L’americana JMA Teko, insieme ai giovani ingegneri dell’Università di Bologna, ha presentato la prima soluzione al mondo per connessioni wireless in ambienti chiusi con un’alta concentrazione di persone

TIM ed Ericsson sperimentano la core network 5G cloud native

Alcune città italiane hanno già lanciato il 5G outdoor, ma che dire della sua evoluzione In-Building a onde millimetriche? Anche le connessioni veloci all’interno di edifici, fabbriche, stadi, ecc è già stata sviluppata in Italia dall’americana JMA Teko grazie al lavoro di giovani ingegneri dell’Università di Bologna. La soluzione è stata presentata durante un evento al quale hanno partecipato il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il Console Generale USA Benjamin Wohlauer.

“Quella che abbiamo presentato – spiega Remo Ricci, AD di JMA Teko – è la prima soluzione al mondo che sfrutta la tecnologia 5G ad onde millimetriche per connessioni wireless multi operatore in ambienti chiusi con un’alta concentrazione di persone (fabbriche, stadi, palazzi, centri commerciali, centri fieristici). L’impatto di questa nuova tecnologia – conclude Ricci – avrà particolare rilievo nel mondo produttivo, nell’industria 4.0, ad esempio nel trasferimento dati ai robot e consentirà una copertura del segnale migliore e più potente.”

La soluzione 5G di JMA Teko nasce dalla combinazione di due elementi. Da un lato la piattaforma di accesso XRAN totalmente virtualizzata e sviluppata nel centro di Ricerca JMA di Castel San Pietro Terme, dall’altro la componente radio ad onde millimetriche, studiata e realizzata dal team di progetto di JMA Wireless con sede negli USA. La società ha già sottoscritto accordi con Tim, per lo sviluppo di questa tecnologia ‘in-building’ e ha cablato gli stadi di San Siro a Milano e della Juventus a Torino.

“Siamo di fronte a una delle 35 imprese, tra cui grandi gruppi internazionali leader in ricerca e innovazione, che hanno scelto di puntare sull’Emilia-Romagna. Questo – ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccinigrazie alla legge regionale per la promozione degli investimenti, che dal 2016 ad oggi, attraverso tre bandi e un contributo della Regione di 74 milioni di euro, ha consentito di creare quasi 2.000 nuovi posti di lavoro, 13 centri ricerca e sviluppo e investimenti complessivi sul territorio emiliano-romagnolo, da Piacenza a Rimini, per oltre 600 milioni di euro. Gruppi che proprio in Emilia-Romagna hanno trovato le condizioni per crescere, soprattutto in settori ad alto valore aggiunto nei quali come Regione abbiamo investito puntando su formazione, ricerca e sviluppo, oltre alla rete regionale dei Tecnopoli, basata sul forte collegamento fra i nostri atenei e il mondo produttivo. In una logica di sistema che è quella del Patto per il Lavoro siglato con tutte le parti sociali, e ricadute importante in quell’indotto di piccole e medie imprese che rappresenta l’asse portante del nostro sistema economico.”

Per lo sviluppo della sede e dell’impianto produttivo a Castel San Pietro Terme (BO) JMA Teko ha investito 22,4 milioni di euro, con un contributo regionale (L. 14/2014) di quasi 2,3 milioni. Al momento la società impiega 194 persone, di cui 92 laureate (soprattutto ingegneri dell’Università di Bologna), che entro il 2020 diventeranno 260 (140 laureati). Il programma industriale nel breve/medio periodo prevede la costruzione di un nuovo stabilimento di circa 10 mila mq e la costituzione di una business unit dedicata all’ideazione e realizzazione di una vasta gamma di apparati per reti cellulari.