20 ragazzi tra i 23 e i 34 anni potranno partecipare al master ideato e promosso da Talent Garden in collaborazione con Intesa Sanpaolo

Master in Digital Transformation per il Made in Italy
Tempo di lettura: 6 minuti

Sta per prendere il via la terza edizione del Master in Digital Transformation per il Made in Italy, percorso di studi promosso da Talent Garden in collaborazione con Intesa Sanpaolo – e con il supporto di Enel, Randstad e Cisco. 20 ragazzi, provenienti da nove regioni d’Italia dalla Valle d’Aosta alla Calabria, sono stati scelti tra oltre 2000 candidati.

Il Master da tre anni forma i professionisti del digitale del domani che aiuteranno le aziende del Made in Italy ad intraprendere il percorso di digital transformation necessario per cogliere le sfide del presente e del futuro.

Il Master, che rientra all’interno dell’offerta formativa della Innovation School di Talent Garden, ha riscosso un grande successo in termini di apprezzamento e partecipazione e rappresenta ad oggi un importante strumento di collocamento all’interno del mondo del lavoro: infatti, il 100% di coloro che vi hanno preso parte nelle edizioni precedenti sono occupati all’interno di aziende medie o grandi (Innext, Publicis Media, Oneday, Partners4Innovation) con ruoli quali Digital Innovation Consultant, Business Developer, Change Consultant e Digital Transformation Consultant.

L’obiettivo del Master è quello di formare i Digital Officer del futuro, vale a dire i professionisti che aiuteranno manager ed imprenditori ad attuare la trasformazione digitale all’interno delle aziende in cui opereranno, lavorando cioè per inserire nuovi strumenti e tecnologie, migliorare l’efficienza organizzativa e digitalizzare i processi.

La struttura del Master prevede una prima fase di formazione in aula a cui farà seguito un’esperienza sul campo all’interno di alcune aziende italiane partner distribuite sul territorio, durante la quale i partecipanti saranno chiamati a realizzare progetti di digital transformation sulla base delle esigenze delle aziende stesse. I 20 posti a disposizione assegnati sono resi disponibili tramite borse di studio, sostenute da Intesa Sanpaolo, main partner del progetto, a cui i partecipanti selezionati hanno avuto accesso al termine di un percorso di selezione tenutosi nei mesi scorsi, basato su competenze, obiettivi personali, professionali e determinazione.

Il processo di selezione ha visto una grande partecipazione registrando numeri importanti: oltre 2.000 le candidature pervenute, con un aumento del 45% nelle presenze al Challenge Day di selezione rispetto all’edizione 2018 ed un incremento, sempre rispetto allo scorso anno, del 53% nel n. di project work pervenuti.

“Da sempre l’obiettivo di Talent Garden è quello di sostenere l’innovazione, i talenti e la digitalizzazione dell’Italia come valore condiviso alla base del rilancio del sistema Paese, e con questo percorso di studi andiamo in questa direzione, formando coloro che contribuiranno un domani al compimento di questo processo di digitalizzazione. Il tutto con un importante impatto sociale generato, grazie alla ventata di nuove competenze e idee che portate all’interno delle aziende e delle pmi” commenta Giulia Amico di Meane, Direttore Innovation School Talent Garden. “Siamo molto entusiasti del riscontro e dell’apprezzamento ricevuto, testimoniato dai numeri registrati che crescono di anno in anno. Ringraziamo Intesa Sanpaolo per l’importante sostegno che anche quest’anno ha voluto garantire, donando le borse di studio che copriranno l’intero Master a disposizione dei partecipanti che sono stati selezionati, e tutte le aziende partner che offriranno la possibilità di fare esperienza sul campo all’interno delle loro realtà.”

