Home Portale BitMat Portale Focus On Smart Urban Mobility Management: il progetto di TIM e Università di Cassino

Smart Urban Mobility Management: il progetto di TIM e Università di Cassino

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Lo scorso 25 settembre, l’ex Granaio Borghese della città di Artena ha ospitato la presentazione del progetto Smart Urban Mobility Management (S.U.M.Ma). Il progetto – realizzato dall’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e da TIM, in collaborazione con il Cnit (Consorzio Nazionale Interuniversitario delle Telecomunicazioni, Unità di ricerca presso l’Università di Roma Tor Vergata) – è nato per illustrare i vantaggi e le prospettive di sviluppo delle tecnologie 5G e le principali applicazioni che sfruttano le potenzialità della rete mobile di nuova generazione.

Hanno preso parte all’evento il Sindaco di Artena, Felicetto Angelini, Stefano Buzzi e Mauro D’Apuzzo dell’Università di Cassino e Luigi Angelucci, Area Manager Local di TIM.

Il progetto Smart Urban Mobility Management si è classificato al primo posto al Bando del MISE per la sperimentazione, la ricerca applicata ed il trasferimento tecnologico attraverso le reti cellulari 5G in ambito urbano, ed è finanziato con i Fondi Sviluppo e Coesione 2014-2020.

L’iniziativa, che ha come capofila l’ateneo cassinate, permetterà di realizzare una rete 5G nel Comune di Artena (città metropolitana di Roma) con l’obiettivo di realizzare un sistema di sperimentazione tecnologica in ambito smart mobility nel territorio comunale, utilizzando le potenzialità della rete 5G e dell’Internet of Things, sfruttando algoritmi avanzati di analisi ed autenticazione dei dati basati sull’Intelligenza Artificiale e sull’uso della blockchain.

In linea con il Bando MISE e con il piano di investimenti per la diffusione della banda larga, il progetto S.U.M.Ma. sarà strutturato con soluzioni a supporto della mobilità cittadina del comune di Artena creando servizi verticali finalizzati allo sviluppo di un’eco-sistema digitale che promuove la Green Economy e Mobilità Sostenibile, Smart Road per la sicurezza degli utenti attraverso la diffusione della banda larga e delle tecnologie IoT.

Il punto di forza del progetto è rappresentato dal potenziale flusso di dati che il sistema può elaborare ed analizzare. L’intero eco-sistema digitale del progetto, infatti, si compone di moduli applicativi, modelli hardware altamente tecnologici ed algoritmi che lavorano in simultanea ed in logica di interoperabilità, per restituire una visione conoscitiva e predittiva della mobilità del territorio, in maniera puntuale e dettagliata. L’iniziativa prevede la realizzazione di un sistema per l’analisi della mobilità e delle relative interazioni con il territorio di riferimento grazie all’uso di sensoristica e telecamere avanzate con specifici algoritmi basati su Reti Neurali per riconoscere i soggetti ed oggetti inquadrati, sfruttando le potenzialità dell’Edge Computing e della connettività 5G.

L’importo complessivo del progetto è pari a 1 milione e 250 mila euro, di cui l’80% erogato dal MISE ed il 20% a carico dei proponenti.

Responsabile e referente scientifico del progetto è Stefano Buzzi, ordinario di Telecomunicazioni presso l’Università di Cassino e da lungo tempo studioso delle reti cellulari di nuova generazione. “Il progetto – ha affermato – permetterà di implementare simultaneamente connessioni a banda ultralarga e connessioni a bassa latenza ed alta affidabilità, consentendo di confrontare i trade-off sperimentali di prestazioni con quelli predetti dagli studi teorici. Si tratta certamente di una grande opportunità di crescita per i nostri studenti e i nostri giovani ricercatori”.

Per il Rettore dell’ateneo cassinate, Giovanni Betta, “questo progetto rappresenta una grande opportunità di sviluppo per il territorio laziale e conferma il ruolo dell’Università di Cassino come volano di innovazione e sviluppo nell’area. La conferenza stampa di oggi è anche un segnale che testimonia la piena ripresa delle attività di ricerca e progettuali dell’ateneo, dopo il periodo di rallentamento dovuto all’emergenza sanitaria in atto. Guardiamo ora con ottimismo e fiducia ai prossimi mesi”.

“Questa importante partnership – ha commentato Luigi Angelucci, Area Manager Local di TIM – aggiunge ulteriore valore al ruolo di TIM, che mette a disposizione le sue competenze tecnologiche e le sue infrastrutture più avanzate per lo sviluppo di nuove soluzioni digitali al servizio delle città e del territorio, proponendosi come partner di riferimento per le Pubbliche Amministrazioni e le imprese”.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    qboxmail_zoom

    Qboxmail si integra con Zoom

    Pianificare un video meeting, anche con persone esterne all’azienda, è semplice e immediato grazie all’integrazione di Zoom all’interno della Webmail di Qboxmail
    Il mercato del VoIP si innova: le infrastrutture migrano al cloud

    Il mercato del VoIP si innova: le infrastrutture migrano al cloud

    I vantaggi: continuità, maggior mobilità, sensibile riduzione dei costi di manutenzione
    Boom di dispositivi IoT: quali rischi per la Supply Chain?

    Boom di dispositivi IoT: quali rischi per la Supply Chain?

    Minacce multilivello, punti deboli e motivazioni degli attacchi
    Conad Nord Ovest: efficienza e sostenibilità con IBM e Var Group

    Conad Nord Ovest: efficienza e sostenibilità con IBM e Var Group

    Obiettivo: rendere più efficaci i processi di comunicazione e abilitare lo smart working
    Attacchi cyber in aumento: attenzione ai dispositivi IoT

    Attacchi cyber in aumento: attenzione ai dispositivi IoT

    Il tasso di infezione è maggiore per i dispositivi assegnati a indirizzi IP pubblici