Dopo aver chiuso positivamente il 2018 con una crescita del 3% una lieve contrazione nel primo trimestre di quest’anno, segnato però da una crescita del canale online

Nuovo deposito Amazon a Verona: sarà apocalisse del retail?

Dopo aver chiuso il 2018 con una crescita del 3%, il mercato italiano della Tecnologia di Consumo chiude il primo trimestre 2019 con un leggero calo dello 0,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un fatturato complessivo di 3,3 miliardi di euro.

Secondo le rilevazioni GfK realizzate con metodologia Retail Panel, le vendite nei punti vendita tradizionali sono diminuite del -2,2%, mentre continua a crescere il canale online (+9,2%), che arriva a rappresentare nel primo trimestre del 2019 il 15,7% delle vendite a valore nonostante la bassa stagionalità del periodo.

Dopo trimestri in forte crescita, rallenta la performance del comparto Telecom (+0,3%), che continua comunque ad essere il settore più importante, generando il 39,2% del valore complessivo del mercato italiano dei Technical Consumer Goods. Molto positiva la performance del Piccolo Elettrodomestico (+9,6%) e del Grande Elettrodomestico (+1,7%) che arrivano a rappresentare rispettivamente il 9,8% e il 14% del totale Tecnologia di Consumo.

Negativi tutti gli altri settori ed in particolare:

  • Il settore IT/Apparecchiature per l’ufficio flette del -0,8% ma si conferma il secondo comparto per importanza;
  • L’Elettronica di Consumo (Audio/Video) registra una flessione significativa (-7,2%) rispetto al 2018, così come il comparto della Fotografia (-23,3%);
  • Il canale più importante per fatturato sviluppato, gli Electrical Retailer (Grandi e Piccole superfici specializzate in Elettronica di Consumo), crescono del +1,2% nel primo trimestre 2019, trainati da una performance molto positiva delle vendite on line, mentre risultano in flessione i canali specialistici (-1,3%) e il canale Mass Merchandiser (-5%);
  • Anche l’ultimo mese rilevato, marzo 2019, conferma il trend negativo da inizio anno con una decrescita del -1,2% rispetto a marzo 2018 e trend negativi per i settori più importanti.