“Nell’arco del piano di impresa 2018-2021, Intesa Sanpaolo investirà 1 miliardo di euro nella formazione del personale e 2,8 per il completamento della trasformazione digitale. Per affrontare i cambiamenti imposti dalla tecnologia digitale, coglierne appieno le opportunità e prevenirne i rischi, sono necessarie nuove competenze, per questo Intesa Sanpaolo è impegnata sia nell’introduzione e nella formazione di figure professionali specifiche all’interno del proprio Gruppo sia nel sostegno a università, centri di ricerca e realtà d’eccellenza come Talent Garden, vivai nei quali crescono le promesse della digital economy italiana” commenta Antonio Gherardelli, Head of Innovation Promotion Intesa Sanpaolo Innovation Center. “Le 20 borse di studio dedicate ai migliori giovani selezionati da Talent Garden vanno in questa direzione e contiamo che qualcuno di loro possa pensare a un futuro in banca, un mondo diverso da quello di un tempo e da come molti se lo immaginano, nel quale un numero crescente di programmatori, ingegneri, matematici e fisici si occupano di intelligenza artificiale, big data, dematerializzazione delle operazioni, sviluppo della cyber-security, soluzioni innovative per l’offerta di prodotti e servizi alla clientela multicanale, sia per rendere più efficienti i processi interni sia per favorire la digitalizzazione del sistema economico-produttivo del Paese.”

La struttura del Master

Il Master in Digital Transformation per il Made in Italy è strutturato in due fasi: una prima di formazione in aula della durata di 12 settimane che si svolgerà all’interno del campus Talent Garden di Milano Calabiana e che prevede una continua contaminazione tra persone, aziende, startup e professionisti con l’utilizzo di metodologie formative innovative tra cui la fllipped classroom (la tecnica della classe rovesciata). Una seconda invece on field, che prevede un tour di 4 settimane, dal 24 giugno al 19 luglio, durante le quali la task force di Digital Officer che partecipa al Master approfondirà direttamente sul campo quanto appreso in aula, con un’esperienza lavorativa all’interno di alcune importanti aziende italiane che prevede la realizzazione di un progetto di trasformazione digitale sulla base delle esigenze espresse dalle aziende stesse.

Si tratta di un percorso formativo che ha in sé un forte valore sia per i partecipanti che per le aziende, individuate sul territorio da Intesa Sanpaolo.

I primi infatti avranno la possibilità di lavorare a stretto contatto con una realtà professionale, contribuendo ad un progetto di digital transformation e dimostrando il proprio valore per il successivo futuro lavorativo. Le aziende dal canto loro potranno confrontarsi con giovani professionisti del mestiere, usufruire di progetti implementabili a partire dalla presentazione ed avere visibilità su possibili candidati da inserire in azienda.

Durante il percorso in aula si approfondiranno temi quali:

  • Digital strategy – Strategia d’impresa, i principali stakeholder e i modelli e tool utilizzati per descrivere lo stato attuale e per mappare il percorso di trasformazione.
  • People Centric Approach – Dalla descrizione del cliente all’applicazione della Value Proposition, per comprendere l’importanza della centralità del cliente nella definizione di ogni prodotto e servizio.
  • Data approach – Un approccio condiviso circa l’importanza del dato nell’economia digitale descrivendone il valore, le possibilità di gestione fino alla monetizzazione.
  • Agile Methodologies and Development – Descrivere come lo sviluppo di un software debba declinarsi nella strategia aziendale per migliorare le competenze utili a lavorare meglio con un team di sviluppo.
  • Iniziative di digital transformation – Integrare le competenze e le metodologie acquisite attraverso lo sviluppo di iniziative complete, in grado di generare nuovo valore per l’impresa.
  • Change management – Come cambiano i modelli e gli stili di leadership nella rivoluzione digitale con un particolare focus sulle dinamiche di introduzione del cambiamento.

L’inizio della prima fase in aula del Master è prevista per oggi 18 marzo. Durante la giornata inaugurale ci sarà un momento di presentazione e benvenuto presso il campus Talent Garden Calabiana sede del Master, alla presenza delle aziende partner, con una lecture di Massimo Temporelli sui mestieri del futuro.

Durante il Master, in collaborazione con NESTA, verrà realizzata una ricerca sulle Digital Skills, con l’obiettivo di studiare la domanda e l’offerta di competenze digitali sul territorio italiano per offrire una mappa utile a tutti gli attori operanti nel settore dell’educazione e della formazione, enti locali e governi.

La ricerca realizzata con tecniche innovative di machine learning, offrirà una panoramica della domanda e offerta di competenze digitali nelle diverse regioni e città italiane e verrà presentata a Torino in occasione dell’Italian Tech Week in programma nel prossimo mese di giugno.