Si conclude il percorso di rilevazione del patrimonio ICT delle amministrazioni che consente di acquisire informazioni essenziali per dar vita al processo di razionalizzazione dei data center della PA italiana.

Il censimento avviato in due fasi, la seconda conclusasi il 20 giugno 2018, ha visto la partecipazione di 731 Amministrazioni, sono stati censiti 860 data center e 4154 applicazioni critiche.

È in corso l’elaborazione dei dati che, insieme a quelli raccolti nella prima fase -svoltasi nei primi mesi del 2018 – consentirà la classificazione delle amministrazioni, come previsto nella circolare AGID n. 5 del 2017, in tre categorie:

  • nel Gruppo A rientreranno le amministrazioni che dispongono di data center di qualità intermedia;
  • nel Gruppo B rientreranno le amministrazioni con infrastrutture carenti;
  • nella categoria candidabile a Polo strategico nazionale (PSN) saranno inseriti i soggetti con data center caratterizzati da elevati standard di qualità.

A breve le amministrazioni che hanno partecipato alle rilevazioni riceveranno informazioni con l’indicazione della propria classificazione e l’insieme dei dati forniti, così da avere l’opportunità di rappresentare eventuali osservazioni.