Si dovrebbe però assistere ad una modifica dei criteri di selettività per autonomi e professionisti in modo da ridurre la base degli aventi diritto

bonus INPS ad aprile
Tempo di lettura: 1 minuto

Dopo il successo del decreto Cura Italia lanciato dal Governo per il mese di Marzo, secondo quanto dichiarato dal ViceMinistro dell’Economia Antonio Misiani, l’aiuto a lavoratori autonomi e Partite Iva continuerà anche per aprile. E’ previsto infatti un nuovo Bonus INPS ad aprile che passerà però dai 600 euro dello scorso mese ad 800 euro. Una aumento di 200 euro a persona quindi.

C’è però da fare una precisazione: in base a quanto affermato dal Viceministro a Radio  Capital, il bonus non sarà erogato per lo stesso numero di richiedenti di marzo. Saranno infatti modificati i criteri di selettività per autonomi e professionisti in modo da rendere il bonus INPS ad aprile solo per coloro che ne hanno davvero più bisogno. Al momento però non sono chiari i requisiti necessari poter ottenere il bonus. Le modalità di richiesta, invece, dovrebbero essere le medesime di marzo.

L’impegno del governo non è limitato soltanto verso le partite IVA, ma è prevista inoltre l’introduzione di un reddito di emergenza per le fasce economicamente più deboli del Paese. Anche in questo caso, essendo il decreto ancora non ufficiale (è atteso per il 20 aprile), non si conoscono i dettagli.

Sarebbe inoltre previsto dalla norma un mini-assegno per i cosiddetti “lavori discontinui“, cioè per coloro che dimostrano di aver lavorato per brevissimi periodo di 1-2 settimane negli ultimi 2 anni.

Il decreto prevede anche la proroga della cassa integrazione che prima era soltanto di un massimo di 9 settimane. Non è chiaro al momento di quanto sarà l’estensione.

Sarà anche prorogato il congedo parentale straordinario o del bonus baby sitter, oltre che delle scadenze fiscali che potrebbero riguardare anche l’IMU e la Tari.

Si parla infine anche di un bonus figli under 14.