Pietro Guindani, Presidente di Asstel-Assotelecomunicazioni, e Rosy Russo hanno firmato il Manifesto della comunicazione non ostile per contrastare l’odio in rete.

Manifesto della comunicazione
Manifesto della comunicazione
Tempo di lettura: 1 minuto

Il Presidente di Asstel-Assotelecomunicazioni Pietro Guindani ha firmato il Manifesto della comunicazione non ostile insieme a Rosy Russo, ideatrice e fondatrice di Parole O_Stili, con l’impegno di osservare, promuovere e diffondere i dieci principi del documento e contrastare l’odio in rete, sostenendo un uso più consapevole del linguaggio, sia da parte degli utenti, sia da parte di chi ricopre cariche politiche o istituzionali.

A tal proposito, lo stesso Guindani ha dichiarato: “La firma del Manifesto ci permette di supportare attivamente l’impegno di Parole O_Stili per la formazione e l’educazione dei cittadini del domani.  Siamo entusiasti di proseguire la formazione del capitale umano tra le imprese e sostenere il processo di alfabetizzazione digitale, anche grazie al progetto di educazione civica per le scuole primarie e secondarie”.

A dare immediata concretezza alla sottoscrizione c’è infatti il sostegno di Asstel all’avvio di un progetto sull’educazione civica e la cittadinanza digitale, che sarà sperimentato in molte classi d’Italia nel prossimo settembre. Partendo dal “Manifesto della comunicazione non ostile”, verrà tracciato un percorso per la promozione di una corretta comunicazione online che approfondirà anche aspetti legati alla Costituzione e alla sostenibilità. L’obiettivo è quello di favorire consapevolezza ed educazione al digitale fin dalla scuola dell’infanzia, in un’ottica di arricchimento continuo e progressivo, nonché di sviluppo di life skills fondamentali.