Home Vertical FinanceTech Banca Popolare di Sondrio diventa digitale con Ipanema SD-WAN

Banca Popolare di Sondrio diventa digitale con Ipanema SD-WAN

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Banca Popolare di Sondrio ha scelto la soluzione Ipanema SD-WAN di Infovista per supportare il proprio processo di innovazione digitale. Con questa scelta, Banca Popolare di Sondrio sarà in grado di offrire a clienti e dipendenti esperienze digitali che semplificano e razionalizzano le operazioni, migliorano convenienza e tempi di risposta e assicurano altri vantaggi, garantendo alte prestazioni applicative e un’elevata qualità dell’esperienza dell’utente (QoE). La soluzione combina capacità avanzate di visibilità e controllo delle applicazioni con machine learning e automazione intelligente, migliorando prestazioni e affidabilità delle applicazioni.

Fondata nel 1871, Banca Popolare di Sondrio impiega circa 2.700 dipendenti e ha circa 500 filiali in tutta Italia. Pur essendo una delle più antiche istituzioni finanziarie del Paese, ha adottato e promosso nuove tecnologie per fornire servizi online innovativi alle principali istituzioni pubbliche e private, tra cui GesTes (Gestione telematica dei servizi di tesoreria) nonché la firma digitale per l’autorizzazione durante lo scambio di informazioni sensibili.

Tuttavia, la graduale espansione delle capacità digitali della banca ha reso critica nel tempo la gestione delle prestazioni di applicazioni e servizi dipendenti dalla WAN. Il team delle operazioni di rete ha riscontrato difficoltà con vari strumenti di flusso di rete, di diagnostica e di risoluzione dei problemi, oltre che con strumenti speciali utilizzati dai team di sviluppo e dell’help desk per risolvere criticità delle prestazioni di rete.

“Le prestazioni della WAN, e la qualità dell’esperienza utente offerta dalle nostre applicazioni, sono essenziali per le nostre attività commerciali. Il nostro obiettivo era migliorare in tre aree chiave relative a visibilità, controllo e prestazioni delle applicazioni”, afferma Claudio Libera, Network Engineer della Banca Popolare di Sondrio.

Dopo una valutazione dettagliata di più fornitori e diverse dimostrazioni di Proof-of-Concept, la banca ha scelto la soluzione Ipanema SD-WAN di Infovista. “Il nostro processo di valutazione ha evidenziato che solo Infovista ci consentiva di soddisfare tutte le nostre esigenze offrendoci il processo di implementazione più semplice”, spiega Claudio Libera.

La semplicità nasce dall’esclusiva architettura di Infovista Transparent Hybrid SD-WAN, che ha permesso alla banca di ottenere visibilità e controllo delle applicazioni end-to-end senza dover effettuare il re-engineering della rete in ogni filiale o ufficio.

Infovista utilizza agenti software ubicati in ciascuno dei 6 data center gestiti dalla banca per trasformare le sedi delle filiali e gli uffici remoti in “siti definiti da software.” Gli agenti gestiscono dinamicamente i complessi flussi di traffico applicativo nella rete MPLS e su altre fonti di connettività come linee in leasing e ADSL, sulla base delle policy di routing definite dalla banca. Ciò include alcune situazioni in cui i flussi da e verso una filiale terminano e hanno origine in più data center, compreso Internet. L’ottimizzazione WAN integrata accelera i tempi di risposta delle applicazioni ottimizzando i protocolli e aumentando la larghezza di banda disponibile, grazie a una sostanziale riduzione del volume di dati non necessari trasmessi attraverso la rete.

La soluzione Infovista è attiva nella maggior parte delle sedi della banca e funziona senza interruzioni da oltre 24 mesi, il che ha permesso al Network Engineer Claudio Libera di apprezzarne i benefici.

“I miglioramenti in termini di visibilità e controllo della rete sono stati significativi – dichiara Libera. Abbiamo implementato policy di gestione che ci permettono di vedere all’istante il funzionamento di applicazioni e servizi in ogni sede collegata alla nostra WAN. Se sorgono problemi, siamo in grado di intervenire proattivamente per gestire in modo dinamico i nostri controlli sulla qualità del servizio e migliorare le prestazioni delle applicazioni prima che una criticità impatti sui nostri servizi o influisca negativamente sulle relazioni con i clienti.”

Un altro importante vantaggio è la flessibilità della soluzione che consente alla Banca di configurare gli allarmi sulle prestazioni di rete e delle applicazioni in modo granulare e altamente mirato. “Veniamo avvisati in qualsiasi momento della giornata in caso di evento critico a carico della rete o di un’applicazione”, aggiunge.

“Ipanema SD-WAN di Infovista ci ha dato la certezza di poter controllare le prestazioni di rete. In linea con l’evolvere dei nostri servizi digitali, la soluzione ci offre una solida base per pianificare meglio le future esigenze di rete e ci consente di aggiungere capacità in modo flessibile e integrato per centrare i nostri obiettivi di business.”

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Customer experience e piattaforme di acquisto digitale

    Customer experience e piattaforme di acquisto digitale

    L’82% dei manager di grandi aziende dichiara un legame diretto tra la Customer Experience e le performance di business
    Apre a Milano la sede italiana di QuantumBlack

    Apre a Milano la sede italiana di QuantumBlack

    La società di advanced analytics e intelligenza artificiale, acquisita da McKinsey nel 2015, conta ora 13 uffici nel mondo
    Convergenze-logo

    Convergenze diventa Società Benefit

    Ampliato l'oggetto sociale di Convergenze con l'obiettivo di comprendere anche finalità di beneficio comune
    Scoperte nuove vulnerabilità della MFA del cloud Microsoft 365

    Scoperte nuove vulnerabilità della Multi Factor Autentication di Microsoft 365

    Gli aggressori possono bypassare l'autenticazione e accedere alle applicazioni cloud che utilizzano il protocollo
    Documenti aziendali: 1 italiano su 3 accede dal dispositivo personale

    Documenti aziendali: un italiano su tre accede con il dispositivo personale

    La diffusione del lavoro remoto a seguito della pandemia obbliga a rivedere le policy di sicurezza