Home News Il potenziale tecnologico del 5G allo Huawei Better World Summit 2020

Il potenziale tecnologico del 5G allo Huawei Better World Summit 2020

-

Tempo di lettura: 5 minuti

Si è svolto dal 27 al 29 luglio l’evento digitale Huawei Better World Summit, durante il quale l’azienda si è concentrata sul potenziale tecnologico del 5G come leva del successo commerciale e fonte di crescita del business, in grado di fornire soluzioni di valore ai vari settori e alla società.

China Telecom, Etisalat, MTN, GSMA e 3GPP/ETSI sono solo alcuni tra gli ospiti dell’evento, oltre alle migliaia di partecipanti online che si sono collegati da oltre 80 Paesi diversi per esplorare come l’ICT può alimentare la nuova crescita economica sia adesso che nella società della post-pandemia.

Sfruttare tutto il potenziale del 5G per favorire il successo commerciale

Guo Ping, Rotating Chairman di Huawei, ha spiegato come solo la sinergia tra i cinque principali settori tecnologici contribuirà a sbloccare il vero potenziale del 5G per favorire il successo commerciale.

Sinergia tra i cinque principali settori tecnologici

Ci sono già oltre 90 milioni di utenti 5G in tutto il mondo e questo significa che sfruttare questa rete non significa solo avere una migliore connettività. Quando tecnologie come 5G e AI si uniscono, si rafforzano a vicenda e creano numerose opportunità in cinque importanti aree tecnologiche: connettività, AI, cloud, informatica e applicazioni industriali. Affinché il 5G abbia successo commerciale, l’intero settore deve lavorare insieme. Le applicazioni del settore verticale possono essere replicate su larga scala solo quando sono presenti standard industriali unificati e un ecosistema collaborativo. “Huawei raddoppierà gli sforzi per fornire ai propri partner le capacità di cui hanno bisogno”, ha affermato Ping.

Bilanciamento degli obiettivi a breve e lungo termine

Guo Ping ha dichiarato: “Dato l’attuale contesto economico, gli operatori devono concentrarsi su obiettivi sia a breve che a lungo termine. Adottando una gestione equilibrata possono ottimizzare il valore delle loro reti”.

Huawei ha tre suggerimenti in merito:

  1. In primo luogo, gli operatori dovrebbero dare la priorità all’esperienza utente e investire dove è maggiormente necessario per ottimizzare il valore delle reti esistenti.
  2. In secondo luogo, gli operatori dovrebbero sfruttare al meglio le reti 4G e FTTx esistenti e integrarle con le nuove reti 5G attraverso un coordinamento olistico e una pianificazione precisa.
  3. In terzo luogo, i piani di distribuzione del 5G dovrebbero dare la priorità agli hotspot e alle applicazioni chiave del settore.

 

L’ Executive Director e President Carrier BG Ryan Ding ha spiegato che, poiché la crisi COVID-19 continua a livello globale, gli operatori devono essere preparati a gestire quattro principali aree della costruzione della rete e dello sviluppo del business:

  1. Ottimizzare il valore delle reti esistenti per rispondere al crescente traffico di dati durante la pandemia e migliorare il TCO dei siti.
  2. Concentrarsi sull’esperienza utente e costruire le migliori reti 5G possibili. La migliore esperienza di rete porta il più grande successo commerciale.
  3. Accelerare la commercializzazione del 5G nel B2B per realizzare maggiori opportunità commerciali. Gli operatori devono scegliere i settori giusti e creare nuove funzionalità 5G destinate al B2B. Devono anche spingere per standard di settore unificati al fine di accelerare l’adozione del 5G su larga scala nel B2B.
  4. Gli operatori devono costruire reti orientate al futuro. L’industria delle telecomunicazioni deve riflettere attentamente su come le loro reti possono essere adattate alle esigenze in continua evoluzione delle pesone, famiglie e imprese, nonché su come sostenere lo sviluppo dell’economia digitale.

