Home News Digital Transaction Management: come digitalizzare i processi documentali

Digital Transaction Management: come digitalizzare i processi documentali

-

Tempo di lettura: 2 minuti

A cura di Kai Korschelt, Managing Director e Responsabile dell’equity research di Klecha & Co.

Grazie ai software di Digital Transaction Management (DTM), le organizzazioni possono digitalizzare i processi documentali identificativi e autorizzativi alla base delle loro transazioni. I DTM, sviluppati a partire dalla firma elettronica – che si è diffusa con una crescita media annua del 53% a partire dal 2011 per un numero di transazioni nel 2017 superiore a 700 milioni – oggi possono includere una vasta gamma di applicazioni tra cui l’archiviazione dei documenti, il workflow management, la prevenzione delle frodi, la riduzione del rischio operativo, e la tracciabilità dei dati.

funzioni

I DTM sono oggi ancora poco diffusi: solo il 30% dei processi documentali nel mondo avvengono in modo completamente digitale, via che garantisce non solo semplificazione degli iter e tempi più rapidi di esecuzione, ma anche un significativo risparmio in termini di costi – che può arrivare fino a un ROI a tre anni del 383% – in particolare per imprese di settori “document intensive” come il legale, il bancario, l’asset management, l’immobiliare o il sanitario.

Tali soluzioni sono destinate a diffondersi in modo crescente e si stima che il mercato globale dei DTM, che vale attualmente 24,7 miliardi di dollari, nel 2023 arriverà a toccare 125 miliardi di dollari con un CAGR 2017-2023 del 31%.

Il settore DTM risulta altamente frammentato, e ci si aspetta che il consolidamento acceleri nei prossimi anni guidato dall’esigenza degli operatori di realizzare economie di scala e ampliare la presenza geografica: attualmente il principale player del settore, DocuSign, che si è recentemente quotato al Nasdaq con multipli pari a 8,5 volte i ricavi con un IPO da oltre $4 miliardi, genera ricavi al di fuori del mercato domestico (Stati Uniti) solo per il 17%. Si ricorda che secondo lo studio di ricerca statunitense Aragon Research, che il primo player del settore in Europa è un’azienda italiana, Namirial.

L’M&A sarà inoltre trainato dalla necessità per gli operatori di acquisire servizi a valore aggiunto per ampliare e completare la gamma di applicativi idealmente fornibili in modo integrato attraverso un’unica piattaforma.

Peraltro, le funzionalità oggi potenzialmente disponibili diventeranno sempre più efficienti alla luce, per esempio, della crescente diffusione e sofisticazione dei sistemi di Intelligenza Artificiale o di data analytics, o verranno integrati con servizi oggi non previsti dal DTM come i sistemi di pagamento. Pertanto, le aziende di WCA (Workflow e Content Automation), TSP, le piattaforme di pagamento e intelligenza artificiale acquisiranno i fornitori di DTM per espandere la loro offerta e viceversa, in modo da realizzare soluzioni complete e integrate.

L’attività di M&A sarà infine sostenuta anche dall’integrazione dei software DTM nelle piattaforme per la pianificazione delle risorse d’impresa (ERP) e nelle applicazioni per la sicurezza dei dati. In un’ottica verticale, aziende di software con una forte esperienza in servizi finanziari, immobiliari o bancari potrebbero quindi prendere in considerazione l’acquisto di operatori DTM.

 

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Settore assicurativo: il COVID-19 aumenta gli attacchi cyber

    Settore assicurativo: il COVID-19 aumenta gli attacchi cyber

    Cresce la previsione di un evento cyber di portata catastrofica, con risarcimenti di almeno 10 miliardi di dollari
    Nuova veste tutta digitale per Check Point

    Nuova veste tutta digitale per Check Point

    La conferenza annuale di Check Point Software Technologies si terrà online il prossimo 22 ottobre
    Agostino_Ruggiero-foto-istituzionale

    Agostino Ruggiero è il nuovo Head of Product Management di RS Components Italia

    Spinta alla promozione del Made in Italy alla base della nomina
    SIA stretta di mano Var Group - aton

    Aton annuncia l’acquisizione di Nexus Informatica

    Aton e Nexus Informatica uniscono le forze per accelerare la rivoluzione digitale del mercato
    BNL Gruppo BNP Paribas sceglie Vodafone Business

    BNL Gruppo BNP Paribas sceglie Vodafone Business

    Una nuova partnership strategica della durata di 5 anni per costruire una banca moderna, “iper-connessa” e sicura