Per la prima volta al mondo, TIM ha realizzato la copertura 4.5G degli stadi di Roma e Udine utilizzando la soluzione XRAN di JMA

Qualcomm ed Ericsson premono l'acceleratore sul 5G

Per la prima volta al mondo, TIM ha utilizzato la soluzione XRAN di JMA per realizzare la copertura 4.5G dello stadio Olimpico di Roma e della Dacia Arena di Udine. Si tratta di una tecnologia mobile propedeutica allo sviluppo del 5G che consente di fruire di servizi e applicazioni di nuova generazione tipici della futura rete mobile, in grado di raddoppiare le performance degli utilizzatori e garantire allo stesso tempo una minore occupazione degli spazi, minori consumi e maggiore semplicità di installazione rispetto agli apparati tradizionali. L’obiettivo è offrire elevati standard di qualità a tutti i tifosi che frequentano i due stadi, per rispondere alla crescente richiesta di maggior connessione e garantire una sempre migliore esperienza.

Grazie alla nuova rete, TIM offrirà a breve ai propri clienti nuovi servizi digitali, come la fruizione di video 360° in HD e prodotti in tempo reale, l’interazione dinamica tra spettatori e ambiente, garantendo le massime prestazioni di navigazione e l’utilizzo di app oltre che di strumenti social, anche in presenza di un numero di utilizzatori in contemporanea estremamente elevato. L’iniziativa di Roma e Udine, che rientra in un più ampio programma di copertura di aree ad altissima concertazione di traffico, conferma l’impegno di TIM nell’evoluzione verso il 5G, tecnologia per la quale ha investito 2,4 miliardi di euro per la sola acquisizione delle frequenze.

Questa soluzione di rete mobile virtualizzata, pienamente operativa ed integrata nella rete live di TIM, costituisce un importante evoluzione della rete 4.5G dei due stadi di seria A ed è in grado di raddoppiare le performance dei clienti e garantire allo stesso tempo una riduzione di un ordine di grandezza dei costi operativi, tramite una minore occupazione degli ingombri, minori consumi e maggiore semplicità di installazione rispetto agli apparati tradizionali.

Si tratta di un ulteriore primato di TIM, che, grazie ad una consolidata collaborazione con JMA su soluzioni innovative per copertura speciali, rafforza la sua leadership tecnologica mirata ad offrire un’esperienza digitale di massimo livello e alta qualità ai sui clienti, in questo caso specifico ai tifosi che affollano gli stadi italiani di calcio.

Tramite la virtualizzazione della rete di accesso, TIM, infatti, ribadisce il suo impegno nell’evoluzione verso il 5G per garantire efficienza e flessibilità e fornire così sempre nuovi servizi digitali, come la fruizione di video 360° in HD e prodotti in tempo reale.

Più in dettaglio la soluzione di rete virtualizzata XRAN, messa a punto da JMA, è stata progettata per ottimizzare l’esperienza digitale degli oltre 70.000 spettatori dello stadio Olimpico di Roma ed è in grado, integrandosi in modo trasparente con la rete mobile già esistente di TIM, di ridurre significativamente gli spazi, riducendo la dissipazione di potenza degli apparati ed anche ottimizzando i sistemi di condizionamento.