Home News Telefonia, costi nascosti e trappole: inchiesta di Altroconsumo su 5 operatori in...

Telefonia, costi nascosti e trappole: inchiesta di Altroconsumo su 5 operatori in 50 punti vendita

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Altroconsumo ha condotto un’inchiesta in 50 punti vendita di 5 città – Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli – che ha messo in luce la poca trasparenza di Tim, Vodafone, Wind, Tre e Fastweb su servizi aggiuntivi non richiesti, imboscati nei contratti. La forza vendita non contribuisce a chiarire le idee al consumatore.

Innumerevoli i costi nascosti, per servizi già attivati sulla sim al momento della sottoscrizione del contratto: dall’ascolto della segreteria telefonica ai servizi “ti ho cercato”, dai costi di attivazione a quelli per rinnovare il piano tariffario, al canone mensile per l’antivirus. Nel caso in cui questi servizi non siano disattivati dal consumatore, il prezzo dell’offerta sottoscritta potrebbe anche raddoppiare.

Alcuni possono essere successivamente bloccati, ma le disattivazioni sono macchinose, e non si possono mai effettuare nei negozi o attraverso il sito internet, ma sempre al telefono con il servizio clienti. Soprattutto, prevedono che l’utente abbia consapevolezza che si tratti di servizi a pagamento: non sempre è così.

 

L’inchiesta di Altroconsumo

Altroconsumo ha visitato dieci punti vendita per ciascun gestore, due in ogni città. L’intento era di cambiare operatore, con l’attesa di ricevere domande sulle esigenze di consumo – 500 minuti di chiamate, pochissimi sms (meno di cinque al mese, per il resto Whatsapp) e un giga per navigare. Nemmeno un addetto alle vendite su due (48%) ha voluto saperlo, né ha chiesto quale fosse la tariffa in uso. Il 32% delle offerte consigliate conteneva minuti illimitati, cosa assolutamente inutile per il profilo e che avrebbe fatto lievitare il costo fisso mensile fino a 15 euro. Anche per quanto riguarda internet si punta in alto: il 36% ha proposto tariffe con più di 10 giga mensili.

Nei punti vendita pochi sforzi per adeguare la proposta alle esigenze del cliente, tanti per occultare i costi dei servizi attivati preventivamente sulle sim, lasciando l’utente alla propria esperienza e al proprio credito residuo. Sono i costi extra soglia, quelli su cui gli addetti preferiscono glissare più frequentemente. I negozi che non li menzionano, neanche quando si fa riferimento a possibili spese aggiuntive, sono quasi tutti: 48 su 50.

Altroconsumo ha segnalato i risultati dell’indagine ad AGCOM e Antitrust, chiedendo loro di attivarsi affinché le società di telefonia inseriscano nella comunicazione al pubblico delle offerte commerciali il prezzo finale pagato dal consumatore, comprensivo di tutte le sue componenti.

La poca trasparenza delle compagnie telefoniche del resto non è cosa nuova, basti ricordare la vicenda della tariffazione a 28 giorni che è costata al consumatore un aumento della spesa annuale dell’8,6%. Con il ritorno alla tariffazione mensile, stabilito dalla legge di bilancio, l’incremento è stato spalmato sui 12 mesi, senza aumentare in proporzione i servizi offerti. Chi aveva per esempio un contratto che includeva 500 minuti di chiamate ogni quattro settimane, usufruiva di 6.500 minuti complessivi all’anno. Ora che i 500 minuti tornano a essere accreditati ogni mese, i minuti annuali diventano 6.000, quindi il costo del singolo minuto diventa maggiore. Lo stesso vale per sms e traffico dati. Insomma, la nuova legge è stata interpretata dalle società di telecomunicazioni come un’occasione per farsi un ulteriore regalo. Per i cittadini doppio danno, doppia beffa.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    FINIX Technology Solution S.p.A.

    FINIX Technology Solutions cambia sede e sceglie l’home office

    L'HUB tecnologico segue il modello di innovazione delle principali aziende tech mondiali e sposta i propri uffici di Milano nel CoWorking Space di WeWork, incentivando lo smart working e l’home office per i propri dipendenti
    Eurotech sarà sponsor tecnologico di Allianz Pallacanestro Trieste

    Eurotech sarà sponsor tecnologico di Allianz Pallacanestro Trieste

    Per i prossimi due campionati di LBA il fornitore di componenti per l'IoT renderà più sicuro l’accesso all’Allianz Dome
    SAP_DigitalLeadersOnAir

    SAP: dove vanno gli ecosistemi digitali?

    Nel quarto appuntamento di Digital Leaders On Air, organizzato da SAP e IDC, si è parlato del quadro di innovazione digitale che si sta sviluppando in Italia
    Physics for Technologies and Innovation: ML alla Cattolica di Brescia

    Physics for Technologies and Innovation: Machine Learning alla Cattolica di Brescia

    Il percorso di studi è erogato in inglese con un’ampia scelta di corsi nei campi di Innovation Management e Data Science
    Backup LTE TWT

    TWT Backup LTE: connessione 4G per garantire la business continuity

    Ideale per le imprese che non possono permettersi interruzioni di connettività grazie alla clonazione dell’IP che consente di mantenere la continuità di tutti i servizi avanzati