Home News Negatività in ufficio? È colpa della mancanza di tecnologia

Negatività in ufficio? È colpa della mancanza di tecnologia

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Come dimostra la ricerca commissionata da Sharp su nove paesi europei, una diffusa negatività sta prendendo il sopravvento nelle imprese. Il 64% degli impiegati dichiara infatti di avere un atteggiamento negativo in ufficio, a causa dei metodi di lavoro obsoleti che causano malumori e scarsa motivazione.

L’indagine condotta su più di 6.000 impiegati europei ha rivelato che il 28% ha descritto l’ambiente di lavoro poco stimolante, o persino “triste”, e “opprimente” Il 34% degli impiegati sostiene che l’ufficio sia tranquillo e il 15% lo ha descritto come noioso. Solo il 19% descrive il luogo di lavoro come stimolante.
Alla domanda sul motivo per cui l’ambiente di lavoro viene descritto così negativamente, il 28% ha dato la responsabilità a metodi di lavoro obsoleti e frustranti, mentre il 31% sostiene che viene speso troppo tempo per noiosi compiti amministrativi e il 20% sostiene che tutti comunicano tramite e-mail, invece di parlare.

La tecnologia sul posto di lavoro è stata identificata come un punto debole, con poco meno della metà (44%) degli intervistati che la descrive come restrittiva. L’impiegato europeo si sente frustrato in media tre volte al giorno a causa della tecnologia sul posto di lavoro –  il 26% ha fatto finta che il dispositivo fosse rotto per non utilizzarlo, mentre il 39% dichiara di utilizzare in ufficio i suoi dispositivi personali.

I Millennial (giovani impiegati nati dopo il 1982) che non hanno mai lavorato senza Google, hanno più probabilità rispetto alle altre fasce di età di dire che si sentirebbero più motivati se il loro ufficio avesse una tecnologia aggiornata (39%). Di questi, la metà a volte preferisce evitare l’uso della tecnologia nel proprio ufficio perché è troppo complicata e la metà preferisce usare i propri dispositivi personali.

Carlo Alberto Tenchini, Direttore Marketing di Sharp Electronics Italia, commenta così: “Fare in modo che tutti i dipendenti siano motivati è importante per ottenere un ambiente di lavoro sereno e stimolante, con persone volenterose che svolgono bene il proprio lavoro. La tecnologia migliora la motivazione solo se è utile e facile da usare; altrimenti può essere demotivante o, peggio ancora, può causare frustrazione. Entro i prossimi 10 anni, i Millennial saranno la maggior parte della nostra forza lavoro, è quindi importante che impariamo dai lavoratori più giovani a dare il benvenuto a nuove idee e nuove intuizioni, e a fornire una tecnologia per dispositivi di consumo più intelligente e facile da usare.”

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Oltre il 92% dei progetti tecnologici innovativi fallisce

    Oltre il 92% dei progetti tecnologici innovativi fallisce prima del lancio

    La fase di sviluppo è considerata la più impegnativa di tutto il ciclo di vita del processo di innovazione
    luca livraga

    Luca Livraga alla guida del team di supporto di Snom Technology

    A cinque anni dall’inizio della sua carriera in Snom Italia come Technical Support Engineer, Livraga assume ora il ruolo di Team Lead Technical Support EMEA. Tra le priorità del manager sia una stretta collaborazione con il product management a sostegno di un’innovazione ancora più vicina al mercato sia la garanzia di continuità in termini di eccellenza del servizio tecnico erogato.
    rilevazione della temperatura

    La termografia Hikvision per gestire le prossime fasi

    Le soluzioni Hickvision permettrono di misurare la temperatura in ingresso e la presenza di mascherina. Soluzioni adatte a seconda dei flussi di entrata
    Team Faire.ai

    Nasce faire.ai, la piattaforma di credit automation che sfida i colossi del fintech

    La startup, che ha appena chiuso un round di finanziamento da 1,5 milioni di euro da Banca Progetto, sfrutta l’open banking (PSD2) come fonte e utilizzo dei dati, machine learning e AI per stimare il credit score dei consumatori e offrire finanziamenti istantanei
    webinar webgate400 R.9

    Webgate400 R.9: webinar gratuito il 27 ottobre

    Applicazioni gestionali RPG per IBM i potenziate e accessibili da browser HTML5: come trasformarle con semplicità.