Il 5G porta nuovo valore ai diversi settori e alla società

Ritchie Peng, Presidente Huawei 5G Product Line, ha spiegato che “il 5G è il fondamento della digitalizzazione industriale. Se impiegato su infrastruttura unificata, offre funzionalità di suddivisione end-to-end (E2E) e funzionalità di rete avanzate per soddisfare i requisiti di vari casi di utilizzo industriale, promuovendo allo stesso tempo lo sviluppo di vari applicativi, l’AI e il cloud. Il 5G aiuta le industrie a migliorare l’efficienza energetica, generare nuovo valore e crescere ulteriormente”.

Abilitando una fusione naturale tra i vari settori, il 5G estende le connessioni digitali incentrate sulle persone a scenari che richiedono connessioni tra oggetti. Ciò porterà a quattro cambiamenti significativi:

  1. Servizi di rete diversificati: Oltre al comune accesso mobile a internet, le reti 5G forniranno connessioni a case e imprese, consentendo varie applicazioni industriali, come lo streaming live wireless HD, la telemedicina, il controllo remoto e la manifattura intelligente.
  2. Potenzialità globali: Pur offrendo una larghezza di banda in downlink superiore, le reti 5G garantiranno anche una maggiore larghezza di banda in uplink, una trasmissione a bassa latenza e una maggiore affidabilità, in particolare per le applicazioni industriali, oltre a molte altre funzionalità.
  3. Diversi terminali: Oggi gli smartphone funzionano come terminali mainstream per reti 3G e 4G. Con l’avvento graduale del 5G, un più ampio spettro di dispositivi avrà anche accesso a reti, come apparecchiature CPE (Customer Premises Equipment), telecamere e veicoli aerei senza pilota (UAV).
  4. Una connessione di valore: Essendo incentrate sulle persone e orientate agli oggetti, le connessioni 5G non solo forniranno esperienze utente eccellenti, ma consentiranno anche alle industrie di ottimizzare le modalità di produzione per una maggiore efficienza energetica e migliorare gli ambienti di lavoro, pur mantenendo l’impegno per lo sviluppo sostenibile.

Responsabilità condivisa per un futuro condiviso

Catherine Chen, Senior, Vice President e Direttore del Board Huawei, è intervenuta a conclusione del Summit, incoraggiando i regolatori delle telecomunicazioni di molte nazioni e settori a lavorare insieme per affrontare le sfide condivise che sono emerse a seguito della pandemia di COVID-19 e creare un futuro più inclusivo per tutti e per ogni società.

“Per rilanciare l’economia, abbiamo bisogno del sostegno alle politiche governative associate alla trasformazione digitale in modo da poter portare i vantaggi della tecnologia digitale a tutti, ripristinando l’efficienza e la crescita”, ha affermato Catherine Chen.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Eleonora Faina

    Eleonora Faina è il nuovo Direttore Generale di Anitec-Assinform

    Con la nomina della dottoressa Faina, l’associazione intende rafforzare il proprio contributo alla definizione delle politiche e azioni - nazionali ed europee - in materia di digitalizzazione del Paese
    Dispositivi mobile: il decalogo della sicurezza aziendale

    Dispositivi mobile: il decalogo della sicurezza aziendale

    Una violazione della sicurezza via mobile può avere un impatto devastante sull’intera infrastruttura IT
    InsurTech Report: come soddisfare i bisogni digitali dei clienti

    InsurTech Report: come soddisfare i bisogni digitali dei clienti

    L’incremento dell’engagement e delle aspettative dei clienti provocati dalla pandemia da COVID-19 rappresenta un’opportunità
    TikTok ha scelto Oracle come fornitore di cloud sicuro

    TikTok ha scelto Oracle come “fornitore di cloud sicuro”

    Oracle Corporation  ha annunciato di essere stata scelta per diventare il fornitore di tecnologia cloud sicuro di TikTok.  Questa decisione tecnica di TikTok è...
    Documenti aziendali: 1 italiano su 3 accede dal dispositivo personale

    Documenti aziendali: un italiano su tre accede con il dispositivo personale

    La diffusione del lavoro remoto a seguito della pandemia obbliga a rivedere le policy di sicurezza