Amazon ed è rivolto a studenti e giovani talenti informatici
    clever-connect-logo-250x250

    CleverConnect si consolida in Italia e prosegue la sua espansione nel mercato europeo

    Il gruppo leader nelle tecnologie di recruiting continua ad espandersi in Europa e presenta le sue soluzioni Visiotalent e HRmatch in Germania, Austria e Svizzera tedesca. L’azienda annuncia anche il suo nuovo brand globale: CleverConnect, che integra tutte le sue tecnologie di intelligenza artificiale per un recruiting rivoluzionario.