Le aziende fanno fatica a completare i progetti di trasformazione digitale e perdono in media 555.000 euro per ogni iniziativa non andata a buon fine

Ottimizzare l'efficenza dell'IT con la Service Transformation

L’ultima ricerca commissionata da FujitsuThe Digital Transformation PACT, esamina le performance delle aziende nei confronti dei quattro elementi strategici necessari per potersi trasformare digitalmente: Persone, Azioni, Collaborazione e Tecnologia (PACT).

L’indagine, svolta su oltre 1.600 business leader, sottolinea l’importanza che la trasformazione digitale riveste per le aziende, con la maggioranza di esse (il 46%) che dichiara di aver già implementato progetti di digitalizzazione e l’86% che sta pianificando di farlo nell’arco dei prossimi 12 mesi.

Tuttavia, le aziende continuano a trovarsi in difficoltà sui quattro pilastri dell’approccio PACT: l’84% delle aziende afferma che i propri clienti si aspettano che siano maggiormente digitali, mentre il 71% pensa di non essere all’altezza, su questo versante, rispetto ai competitor. Due intervistati su tre (il 66%) sono convinti di essere destinati a perdere clienti a favore della concorrenza come conseguenza della trasformazione digitale.

A preoccupare le aziende anche l’aspetto economico, ovvero i costi legati a questi progetti di trasformazione: un intervistato su tre (il 33%) ha dichiarato di aver cancellato un progetto di digitalizzazione negli ultimi due anni, perdendo oltre 420.000 euro, mentre uno su quattro (il 28%) ha dovuto registrare il fallimento di un progetto per un costo di 555.000 euro.

La tecnologia può essere un reale fattore di trasformazione, ma per sfruttare al meglio il digitale servono ben più che gli ultimi tool”, ha dichiarato Duncan Tait, CEO, SEVP e Head of Americas and EMEIA di Fujitsu. “Per quanto le aziende siano oggi consapevoli della necessità di adottare la tecnologia, continuano a esserci problemi significativi che contribuiscono a una elevata percentuale di insuccessi e agli alti costi ad essi associati. Per concretizzare una vision digitale è essenziale possedere le giuste competenze, partnership di processo e tecnologie. Con la rivoluzione digitale che sta cambiando rapidamente gli scenari di business, le aziende non possono permettersi di fallire la loro trasformazione”.

Persone

Nel considerare il proprio approccio nei confronti delle persone coinvolte nei progetti di trasformazione digitale, la quasi totalità degli intervistati (il 90%) dichiara di stare compiendo al proprio interno i passi necessari ad estendere l’accesso a competenze digitali; il 70% ammette una chiara mancanza di competenze di questo tipo all’interno della propria organizzazione, con conseguenze importanti: per esempio, l’80% degli intervistati afferma che questo costituisce il principale impedimento per poter affrontare il tema della cybersicurezza. Guardando al futuro, il 93% ritiene che la crescita delle competenze del personale risulterà essenziale per il successo delle rispettive aziende nei prossimi tre anni, mentre l’83% è convinto che l’intelligenza artificiale richiederà un cambiamento nelle competenze necessarie entro il 2020.

Azioni

Guardando alle azioni, ovvero ai processi e ai comportamenti che servono per abilitare la trasformazione digitale, nove business leader su dieci (il 90%) affermano che le rispettive aziende possiedono una strategia digitale chiaramente definita, mentre l’83% è fiducioso che il resto della propria azienda la conosca. Di contro, tre quarti (il 74%) nota come vengano spesso avviati progetti privi di un collegamento con la strategia di business complessiva, mentre il 72% sottolinea come i progetti digitali “ombra” rappresentino l’unico modo per concretizzare un’innovazione significativa in alcune aree dell’azienda. Due intervistati su tre (il 66%) attribuiscono al costo degli insuccessi il fatto di essere stati dissuasi dal perseguire ulteriori iniziative di trasformazione digitale.

Collaborazione

Sul tema della collaborazione, la maggior parte delle aziende afferma di avere già intrapreso o di prevedere di avviare progetti di co-creazione (il 63%) con partner come esperti di tecnologia (64%) e clienti esistenti (42%). Sorprende scoprire che il 79% sarebbe addirittura disposto a condividere informazioni sensibili nell’ambito di questi progetti di co-creazione; tuttavia il 73% afferma che non riuscire a raggiungere il successo entro un arco di tempo limitato metterebbe rapidamente fine a queste partnership strategiche.

Tecnologia

Quando si parla di tecnologia, le aziende intervistate sembrano intenzionate a implementare una grande varietà di sistemi; metà di esse prevedono di introdurre entro i prossimi dodici mesi soluzioni di cybersicurezza (il 52%) o di Internet of Things (il 51%), seguite da progetti di cloud computing (il 47%) e Intelligenza Artificiale (il 46%). Gli intervistati sono consapevoli dell’impatto rivoluzionario del cambiamento tecnologico, con l’86% che afferma che la capacità di cambiare sarà cruciale per la propria sopravvivenza nei prossimi cinque anni. Tuttavia, il 71% nutre preoccupazioni circa la capacità della propria azienda di adattarsi a tecnologie come l’intelligenza artificiale.

Ha proseguito Tait: “L’introduzione di nuove tecnologie all’interno delle aziende ha sempre richiesto equilibrio. Tuttavia, con i cambiamenti tecnologici sempre più frequenti, trovare un giusto equilibrio non è mai stato così importante come oggi. Non è più sufficiente disporre delle migliori applicazioni e dei migliori dispositivi; senza persone capaci e di talento in grado di avvalersene, sono inutili. Si può avere a disposizione il personale più brillante e competente, ma se l’azienda non è aperta all’innovazione i risultati saranno difficili da raggiungere. E nessuna azienda, non importa quanto grande, influente o potente, può sperare di isolarsi e avere successo nel mondo di domani. Un bilanciamento dei quattro elementi fondamentali – Persone, Azioni, Collaborazione e Tecnologia – è fondamentale se si vuole crescere in questa era digitale”.