Home News Informatica50: la trasformazione digitale è iniziata a Pisa

Informatica50: la trasformazione digitale è iniziata a Pisa

-

Tempo di lettura: 1 minuto

Il prossimo 19 marzo, alle ore 12.30, la Sala Mappamondi del Rettorato dell’Università di Pisa (lungarno Pacinotti 43) ospiterà la presentazione di Informatica50, ciclo di iniziative per celebrare la ricorrenza dell’istituzione, all’Università di Pisa nel 1969, del primo corso di laurea in Informatica d’Italia, una pietra miliare che ha dato il via alla rivoluzione digitale del nostro Paese.

Presenteranno le iniziative e la giornata inaugurale del 25 marzo con lo scrittore Alessandro Baricco, il rettore dell’Università di Pisa Paolo Mancarella, il prorettore vicario Nicoletta De Francesco e il professore Gian-Luigi Ferrari.

 

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Canali di vendita: necessario un cambiamento del mix

    Canali di vendita: necessario un cambiamento del mix

    Con le nuove abitudini dei consumatori è necessario che i canali online coprano le perdite di quelli tradizionali
    Social Network: quanto li hanno usati gli italiani nel 2020?

    Social Network: quanto li hanno usati gli italiani nel 2020?

    I nostri connazionali passano quasi 2 ore ogni giorno sui social, con un aumento dell'81% durante la quarantena
    KAIROS, la nuova piattaforma Panasonic per produrre video live

    KAIROS, la nuova piattaforma Panasonic per produrre video live

    Un motore software proprietario funziona utilizzando la GPU del server
    Mitsubishi Electric presenta la tecnologia Scene-Aware Interaction

    Mitsubishi Electric presenta la tecnologia Scene-Aware Interaction

    Basata sul riconoscimento delle scene, mira ad un'interazione uomo-macchina più naturale e intuitiva