Home News Panorama occupazionale italiano: le professioni più pagate

Panorama occupazionale italiano: le professioni più pagate

-

Tempo di lettura: 4 minuti

Lo scorso 26 settembre Glassdoor ha fatto ufficialmente ingresso nel mercato italiano, per offrire a chi è in cerca di impiego una maggiore conoscenza delle opportunità professionali e degli ambienti di lavoro attraverso recensioni e informazioni condivise dagli stessi dipendenti delle aziende. In questa circostanza, l’azienda ha realizzato uno studio relativo al panorama occupazionale italiano.

Riconosciuto come uno dei paesi culturalmente più influenti al mondo nonché quarta economia europea, l’Italia si trova oggi ad affrontare una situazione economica incerta, con importanti riflessi sul piano occupazionale, che rende quanto mai importante, per coloro in cerca di un impiego, essere ben informati sulle opportunità disponibili, sulle figure più ricercate e sugli stipendi offerti nei diversi settori. Nonostante il rallentamento economico del paese nell’ultimo anno, le offerte di lavoro presenti sul sito di Glassdoor sono aumentate del 16,6% rispetto al 2018, raggiungendo quota 58.3612. Frutto di uno scenario del mondo lavorativo in costante mutamento, in cui emergono nuove figure professionali e specializzazioni.

I profili più richiesti: professioni e competenze digitali al primo posto

Quali competenze cercano oggi di più i datori di lavoro italiani? Per rispondere a questa domanda, Glassdoor ha stilato una classifica dei 15 ruoli più richiesti dalle aziende sulla base del numero di posizioni aperte sulla piattaforma. Ai primi tre posti si sono posizionati il ruolo di Project Manager, ricercatissimi soprattutto da grandi imprese che si occupano di sviluppare progetti per grandi clienti internazionali, il Mechanical Designer, riflesso della tradizione industriale italiana e lo Sviluppatore di Software, professione sempre più centrale con l’avanzata del digitale. Proprio quello delle tecnologie digitali è anche l’ambito di gran lunga con più specializzazioni in classifica, ben 4. Le aziende italiane sono, infatti, sempre più alla ricerca di Sviluppatori di software, Ingegneri di sistema, Sviluppatori Java e Ingegneri di software. Dove si assume di più? Nonostante ci siano posizioni aperte in tutte le grandi città italiane, la stragrande maggioranza delle assunzioni rimane concentrata al nord, in particolare a Milano e, più in generale, in Lombardia.

Prendendo in esame invece gli ambiti in cui è maggiore la richiesta di skill digitali, inizia a crescere in maniera sensibile il numero di aziende “non Tech” interessate a candidati con caratteristiche di questo tipo, soprattutto nei settori legale, manifatturiero, bancario e farmaceutico, che si dimostrano anche disponibili ad offrire stipendi più alti rispetto all’IT tradizionale pur di accaparrarsi i migliori talenti. Ad esempio, se lo stipendio medio di un Ingegnere di software o di sistema in ambito IT si attesta intorno ai 37mila euro, lo stesso ruolo nel settore Bancario arriva a guadagnare circa 41mila euro e addirittura 43mila nel manufacturing (una differenza di ben il 16%). Segno tangibile di come la trasformazione digitale in atto stia rapidamente mutando le priorità delle aziende anche in Italia.

Le 15 figure professionali più ricercate su Glassdoor in Italia

Quali settori assumono figure specializzate in ambito tech?

Settori e posizioni con gli stipendi più alti: una questione di seniority

Se si guarda alle posizioni aperte che promettono stipendi più alti, non sorprende che quasi la totalità delle offerte è per ruoli manageriali con un livello di esperienza molto alto, come ad esempio il General Manager, in assoluto la figura con lo stipendio più invidiato (€86,773 all’anno), il Regional Sales Manager (€60,442) e il Commercial Manager (€58,796). Tra le prime dieci posizioni più pagate, fa eccezione a questa regola solo il Solutions Architect, un ruolo di ambito Tech relativamente senior, che ha uno stipendio medio di €52,336 all’anno.

I 5 settori che pagano di più in Italia

Un ultimo sguardo va infine agli stipendi medi nei diversi settori. Se, generalmente, quello tecnologico è l’ambito con gli stipendi più alti, non è così in Italia, dove l’Energy & Utilities si rivela il settore più remunerativo con quasi 48mila euro di media, mentre le aziende che offrono i compensi più bassi operano nella ristorazione/bar con una RAL media poco superiore ai 30mila euro.

I 10 ruoli più pagati

“La nostra analisi mostra un panorama del mondo del lavoro in Italia molto variegato ma in cui le aziende sono accumunate dalla ricerca dei migliori talenti, in grado di agevolarle nel processo di trasformazione digitale, commenta John Lamphiere, Vice President e Managing Director di Glassdoor EMEA. Il nostro ruolo in questo senso è quello di migliorare il loro percorso di ricerca e assunzione in Italia, favorendo la presenza di candidati più consapevoli e informati e dunque con possibilità più alte di incontrare le esigenze dei datori di lavoro.”

  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    google-cloud-logo

    Nokia e Rémy Cointreau scelgono Google Cloud

    Le due aziende scelgono la tecnologia Google per migliorare i propri processi
    Data Management as a Service

    Data Management as a Service: Cohesity si allea con AWS

    La prima proposta DMaaS (Data Management as a Service) nel suo genere apre una nuova strada nel data management per clienti di medie dimensioni ed enterprise
    Remote Working: come cambia il futuro del lavoro

    Remote Working: come cambia il futuro del lavoro

    Il lavoro da remoto rende più produttivi, ma potrebbe provocare senso di isolamento e una riduzione del tasso di innovazione
    Italgas: trasformazione digitale grazie a Microsoft

    Italgas: trasformazione digitale grazie a Microsoft

    Obiettivo: sviluppare Cloud Computing, Big Data, IoT e Intelligenza Artificiale
    L'Università Federico II di Napoli sceglie Eaton

    L’Università Federico II di Napoli sceglie Eaton

    L'ateneo ha modernizzato la propria infrastruttura IT con importanti risultati in termini di miglioramento della continuità operativa