Home News Hays Salary Guide: trend più che positivo per il mercato dell’IT

Hays Salary Guide: trend più che positivo per il mercato dell’IT

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Secondo l’edizione 2017 della Salary Guide, l’indagine annuale condotta da Hays su un campione di oltre 1.400 professionisti e 250 aziende, che fotografa l’andamento del mercato del lavoro in Italia, grazie ai device mobili sempre connessi come smartphone e tablet e alle nuove tecnologie come il cloud computing e l’analisi dei Big Data, il settore dell’Information Technology si sta trasformando rapidamente e continua a mostrare segni importanti di consolidamento della ripresa. Le opportunità di recruitment fanno registrare un’ulteriore crescita rispetto all’anno scorso.

Digital, mobile e big data: sono questi i settori che risultano essere più vitali e di conseguenza maggiormente attivi nella ricerca di personale. Diverse le posizioni aperte per figure altamente specializzate, quali ad esempio il Digital Strategist, capace di delineare i migliori piani di web marketing per promuovere brand awareness e prodotti, il Functional Analyst, che interpreta le esigenze del cliente traducendole in input per gli sviluppatori di software, e il Big Data Specialist, abile a gestire e archiviare grandi quantità di dati per anticipare i bisogni del mercato e produrre valore aggiunto per l’azienda. Al contrario, figure specializzate in soluzioni applicative o infrastrutturali non innovative risultano più difficilmente collocabili.

Inoltre, la Salary Guide mette in luce le competenze chiave che fanno del professionista il “candidato ideale” nel settore IT: approfondite conoscenze tecnologiche, capacità di dialogare costruttivamente con le varie business unit e ottima padronanza della lingua inglese. A ciò si aggiunge un percorso accademico in ambito informatico o ingegneristico.

Per quanto riguarda, invece, le politiche retributive, i salari più consistenti vanno ai manager in ambito Business Solutions con uno stipendio annuo pari a circa 70.000 € (ad esempio per i Business Unit Manager e i Business Process Manager). Buone anche le performance degli Architect in ambito Development (65.000 €) e degli Specialisti di soluzioni gestionali SAP ERPEnterprise Resource Planning – (60.000 €). Infine, in ambito Systems Solutions i professionisti più pagati risultano essere i Database Manager e i Senior Systems Engineer (rispettivamente con una RAL parti a 60.000 € e 50.000 €). Buste paga meno voluminose, invece, per i programmatori e i tecnici di Hardware Solutions, soprattutto se junior, con paghe annuali che si aggirano intorno ai 35.000 €.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Pensiero sistemico: dati real time per un approccio olistico alla gestione

    Pensiero sistemico: dati real time per un approccio olistico alla gestione

    Ogni parte di un’organizzazione, inclusi partner e clienti, deve utilizzare dati di alta qualità e affidabilità
    Ignite 2020: le novità Microsoft per la trasformazione digitale

    Ignite 2020: le novità Microsoft per la trasformazione digitale

    Nuovi strumenti e servizi per rispondere all’emergenza sanitaria e affrontare con successo la fase di ripresa
    Bolzoni sceglie il Corporate Performance Management di Talentia

    Bolzoni SpA sceglie il Corporate Performance Management di Talentia

    Il sistema gestionale ottimizza e integra i processi di pianificazione finanziaria, budget e reporting
    SAP_DigitalLeadersOnAir

    SAP: dove vanno gli ecosistemi digitali?

    Nel quarto appuntamento di Digital Leaders On Air, organizzato da SAP e IDC, si è parlato del quadro di innovazione digitale che si sta sviluppando in Italia
    Codici QR sempre più popolari: imprese e utenti finali a rischio

    Codici QR sempre più popolari: imprese e utenti finali a rischio

    La maggioranza degli intervistati non possiede device protetti dalle minacce e non possiede un software di sicurezza