Il 37% non si fida affatto di ciò che un’azienda comunica direttamente di sé

fiducia nei brand
Tempo di lettura: 2 minuti

Trustpilot ha condotto, con il supporto della società di ricerche YouGov, un sondaggio tra i consumatori italiani per scoprire qual è il loro grado di fiducia nei brand quando devono comprare un prodotto o un servizio online.

I dati non sono particolarmente confortanti. È stato chiesto, infatti, ai consumatori quale sia il loro grado di fiducia quando si parla di informazioni riportate da un’azienda sul proprio sito web, ed è emerso che il 37% non si fida affatto di ciò che un’azienda comunica direttamente di sé. Un dato che divide il campione in tre parti, visto che, al contempo, il 33% non si sbilancia e pensa di dover valutare caso per caso e solo il 30% si dice fiducioso.

Per la stessa ragione, emerge che solo il 32% del campione, quando deve comprare online, si fida di un annuncio pubblicitario del brand, commissionato dall’azienda stessa dunque, mentre quasi analogamente il 33% non si fida affatto e il 35% valuta a seconda dei casi.

Dall’analisi emerge come la fiducia in un brand necessiti sempre più di un supporto esterno all’azienda come quello legato al passaparola di amici e parenti – di cui si fida il 75% del campione – o quello delle recensioni online – consultate dal 72% degli intervistati.

Non è un caso il dato di rilievo registrato a riguardo da Trustpilot nel corso del Black Friday appena trascorso: le ricerche sul portale, finalizzate quindi a verificare cosa pensano gli altri consumatori di una determinata azienda, nel corso del venerdì nero hanno fatto registrare un +64% rispetto ad una giornata media di novembre e, al contempo, il traffico sul sito ha avuto un picco quasi del 38% rispetto ai giorni precedenti.

“Non ci aspettiamo che un’azienda giudichi i propri servizi come mediocri, magari consigliando il prodotto di un competitor rispetto al proprio. Ma ascoltare attentamente ciò che i clienti desiderano, raccogliere feedback e imparare da esso è, a nostro avviso, molto più importante per il successo dell’azienda  – ha commentato Claudio Ciccarelli, Country Manager di Trustpilot in Italia. Questo lo sanno anche i consumatori, che continuano a ricercare fonti esterne all’azienda nel momento in cui devono decidere se dare o meno fiducia a quel brand. I dati registrati da Trustpilot.it nel corso del Black Friday sono la conferma che le fonti aperte e trasparenti sono il futuro della riprova sociale.”