Nel nostro paese un’azienda su tre non aggiorna il sito da più di un anno e non lo adatta per la visualizzazione mobile

Il deficit digitale danneggia le PMI

Secondo PMI Digital Index, la nuova indagine di mercato di GoDaddy, esiste un deficit digitale che può impattare negativamente le vendite, la crescita ed il successo delle PMI italiane.

Solo il 33% delle PMI ha un sito web ed il PMI Digital Index mostra che il grado di maturità digitale delle aziende che hanno un sito web è di 54/100: soltanto una PMI su 10 usa Google Ads, 1 su 3 non aggiorna il proprio sito da oltre un anno, 2 su 3 dichiarano di non avere un canale social media funzionante. La conclusione è chiara: c’è una carenza tra le PMI italiane e vi sono molteplici modi in cui queste imprese possono potenziare la loro reputazione online.

Nato dalla collaborazione tra GoDaddy e gli esperti di digital marketing di Alkemy, il PMI Digital Index cattura il grado di maturità digitale delle PMI Italiane analizzando 120 parametri in tre categorie principali: Digital Presence Quality (misura aspetti tecnici come la SEO); Reputation Index (misura la popolarità digitale dell’azienda); Digital Marketing Index (misura le azioni di visibilità digitale messe in piedi dall’azienda).

Dalla ricerca emerge come il grado di digitalizzazione sia strettamente correlato al fatturato aziendale: le micro e piccole aziende con fatturazione inferiore ai 2 milioni di euro ritengono che l’investimento nella digitalizzazione sia importante ma non prioritario; invece per le aziende con più di 10 milioni di fatturato la digitalizzazione diviene un elemento chiave per crescere.

A seguire alcune evidenze aggiuntive dalla ricerca:

  • Il 32% delle PMI non aggiorna il proprio sito da più di un anno, perdendo l’occasione di trasmettere contenuti aggiornati e dati affidabili.
  • Il 44% delle PMI non usa alcun servizio di Web Analytics, determinante per le analisi delle performance di marketing.
  • Il 37% delle PMI non ha un account Google My Business, che rappresenterebbe un valido alleato per gestire le informazioni su Google, inclusi Search e Maps.
  • Solo il 5% conosce ed usa Display Network e solo il 9% usa Google Ads, nonostante le statistiche dimostrino che l’advertising online raggiunga l’86% della popolazione che naviga online prima di acquistare.
  • Il 64% delle PMI non ha una pagina Facebook
  • Il 30% delle PMI non ha una sito che si visualizzi adeguatamente sul cellulare, che può essere determinante per raggiungere coloro i quali sono soliti navigare con lo smartphone.

Dal punto di vista geografico, la ricerca di GoDaddy evidenzia come le PMI del nord-ovest d’Italia siano meno digitalizzate, nonostante l’area abbia il più alto numero di imprese. Le regioni con il più alto grado di maturità digitale sono le Marche, la Sardegna ed il Lazio. Abruzzo, Liguria e Piemonte sono le meno digitalizzate.

Il settore Alberghiero e Ristorazione è il più digitalizzato, seguito da Mobili – che ha mostrato successo nel Digital Marketing Index. I settori Tessile e Trasporti sono le aree dove emergono più lacune secondo il parametro della Digital Presence Quality.

Gianluca Stamerra, Regional Director di GoDaddy per l’Italia, ha detto: “L’Italia è sede di piccole aziende fiorenti, di imprese familiari di successo e imprenditori di prim’ordine. Tuttavia molti di loro sono frenati da un deficit digitale che può impattare la loro abilità di essere raggiunti anche online da nuovi clienti e di competere contro concorrenti affermati. Andare online può sembrare un compito scoraggiante, ma non dovrebbe esserlo. Vi sono alcune semplici azioni che permettono alle persone di migliorare la visibilità ed il successo online che non richiedono competenze tecniche.”

VereImprese ed il tour nazionale di GoDaddy

Per supportare gli imprenditori ed i proprietari di attività commerciali italiani, GoDaddy ha lanciato oggi un concorso nazionale, “Vere Imprese”, che scoverà e premierà le migliori storie di business Italiane provenienti dalle piccole e medie aziende, offrendo alle PMI italiane l’opportunità di vincere uno dei tre piani di marketing digitali professionali messi in palio del valore di 20.000€ ciascuno. Al contempo, degli esperti di GoDaddy, accompagnati da 10 digital influencer italiani tra cui Salvatore Aranzulla e Rudy Bandiera, viaggeranno per l’Italia raggiungendo migliaia di proprietari di attività commerciali e apportando loro consulenza digitale gratuita.

“Il nostro concorso ‘Vere Imprese’ marca l’inizio di un investimento significativo da parte di GoDaddy in Italia. Stiamo viaggiando lungo il paese con importanti influencer digitali per dare consigli gratuiti ai proprietari di attività commerciali e agli imprenditori, e stiamo offrendo alle PMI l’opportunità di vincere tre piani di comunicazione professionale che potrebbero aiutarle a trasformare il loro business online”, ha aggiunto Stamerra.

La partecipazione al concorso “Vere Imprese” è aperta a PMI, startup e imprenditori che perlomeno abbiano un dominio registrato con GoDaddy. Gli interessati potranno candidarsi in due modi: attraverso il sito www.vereimprese.it o presentandosi in una delle dieci tappe del GoTour.

Il GoTour durerà 20 giorni durante i quali un furgone brandizzato GoDaddy viaggerà per l’Italia visitando dieci città. Il GoTour inizierà il 31 Maggio a Milano, dove resterà anche il primo di Giugno, poi si dirigerà a Verona (3-4 Giugno), Torino (5-6 Giugno), Genova (7-8 Giugno), Palermo (10-11 Giugno), Napoli (12-13 Giugno), Bari (14-15 Giugno), Roma (17-18 Giugno), Bologna (19 Giugno) e terminerà il 22 Giugno a Rimini in occasione del Web Marketing Festival. Gli imprenditori potranno visitare il furgone del GoTour di GoDaddy per condividere le loro storie ed apprendere come creare una presenza online con gli strumenti e le soluzioni di facile utilizzo di GoDaddy.