Quattro settimane di incontri ed eventi nell’ambito dello European Cyber Security Month, la campagna dell’Unione Europea all’insegna della Cyber Security come responsabilità condivisa, è promossa in Italia dal Clusit

Parte da Verona il Security Summit 2019

Il convegno Security Summit – il mese per la sicurezza cyber in Italia – partirà uest’anno da Verona: l’appuntamento è il prossimo 3 ottobre. Seguiranno quattro settimane di incontri di approfondimento, seminari e convegni dedicati alla conoscenza dei nuovi rischi e alla prevenzione più efficace.

Parte della campagna dell’Unione Europea, ECSM – European Cyber Security Month – organizzata da ENISA (Agenzia dell’Unione Europea per la sicurezza delle informazione e della rete), il mese per la sicurezza informatica è promosso in Italia da Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica con l’obiettivo di sensibilizzare, informare e formare cittadini e organizzazioni sul territorio.

Il programma di ECSM si inserisce nell’ambito del costante lavoro di prevenzione e formazione che è la principale missione dell’Associazione, in collaborazione con Università e Centri di Ricerca italiani.

Il primo appuntamento – il Security Summit di Verona, convegno dedicato alla sicurezza delle informazioni delle reti e dei sistemi informatici – si aprirà con la presentazione del Rapporto Clusit 2019 che rappresenta la fonte più aggiornata degli episodi relativi al cybercrime e un autorevole riferimento per tutto il settore informatico, per la società economica e civile.

Il filo rosso delle iniziative europee è il tema della Cyber Security come responsabilità condivisa; il mese di ottobre sarà quest’anno in particolare dedicato a due differenti tematiche. In dettaglio:

1-13 Ottobre: “Cyber Hygiene”

Con l’obiettivo di stabilire e mantenere routine quotidiane, controlli e comportamenti generali necessari per correre minori rischi possibili.

14-31 Ottobre: “Emerging Technologies”

Per conoscere e approcciare adeguatamente – in sicurezza – anche le tecnologie più innovative.

Il tema sicurezza cyber è ormai da tempo uscito dall’ambito dell’informatica e riguarda oggi molteplici aspetti della nostra vita quotidiana; tuttavia proprio questa pervasività rende potenzialmente infinita le potenzialità di incidenti e dei danni arrecabili alla società civile.

“L’attività di Clusit è volta a creare consapevolezza su questo tema, che va inevitabilmente trattato attivando connessioni oltre i confini nazionali, nell’ottica di una responsabilità condivisa a livello globale. Le analisi dei nostri esperti, che hanno rilevato nel 2018 un incremento degli attacchi informatici pari al 38% rispetto all’anno precedente, ci portano ad affermare che condividendo competenze, ricerca, risorse e responsabilità il trend di crescita del cyber crime potrà essere invertito nell’arco di 3-5 anni”, commenta Paolo Giudice, segretario generale CLUSIT.

L’agenda della campagna ECSM in Italia è disponibile a questo link sul sito Clusit (in aggiornamento).