Home News Future of Work parte terza: l'automazione aziendale

Future of Work parte terza: l’automazione aziendale

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Appian presenta la terza parte della sua indagine globale – condotta da IDG e LTM Research – The Future of Work, in cui si esamina specificamente l’integrazione delle tecnologie emergenti per l’automazione intelligente dei processi aziendali. Queste tecnologie includono l’intelligenza artificiale (AI), il machine learning (ML) e l’automazione dei processi robotici (RPA), in accordo con la gestione delle attività umane attraverso la gestione dei processi aziendali (BPM). I dati mostrano un’enorme disconnessione tra i vantaggi aziendali previsti dell’automazione intelligente e la tipica capacità di un’organizzazione di mettere in pratica tali benefici.

Un’urgenza del business aziendale

Secondo i dati, oltre la metà (54%) delle organizzazioni aziendali non dispone di alcuna applicazione di intelligent automation attualmente implementata. Nonostante il fatto che i leader in ambito IT siano tutti d’accordo che un’efficace automazione intelligente puo avere un enorme potenziale per le loro imprese. Infatti:

  • L’86% dei dirigenti intervistati afferma che l’integrazione intelligente dei processi migliorerà l’esperienza del cliente
  • Il 92% afferma che renderà l’esperienza dei dipendenti più gratificante
  • Il 69% afferma che porterà alla monetizzazione di nuove revenue

I leader IT nelle organizzazioni aziendali in tutto il Nord America e in Europa sentono la tremenda urgenza di mettere in pratica i benefici offerti dall’intelligent automation. Tuttavia, la stragrande maggioranza ammette che le loro aziende non possono attualmente farlo:

  • L’86% dei dirigenti intervistati ha indicato che il lavoro umano, i sistemi di intelligenza artificiale e l’automazione robotica “devono essere ben integrati entro il 2020”
  • Solo il 12% dei dirigenti ha dichiarato che le loro aziende “riescono a farlo già in maniera ottimale”

Complessità e mancanza di strategia

Sebbene comunque si registrino al momento singoli casi di implementazione di alcune emergenti tecnologie di automazione, la mancanza di una strategia precisa e di un chiaro allineamento agli obiettivi di business dell’azienda portano ad una serie di implementazioni isolate e ad avere team interni deputati allo sviluppo di applicazioni oberati di lavoro e sotto pressione. Di questo 46% di aziende che dispongono di una forma limitata di automazione intelligente, il 50% di esse vanta personale IT superiore a 20.000 dipendenti. I punti specifici del problema includono:

  • L’89% degli intervistati afferma che le proprie organizzazioni lottano per adattarsi alla tecnologia
  • L’80% afferma che le proprie organizzazioni “non riescono a capire in che modo l’intelligenza artificiale potrebbe cambiare il contesto in maniera radicale”
  • Il 66% ha difficoltà a integrare gli investimenti e le competenze IT esistenti con la tecnologia IA e RPA
  • La necessità di cambiare la cultura dell’IT (44%) e le pratiche di sviluppo delle applicazioni (31%) sono risultate come le risposte successive con percentuali più alte.
Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    MyLinkem App: strumento digitale per i rapporti con i clienti

    MyLinkem App: un nuovo strumento digitale per i rapporti con i clienti

    Nata dalla collaborazione tra Linkem e IQUII, la app è disponibile su Google Play e App Store
    eGovernment Benchmark: migliorano i servizi pubblici digitali

    eGovernment Benchmark: migliorano i servizi pubblici digitali

    La pandemia ha mostrato l'importanza di servizi incentrati sull’utente, trasparenti e senza soluzione di continuità

    Cyber Threat Intelligence: decisioni proattive grazie alla data analytics

    Analisti esperti in intelligence devono prendere decisioni sulla base di dati in real time, selezionati e processati
    SEMrush

    SEMrush acquisisce Prowly

    Prowly continuerà ad operare come brand indipendente, ma sarà strettamente inserito nell'ecosistema SEMrush, beneficiando del vasto patrimonio della sua banca dati.
    Digital twin e supply chain: la frontiera della logistica

    Digital twin e supply chain: la frontiera della logistica

    Designer e project planner possono visualizzare ciò che il cambiamento di una variabile comporta per l'output