L’obiettivo di itali4blockchain è quello di sviluppare e promuovere progetti di blockchain in Italia così da efficientare il Belpaese

Wolters Kluwer
Tempo di lettura: 1 minuto

Si chiama itali4blockchain ed è la neonata associazione di categoria creata con l’obiettivo di promuovere e diffondere la blockchain nel Belpaese. E’ stata fondata il 29 gennaio 2019 da circa 100 soci ed è presieduta da Pietro Azzara che durante il Blockchain Forum Italia di novembre (di cui è l’ideatore) aveva annunciato la volontà di creare un movimento riconosciuto, legato a questa nuova tecnologia.

La blockchain può portare ad innumerevoli vantaggi non solo per ogni singola azienda, ma dare un deciso contributo al miglioramento dell’intero sistema Paese e nella promozione del Made in Italy. Questo perché, grazie alle sue caratteristiche è in grado di rivoluzionare i processi, portando trasparenza nelle imprese e nella pubblica amministrazione” ha spiegato Azzara.

Nel corso del 2019 sono previsti eventi su tutto il territorio nazionale e corsi di formazione per lo sviluppo di due nuove figure: il blockchain innovation manager (BIM) e il blockchain technology specialist (BTS). Il primo si occuperà del disegno dei processi aziendali basati su blockchain, il secondo li implementerà. Per avvalorare queste figure, il comitato scientifico dell’associazione certificherà i percorsi formativi con bollini di qualità.

 Saranno inoltre istituiti dei premi che verranno consegnati ai i migliori progetti basati su blockchain, in occasione del prossimo Blockchain Forum Italia che si terrà il 29 ottobre 2019 a Milano.

Non mancherà inoltre la realizzazione di convenzioni o partnership con associazioni affini ad itali4blockchain e presenti altri nazioni europee. Di particolare interesse è la fondazione (prevista per aprile) da parte dell’Unione Europea di un’associazione sovrannazionale.

Ma chi può aderire ad itali4blockchain? A potersi associare sono le imprese di qualunque settore (la quota dipenderà dalla dimensione), professionisti e dipendenti. Per le startup, realtà no profit ed enti pubblici, docenti e under 35 sarà gratuito associarsi.