Necessario volgere l’emergenza in opportunità, comprendendo che la tecnologia è il vero elemento propulsore della ripresa

Digital transformation: il futuro è adesso
Tempo di lettura: 3 minuti

L’emergenza che stiamo vivendo ha evidenziato in maniera drammatica tutte le lacune della digital transformation del nostro Paese. Per anni le aziende hanno ritardato molte delle scelte necessarie per un reale passaggio verso la digital transformation e il lavoro “agile”, ma si sono trovate, oggi, a dover superare tutte le barriere, accelerando improvvisamente i processi di trasformazione: la connessione digitale rappresenta, infatti, insieme ad una tecnologia avanzata e adeguata, lo strumento chiave per evitare il blocco dell’intera economia italiana e permettere ai professionisti di continuare a lavorare. Lo smart working è diventato la nuova “normalità”.

Ma la digital transformation conseguente all’emergenza in atto, ha impattato su tantissimi altri ambiti, sicuramente meno evidenti dello smart working e meno sotto gli occhi dei più, ma altrettanto importanti. Pensiamo ad esempio al settore sanitario, dove sono stati sviluppati molti nuovi servizi “senza contatto”, come la “telemedicina”, grazie alla quale i medici possono controllare a distanza lo stato di salute dei propri pazienti, o all’e-commerce, così utile, o in generale allo sviluppo di piattaforme digitali, ad esempio per la didattica a distanza. Anche un settore “vetusto” come la scuola ha dovuto – anche se più lentamente – mettere in atto un processo di digitalizzazione importante.

Ma tornando al cambiamento più lampante attualmente in corso, ossia il lavoro agile, o smart working, i dati raccolti dall’Osservatorio del Politecnico di Milano ad Ottobre 2019 parlavano di circa 510/520 mila smart workers in Italia. Nelle ultime tre settimane, la stragrande maggioranza degli uffici e dei servizi sono passati a questa modalità. Si stima che, attualmente, solo nel nord Italia, si possono contare più di 2 milioni di lavoratori che continuano a svolgere le proprie mansioni “a distanza”.

“L’emergenza sanitaria ha contribuito inevitabilmente a modificare il modo di lavorare e rapportarsi alla tecnologia. In poche settimane si stima che il numero di dipendenti in smart working sia almeno quadruplicato rispetto al normale regime. In un certo senso, ed estremizzando il concetto, il coronavirus potrebbe rappresentare “l’opportunità” di cui le aziende italiane avevano bisogno per scardinare la propria routine e fare quel passo in avanti che hanno rimandato fino ad oggi. Nel momento di estrema necessità, le aziende hanno capito che investire in tecnologia, in strumenti più performanti e tecnologicamente avanzati, in dispositivi mobili, in sicurezza di rete e in soluzioni di storage all’avanguardia era l’unico modo per evitare il lockdown totale dell’attività. Ma c’è un altro aspetto importante da considerare: la mole di dati. Già altissima pre-emergenza, in questo momento è ulteriormente cresciuta e le aziende devono essere in grado di gestirla, assicurando sempre la continuità dei propri servizi. Essere veramente Always On, questo è un fattore di differenziazione competitiva. È necessario dunque assicurarsi di poter intervenire tempestivamente in caso di mal funzionamenti o guasti e, in questo momento di distanziamento sociale, durante il quale non si può intervenire fisicamente con il supporto di tecnici, le aziende devono poter contare su tecnologie e partner che possono supportarle anche da remoto in modo completo e continuo.

Da anni in linkInfinidat investiamo nello sviluppo di soluzioni software-defined sempre più sofisticate, per garantire ai nostri clienti non solo un’elevata affidabilità e la massima disponibilità, ma soprattutto un supporto impeccabile. In un periodo di quarantena, dove le aziende decidono di chiudere i datacenter per prevenire contatti ravvicinati tra i tecnici, svolgere il 98% degli interventi da remoto, garantendo la continuità del business, per noi è la regola non un plus. Gli imprenditori devono comprendere che investire in tecnologia innovativa (meglio ancora se a prezzi competitivi) è un elemento propulsore per il futuro e che non possono più farne a meno per rimanere competitivi” spiega Donato Ceccomancini, Country Manager Infinidat Italia.